Kafka a la platja

Per

Editor: Empúries

4.1
(8224)

Language: Català | Number of Pàgines: 480 | Format: Mass Market Paperback | En altres llengües: (altres llengües) English , Chi simplified , Spanish , German , Italian , French , Swedish , Dutch , Portuguese , Slovenian , Czech , Finnish , Danish

Isbn-10: 8497872096 | Isbn-13: 9788497872096 | Data publicació:  | Edition 1

Translator: Albert Nolla

També disponible com: Paperback

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Kafka a la platja ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Registra't gratis
Descripció del llibre
Després de l'èxit aclaparador de Tòquio Blues, i amb un nombre de lectors cada dia més ampli, Haruki Murakami presenta una esplèndida nova novel·la que narra les desventures de dos carismàtics i extraordinaris personatges. Kafka Tamura és un estudiant solitari i disciplinat que un bon dia decideix fugir de casa i agafa un autobús en direccció a Takamatsu, un poble escollit a l'atzar, on trobarà una biblioteca privada per passar les hores i completar la seva educació autodidacta. Paral·lelament, la plàcida vida del vell Nakata, un home que parla amb els gats i està marcat per un accident d'infància que el va deixar mutil·lat, canviarà de manera tràgica i irreversible. Les odissees personals i sempre paral·leles d'aquests dos personatges convergeixen en una rica, suggerent i magnífica tragicomèdia construïda amb el ritme àgil, la delicadesa poètica i la destresa narrativa pròpies de Murakami, que demostra, una vegada més, la seva capacitat per crear personatges anodins i alhora excepcionalment seductors i l'atractiva peculiaritat del seu univers literari.
Sorting by
  • 3

    Lettura piacevole, accattivante, ma anche tanto surreale. Troppo per me.

    Pur amando Murakami, mi sono perso. Non sempre ho afferrato il significato metaforico fra le righe. Il crescendo surreale mi h ...continua

    Lettura piacevole, accattivante, ma anche tanto surreale. Troppo per me.

    Pur amando Murakami, mi sono perso. Non sempre ho afferrato il significato metaforico fra le righe. Il crescendo surreale mi ha allontanato da un'ipotetica comprensione piena di questa opera che rimane magistrale.

    dit a 

  • 2

    Troppo surreale. La trama sembra all' inizio accattivante, con i percorsi paralleli del giovane Kafka e del vecchio Nakata, con l'ombra di Edipo che grava sulla vita di Kafka e con il misterioso incid ...continua

    Troppo surreale. La trama sembra all' inizio accattivante, con i percorsi paralleli del giovane Kafka e del vecchio Nakata, con l'ombra di Edipo che grava sulla vita di Kafka e con il misterioso incidente accaduto a Nakata bambino. Ma dove va a parare tutto questo? In una dimensione troppo surreale..

    dit a 

  • 5

    È un libro particolare, in cui bisogna lasciare da parte la razionalità e farsi guidare dall'autore attraverso il Giappone seguendo i viaggi dei due protagonisti. I quali non si incontreranno mai, ma ...continua

    È un libro particolare, in cui bisogna lasciare da parte la razionalità e farsi guidare dall'autore attraverso il Giappone seguendo i viaggi dei due protagonisti. I quali non si incontreranno mai, ma i cui destini saranno legati fin dalle prime righe.

    dit a 

  • 5

    Eccezionale, tanto per cambiare

    Non credo di dire qualcosa di molto originale, ma ho la sensazione che la magia unica ed incredibile che si sprigiona dai libri di Murakami discenda direttamente dal loro raccontare una realtà che def ...continua

