Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Kafka on the Shore

(Vintage International)

By

Publisher: Vintage

4.1
(7439)

Language:English | Number of Pages: 480 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi simplified , Spanish , Catalan , German , Italian , French , Swedish , Dutch , Portuguese , Slovenian , Czech , Finnish , Danish

Isbn-10: 1400079276 | Isbn-13: 9781400079278 | Publish date:  | Edition Reprint

Also available as: Hardcover , Softcover and Stapled , Leather Bound , Mass Market Paperback , Audio CD , Others , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Kafka on the Shore ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
With Kafka on the Shore, Haruki Murakami gives us a novel every bit as ambitious and expansive as The Wind-Up Bird Chronicle, which has been acclaimed both here and around the world for its uncommon ambition and achievement, and whose still-growing popularity suggests that it will be read and admired for decades to come.

This magnificent new novel has a similarly extraordinary scope and the same capacity to amaze, entertain, and bewitch the reader. A tour de force of metaphysical reality, it is powered by two remarkable characters: a teenage boy, Kafka Tamura, who runs away from home either to escape a gruesome oedipal prophecy or to search for his long-missing mother and sister; and an aging simpleton called Nakata, who never recovered from a wartime affliction and now is drawn toward Kafka for reasons that, like the most basic activities of daily life, he cannot fathom. Their odyssey, as mysterious to them as it is to us, is enriched throughout by vivid accomplices and mesmerizing events. Cats and people carry on conversations, a ghostlike pimp employs a Hegel-quoting prostitute, a forest harbors soldiers apparently unaged since World War II, and rainstorms of fish (and worse) fall from the sky. There is a brutal murder, with the identity of both victim and perpetrator a riddle–yet this, along with everything else, is eventually answered, just as the entwined destinies of Kafka and Nakata are gradually revealed, with one escaping his fate entirely and the other given a fresh start on his own.

Extravagant in its accomplishment, Kafka on the Shore displays one of the world’s truly great storytellers at the height of his powers.


From the Hardcover edition.
Sorting by
  • 2

    No. Fino ad un certo punto ci potrebbe anche stare. Le due storie che corrono parallele, raccontate una in prima persona e l'altra in terza. E va bene. Le ultime 50 pagine però non sono il momento in ...continue

    No. Fino ad un certo punto ci potrebbe anche stare. Le due storie che corrono parallele, raccontate una in prima persona e l'altra in terza. E va bene. Le ultime 50 pagine però non sono il momento in cui i fili delle storie si aggregano in qualche modo, rimani appeso a quest due personaggi, in balia di sogni, visioni, stati mentali deviati. Non so. Non ho capito il senso. La prima parte non mi è dispiaciuta, ma senza il finale per lo meno un romanzo non riesco a definirlo un buon romanzo.

    said on 

  • 5

    Top Murakami

    "Quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero. Ma su un punto non c'è ...continue

    "Quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero. Ma su un punto non c'è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi è entrato."

    http://www.ilariapasqua.net/apps/blog/show/43220092-kafka-sulla-spiaggia-h-murakami-2002-

    said on 

  • 4

    Un libro visionario e complesso, dalla difficile lettura. Ha un inizio un pò macchinoso, entrando nel cuore del lettore e nel vivo della storia un pò troppo lentamente: corre il rischio di essere abba ...continue

    Un libro visionario e complesso, dalla difficile lettura. Ha un inizio un pò macchinoso, entrando nel cuore del lettore e nel vivo della storia un pò troppo lentamente: corre il rischio di essere abbandonato dopo poche pagine. Una volta rivelatosi, però, in tutta la sua complessità, queso romanzo prende a catturare attenzione e tempo del lettore, appassionandolo. Alcuni tratti sopra le righe possono sembrare un pò fini a sé stessi, ma a livello psicologico mi pare approfondito come pochi oltre a questo autore sono in grado di fare. La prosa è scorrevole, semplice ma allo stesso tempo efficace, senza troppi giri eppure riesce con coerenza a mettere in bocca ai personaggi della storia una poeticità e una profondità di pensiero che si rendono assolutamente coerenti e palusibili, nonostante tutto. Consiglio caldamente la lettura di questo romanzo, incoraggiando a non desistere per la prima apparentemente anonima e abbastanza sconclusionata centiaia di pagine.

    said on 

  • 5

    Grande romanzo di un bravissimo scrittore.

