Kafka on the Shore

By

Publisher: Vintage

4.1
(7715)

Language: English | Number of Pages: 512 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi simplified , Spanish , Catalan , German , Italian , French , Swedish , Dutch , Portuguese , Slovenian , Czech , Finnish , Danish

Isbn-10: 0099458322 | Isbn-13: 9780099458326 | Publish date:  | Edition New Ed

Also available as: Hardcover , Softcover and Stapled , Leather Bound , Mass Market Paperback , Audio CD , Others , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Kafka on the Shore ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Kafka on the Shore follows the fortunes of two remarkable characters. Kafka Tamura runs away from home at fifteen, under the shadow of his father's dark prophesy. The aging Nakata, tracker of lost cats, who never recovered from a bizarre childhood affliction, finds his pleasantly simplified life suddenly turned upside down. Their parallel odysseys are enriched throughout by vivid accomplices and mesmerising dramas. Cats converse with people; fish tumble from the sky; a ghostlike pimp deploys a Hegel-spouting girl of the night; a forest harbours soldiers apparently un-aged since WWII. There is a savage killing, but the identity of both victim and killer is a riddle. Murakami's novel is at once a classic quest, but it is also a bold exploration of mythic and contemporary taboos, of patricide, of mother-love, of sister-love. Above all it is a bewitching and wildly inventive novel from a master stylist.
Sorting by
  • 5

    murakami mi affascina tantissimo per il suo modo di narrare i sentimenti umani, ho faticato a terminarlo perchè tornavo spesso su passaggi davvero forti, come ad esempio 'amare è così, caro tamura kaf ...continue

    murakami mi affascina tantissimo per il suo modo di narrare i sentimenti umani, ho faticato a terminarlo perchè tornavo spesso su passaggi davvero forti, come ad esempio 'amare è così, caro tamura kafka. sei solo tu a provare quelle sensazioni così belle da togliere il fiato, e solo tu a vagare nelle tenebre più fitte. tocca a te sostenere questo peso col tuo corpo e la tua anima'
    oppure questo 'se tu ti ricordassi di me, non mi importerebbe nulla neanche se tutti gli altri mi dimenticassero'
    nulla più da aggiungere

    said on 

  • 3

    murakami di nuovo alle prese con mondi paralleli e sottile surrealismo, ma in questo caso ho faticato molto di più rispetto a "1q84" o "la fine del mondo...". la storia e i personaggi mi hanno coinvol ...continue

    murakami di nuovo alle prese con mondi paralleli e sottile surrealismo, ma in questo caso ho faticato molto di più rispetto a "1q84" o "la fine del mondo...". la storia e i personaggi mi hanno coinvolto poco e troppo è rimasto sospeso, senza spiegazione.
    lo stile è delicato ed etereo come sempre, riesce a rendere poetica anche la situazione più semplice e normale, costante in tutti i testi di murakami

    said on 

  • 3

    Boh

    Ancora devo capire (sono passati 4 mesi da quando l'ho finito) se il surrealismo di Murakami mi piace o meno. Non sempre ci deve essere una logica, ma non so se il libro mi ha trasmesso emotivamente q ...continue

    Ancora devo capire (sono passati 4 mesi da quando l'ho finito) se il surrealismo di Murakami mi piace o meno. Non sempre ci deve essere una logica, ma non so se il libro mi ha trasmesso emotivamente qualcosa. Forse Murakami è solo un paraculo? Forse io non ci ho capito una mazza?
    Detto ciò, mi congratulo con lo scrittore semplicemente per avermi intrattenuto con una storia senza senso. E' riuscito a rendere scorrevole e non pesante il nulla.
    Un giorno mi farò coraggio e proverò a leggere qualcos'altro di questo scrittore...

    said on 

  • 4

    Nel libro si riconosce lo stile di Murakami. Il lettore si trova di fronte ad una trama surreale, in cui si confondono la vita reale e il sogno, si scopre pagina per pagina la solutidine dei personagg ...continue

    Nel libro si riconosce lo stile di Murakami. Il lettore si trova di fronte ad una trama surreale, in cui si confondono la vita reale e il sogno, si scopre pagina per pagina la solutidine dei personaggi e a volte il loro smarrimento.