    Non credo di dire qualcosa di molto originale, ma ho la sensazione che la magia unica ed incredibile che si sprigiona dai libri di Murakami discenda direttamente dal loro raccontare una realtà che definirei appena-parallela.
    Ho già avuto questa sensazione con molti suoi altri libri: di fatto la realtà che ci racconta è assolutamente plausibile, quasi-normale, quasi-reale, semplicemente spostata di qualche millimetro dalla realtà come la conosciamo. L'effetto complessivo è di straniamento, ma uno straniamento appena percettibile, particolarmente inquietante proprio perché in alcuni tratti la realtà alternativa del grande scrittore giapponese e quella cui siamo abituati sembrano coincidere, salvo poi presentare delle zone in cui non combaciano, lasciando il lettore perplesso. Un po' come succede nel cinema quando viene usato un jump cut: le parti della storia sono coerenti e filano, ma sembra quasi che ci sia un falso raccordo a tenerle assieme.
    Aggiungiamoci la maestria con cui gli aspetti più assurdi vengono introdotti, in maniera perfettamente naturale, e otteniamo il genio assoluto di questo scrittore: ogni volta che affronto un suo libro lo faccio accostandomi ad esso con un misto di perplessità e ammirazione, e lo finisco con un senso di ammirazione e stupore.
    Libro bellissimo e magico, col suo filo logico spezzato in più punti. Da leggere!

    dit a 

  • *** Aquest comentari conté spoilers! ***

    3

    Sebbene mi sia piaciuta la metafora dell'uomo - o ragazzo - che tenta di arrestare il destino, nonché una bufera di vento e sabbia, non apprezzo la decisione dell'autore di lasciare gran parte dei mi ...continua

    Sebbene mi sia piaciuta la metafora dell'uomo - o ragazzo - che tenta di arrestare il destino, nonché una bufera di vento e sabbia, non apprezzo la decisione dell'autore di lasciare gran parte dei misteri irrisolti, per meglio dire sotto forma di ipotesi. Indubbiamente, comprendo che questo avviene perché non è possibile spiegare tutto a parole ma, per gusto personale, amo quando i tasselli si rimettono al loro posto.
    La trama è particolare e originale, arricchita da una descrizione ricca di dettagli e minuzie.

    dit a 

  • 3

    - Buongiorno signor Tamura, mi chiamo Alice e mi sono smarrita.
    - Buongiorno signorina Alice, non è che per caso lei è la mia mamma?
    - Perché mi fa una domanda così complicata e piena di sottotesti, s ...continua

    - Buongiorno signor Tamura, mi chiamo Alice e mi sono smarrita.
    - Buongiorno signorina Alice, non è che per caso lei è la mia mamma?
    - Perché mi fa una domanda così complicata e piena di sottotesti, signor Tamura? Le ho appena detto che mi sono smarrita, dovrebbe occuparsi di più delle persone che incontra, distogliendo almeno per un momento lo sguardo dal suo ombelico, anche se sembra davvero ben fatto, non che me intenda, ma davvero ha attirato la mia attenzione.
    - Gentile signorina Alice, le potrò sembrare un ragazzo come tutti gli altri, ma sento che dentro di me alberga un vuoto, una enorme cavità scura che produce una pressione insopportabile. Il mio pensiero va al di là delle semplici superfici. Oltre l’ombelico percepisco il labirinto interiore in cui la mia anima si aggira disperata per trovare l’origine di questo fermento che mi urge dentro.
    - Signor Tamura, lei sembra un ragazzo simpatico, quindi le confesserò un segreto, una cosa che non ho mai detto a nessuno. Anche a me capita talvolta di percepire dentro di me la stessa sensazione. Allora entro nel bosco, nel punto più profondo del labirinto, e faccio una puzzetta.
    - Lei è adorabile, signorina Alice, sono sicuro di non aver mai incontrato una creatura come lei e credo di essere sul punto di innamorarmi. Mi dà il permesso di sognarla?
    - La mamma, la mia mamma, non lo permetterebbe di certo, sa, le convenzioni narrative la irritano, e i giovanotti troppo intraprendenti non hanno mai attraversato più di un paio di metri del suo ristretto orizzonte.
    - Signorina Alice, mi faccia conoscere la nonna, la imploro. Non sono mai stato tanto felice.
    - Tamura Kafka, lei è proprio un personaggio originale sa? Mi ha rallegrato la giornata, e le assicuro che non capita spesso. Ma è ora per lei di riprendere la strada, il coniglio bianco la aspetta.
    - Può essere che sia lui la mia mamma?
    - Lo segua, solo così potrà esserci sviluppo, e stia attento a dove mette i piedi.

