Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Jungletown Jihad

Di

Editore: Bompiani

2.9
(95)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 127 | Formato: Altri

Isbn-10: 884525576X | Isbn-13: 9788845255762 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: C. Prosperi

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Jungletown Jihad?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Una misteriosa banda di rapinatori arabi semina il terrore a Los Angeles conuna serie di omicidi. Il detective Jenson, sulle tracce degli assassini,scopre che Donna, la diva di cui è follemente innamorato, lavora con unopseudoregista trash, De Freeze, che non solo filma scene erotiche per poiricattare le vittime, ma finanzia anche il terrorismo islamico. Quando siaccorge che Donna ha accettato di collaborare con la polizia per incastrarlo,De Freeze la rapisce e fugge. Jenson saprà non solo liberare l'amata, ma anchesventare un attentato alla notte degli Oscar, che avrebbe dovuto inaugurareuna stagione di stragi e disastri.
Ordina per
  • 5

    Lode al traduttore, dev'essere stato un lavoro durissimo. Qui non parlerei di stile. Ha ormai gettato le basi della sua nuova lingua. Forse in futuro da qualche parte si parlerà l'ellroyano.

    ha scritto il 

  • 4

    islamici parossismi linguistici

    scritto in una maniera che + serrata nn è possibile, con una crasi costante, un vorticismo che raggiunge livelli perfino ostici per il lettore, giochi di parole, la sua tecnica ancora + estremizzata e scarnificata... un piacere se di breve durata, una cosa del genere oltre le pagine usate sarebbe ...continua

    scritto in una maniera che + serrata nn è possibile, con una crasi costante, un vorticismo che raggiunge livelli perfino ostici per il lettore, giochi di parole, la sua tecnica ancora + estremizzata e scarnificata... un piacere se di breve durata, una cosa del genere oltre le pagine usate sarebbe stata davvero un'impresa da sopportare e sostenere

    resta il fatto che in italia nessun noirista azzarda cose del genere, forse perché lo rifiuterebbero, il Maestro invece azzarda come ha sempre fatto e vince la scommessa!

    nota dolente dell'editore!!!!
    13 euro per 127 paginette, impaginate con un sacco di aria, sono un furto della bompiani, anche se la cover è rigida per giustificare il costo davvero eccessivo, siamo ai livelli della fanucci

    ha scritto il 

  • 5

    concentrato di ellroy

    questo breve romanzo è un concentrato della scrittura di ellroy.
    qui le sue ossessioni la fanno da padrone, mentre descrive una città, e una nazione, in preda al panico post 9/11
    violento, caustico, sardonico e feroce sfoga qui più che altrove la sua voglia di sperimentare con le paro ...continua

    questo breve romanzo è un concentrato della scrittura di ellroy.
    qui le sue ossessioni la fanno da padrone, mentre descrive una città, e una nazione, in preda al panico post 9/11
    violento, caustico, sardonico e feroce sfoga qui più che altrove la sua voglia di sperimentare con le parole e le lettere, giocandoci con abilità da maestro...

    ha scritto il 

  • 5

    Lo stile prosciugato

    Jungletown Jihad! Mi rendo conto che l'ultimo Ellroy non fa l'unanimità, ma l'operazione di 'asciugatura' linguistica e i fuochi artificiali stilistici di questo racconto lungo mi sembrano impareggiabili! Gadda formato L.A.? Bravissimo, per noi, il traduttore Prosperi.

    ha scritto il 

  • 2

    Una replica di "Scasso con stupro". E questa volta non ce la faccio proprio ad essere indulgente. Un Ellroy involuto, pesante, pesantissimo. Voto: fa cacare.

    ha scritto il 

  • 1

    Troppo telegrafico. Troppo slang. Troppe frasi senza verbo. Risulta così un racconto difficile da leggere, non tanto per il linguaggio esageratamente “da gangster” utilizzato dallo scrittore, ma per una struttura stilistica decisamente originale che a volte non permette di capire le azioni, e non ...continua

    Troppo telegrafico. Troppo slang. Troppe frasi senza verbo. Risulta così un racconto difficile da leggere, non tanto per il linguaggio esageratamente “da gangster” utilizzato dallo scrittore, ma per una struttura stilistica decisamente originale che a volte non permette di capire le azioni, e non si riesce a seguire la trama.
    La trama: Rick Jenson è un poliziotto di Los Angeles particolarmente violento e dal grilletto facile, sotto esame per un forte stato depressivo, perso dietro l’amore per Donna e i casi polizieschi che segue: ricatti sessuali, gangster assassinati, possibili attentati terroristici, ed alla fine tutto si lega insieme.

    ha scritto il