    said on 

  • 1

    Lento, noioso, ripetitivo... insomma un dramma. Tanto mi è piaciuto A sud del confine quanto mi ha disgustato questo. Non vedevo l'ora di finirlo. Un ammasso di stranezze senza senso, mai una emozion ...continue

    Lento, noioso, ripetitivo... insomma un dramma. Tanto mi è piaciuto A sud del confine quanto mi ha disgustato questo. Non vedevo l'ora di finirlo. Un ammasso di stranezze senza senso, mai una emozione.

    said on 

  • 0

    Scrittura tipo: "si tolse la T-shirt rossa della northpole con una macchiolina di salsa ketchup sulla spalla destra", "vide l'ombra delle 5 dita della sua mano sinistra": mi è sembrato più lungo dei M ...continue

    Scrittura tipo: "si tolse la T-shirt rossa della northpole con una macchiolina di salsa ketchup sulla spalla destra", "vide l'ombra delle 5 dita della sua mano sinistra": mi è sembrato più lungo dei Miserabili.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    "Spiriti solitari che vagano lungo la riva dell'assurdo"

    Un romanzo di formazione non convenzionale ed innovativo in cui la realtà si mescola con il mistero e l’onirico ristabilendo (citando lo stesso Murakami) quell’unitarietà tra le tenebre dentro (incons ...continue

    Un romanzo di formazione non convenzionale ed innovativo in cui la realtà si mescola con il mistero e l’onirico ristabilendo (citando lo stesso Murakami) quell’unitarietà tra le tenebre dentro (inconscio) e fuori (sovrannaturale) di noi che nella nostra epoca è andata deteriorandosi.

    Tamura è un quindicenne angustiato da se stesso (il proprio corpo ed i propri istinti sessuali) e dalla propria realtà (scuola e famiglia) che decide perciò di fuggire probabilmente alla ricerca di "un mondo a parte, un posto al di fuori del tempo dove nessuno avrebbe potuto raggiungerlo".
    Dopo aver infine trovato un luogo del genere nel cuore della foresta, capisce però che “non si può fuggire all’infinito”, ma è necessario trovare la forza per affrontare i fantasmi del passato (riappacificandovisi), così da riuscire a vivere nel presente e, passo dopo passo, indirizzarsi al proprio futuro. E’, infatti, solo grazie ad una simile esperienza (e alle persone che ha incontrato nel corso di essa) che potrà, finalmente sorridendo, avviarsi verso il resto della propria vita.

    Dapprima ero rimasta un po’ sconcertata dal finale considerandolo poco “conclusivo”, ma ragionandoci a mente fredda (e ottenendo poi conferma navigando su Internet) Murakami evita consciamente di fornire tutte le spiegazioni e le risposte necessarie in quanto è compito di ciascuno di noi lettori risolvere gli enigmi irrisolti costruendo la nostra versione e la nostra verità.
    In fondo non potrebbe (o addirittura dovrebbe) che essere così…Non è forse ciò che ci troviamo a fare nel corso delle nostre esisenze?

    Anche quello che poteva essere un elemento negativo dunque risulta un punto di forza ed il mio voto non può che essere 5 stelle!

    said on 

  • 0

    Un libro inquieto e riflessivo che ti avviluppa in un altro mondo, un'altra cultura, un'altra vita. Murakami qui è al suo apice. Un libro che ti arricchisce profondamente.

    said on 

  • 5

    - Ci sono cose che anche se uno le spiega a parole, non si possono comunicare. La vera risposta non può essere espressa in forma di parole.
    - Sì, - dice Sada. - Esattamente. E se le cose non si posson
    ...continue

    - Ci sono cose che anche se uno le spiega a parole, non si possono comunicare. La vera risposta non può essere espressa in forma di parole.
    - Sì, - dice Sada. - Esattamente. E se le cose non si possono comunicare, allora meglio non tentare neppure di spiegarle.
    - Nemmeno a se stessi? - chiedo.
    - Già. Nemmeno a se stessi, - risponde. - Forse è meglio non spiegare niente nemmeno a se stessi.

    said on 

Sorting by
Sorting by