    dit a 

  • 4

    Secondo approccio con Murakami.
    In Kafka sulla spiaggia costruisce con cura una serie concatenata di eventi giocando su due dimensioni parallele, in sempiterno dislivello ed in bilico tra sogno e real ...continua

    Secondo approccio con Murakami.
    In Kafka sulla spiaggia costruisce con cura una serie concatenata di eventi giocando su due dimensioni parallele, in sempiterno dislivello ed in bilico tra sogno e realtà. E' subito chiaro che l'autore non dà tutte le spiegazioni, ma spinge il lettore a cercare il significato tra le righe, ad arrovellarsi sui perché e i come e a soffermarsi su alcune riflessioni disseminate qua e là nel romanzo; la prima parte del libro sembra avere un filo logico e scorre piacevolmente, mentre la seconda parte scivola nell'incerto e tutto acquista una valenza più fumosa e poco chiara.
    Per tutta la durata della lettura ho come avuto l'impressione di ritrovarmi io stessa in questo ambiente così surreale e cupamente onirico in cui non bisogna mai lasciarsi ingannare dall'apparenza. Sicuramente mi ha colpito in positivo il Murakami visionario, ma allo stesso tempo mi ha anche spiazzata per la presenza quasi costante di irrazionalità ed eccentricità di situazioni... I riferimenti alla mitologia e al teatro greco, alla filosofia di Hegel, alla psicoanalisi di Freud e Jung e alla musica sono i pregi dell'opera; mi hanno fatto storcere il naso certe divagazioni sulle pulsioni sessuali del protagonista che stonavano un po' con la tematica (altisonante o meno) della ricerca di se stessi. Tamura Kafka, il signor Nakata, il camionista Hoshino, la bibliotecaria Saeki e l'androgino Oshima sono tutti personaggi che nel corso della storia seguono un inevitabile percorso di mutamento ed evoluzione.
    L'intero libro acquista un quid di esoterico e trascendentale.
    L'uomo non deve restare ancorato al passato bensì vivere il momento ("Carpe Diem" diceva Orazio) senza condizionamenti riguardanti un futuro ancora incerto o rimpianti per il tempo già perduto.

    dit a 

  • 4

    Murakami mette in relazione, anche materialmente, i diversi mondi che popolano la nostra esistenza. Per ognuno di noi, da una parte c'è il mondo della realtà, dall'altra quello "alternativo" in cui ...continua

    Murakami mette in relazione, anche materialmente, i diversi mondi che popolano la nostra esistenza. Per ognuno di noi, da una parte c'è il mondo della realtà, dall'altra quello "alternativo" in cui visioni, paure, angosce e speranze assumono una chiara fisionomia.
    Questi mondi "altri" possono però comunicare tra loro tramite uno dei più potenti sentimenti umani: il ricordo.
    In questa storia, che resta sembra coperta da una coltre surreale, l'orbita dell'altro mondo di Tamura Kafka (uno dei protagonisti) si incrocia , per un periodo, con quello di un donna che ormai ha smarrito valide ragioni per continuare a vivere.
    L'elemento di giunzione tra i diversi mondi si fonda sul destino, impersonato dal malinconico ed indimenticabile Sig. Nakata.
    Ne consiglio la lettura.

    dit a 

  • 2

    Bello, ma...

    Il libro, soprattutto la prima parte, mi è piaciuto, anche se nella seconda diventa un po' sconclusionato. Sinceramente non ho capito dove vuole andare a parare, magari non ho capito io il significato ...continua

    Il libro, soprattutto la prima parte, mi è piaciuto, anche se nella seconda diventa un po' sconclusionato. Sinceramente non ho capito dove vuole andare a parare, magari non ho capito io il significato fra le righe. Lettura piacevole, ma inconcludente.

    dit a 

Sorting by
Sorting by