    Un romanzo unico. Infatti penso che non si possa classificare in un unico genere letterario. Molto complesso ma si legge con grande piacere. Inutile ricordare l'atmosfera onirica (come nella maggior p ...continue

    Un romanzo unico. Infatti penso che non si possa classificare in un unico genere letterario. Molto complesso ma si legge con grande piacere. Inutile ricordare l'atmosfera onirica (come nella maggior parte delle sue opere!!). È un grandissimo mix. Tra reale e fantastico, tra le suggestioni di questo grande Paese dove gli "spiriti viventi" hanno un ruolo fondamentale (shintoismo) e altre tematiche che fanno parte della nostra cultura, la cultura occidentale, come l'eterna ricerca di se stesso. Un grande romanzo, scritto da un grande scrittore.

    said on 

  • 5

    chi ama murakami non può non amare anche questo libro. La storia è un pò particolare, svolgendosi su due piani, quello reale e quello onirico. Non sempre facile da interpretare e, alla fine, lascia mo ...continue

    chi ama murakami non può non amare anche questo libro. La storia è un pò particolare, svolgendosi su due piani, quello reale e quello onirico. Non sempre facile da interpretare e, alla fine, lascia molto punti interrogativi. E' il genere di libro che o si ama o si odia, difficile ci sia la via di mezzo.

    said on 

  • 4

    I praise Haruki Murakami for packing various scenes and themes that smoothly goes with the flow of the story.

    See my full review at the following link:

    http://www.literateknolohitura.com/2015/03/kafka ...continue

    I praise Haruki Murakami for packing various scenes and themes that smoothly goes with the flow of the story.

    See my full review at the following link:

    http://www.literateknolohitura.com/2015/03/kafka-on-shore-by-haruki-murakami-book-review.html

    Thanks!

    said on 

  • 4

    Kafka sulla spiaggia è un'opera decisamente godibile. Il romanzo, tecnicamente ben scritto, non annoia mai. Al contrario, cambia continuamente faccia: dal giallo al sentimentale, dal fantasy all'eroti ...continue

    Kafka sulla spiaggia è un'opera decisamente godibile. Il romanzo, tecnicamente ben scritto, non annoia mai. Al contrario, cambia continuamente faccia: dal giallo al sentimentale, dal fantasy all'erotico. Una trama coinvolgente (ad un certo punto sembra quasi una corsa contro il tempo che mi ha richiamato alla memoria "la storia infinita" prima e "il mondo di Sofia" poi) e dei personaggi davvero caratteristici, tuttavia, non riescono a mitigare del tutto la parziale delusione del finale, in cui molte vicende rimangono in sospeso e non chiarite.
    Molto belle le citazioni sparse un po' per tutto il libro, soprattutto quelle a sfondo letterario e musicale.

    said on 

  • 2

    Non sono nuova alla lettura di Murakami ho letto un discreto numero di sue opere, ma devo dire che ultimamente non sto più ricavando molte soddisfazioni da questo autore.
    Certo, premetto che, a mio p ...continue

    Non sono nuova alla lettura di Murakami ho letto un discreto numero di sue opere, ma devo dire che ultimamente non sto più ricavando molte soddisfazioni da questo autore.
    Certo, premetto che, a mio parere, Murakami con la penna ci sa fare, eccome. Sa scrivere molto bene, ha una prosa scorrevole ma mai scontata, e soprattutto è capace di conquistare il lettore, di incantarlo, ammaliarlo e trascinarlo con sé per tutta la durata della lettura. E questo, a mio parere, è un merito grandissimo. Tuttavia, se dal punto di vista stilistico non sono rimasta delusa dal buon giapponese nemmeno questa volta, i contenuti mi hanno convinta davvero poco. D'accordo, io non sono una grandissima amante di opere oniriche e surreali, quindi il problema forse sta un po' da entrambe le parti, però mi ritrovo di nuovo a fare la stessa riflessione che già avevo fatto al termine dell'ultimo suo libro che ho letto, "La ragazza dello Sputnik": per quanto si può andare avanti a scrivere libri dove le situazioni si inseguono, i personaggi si somigliano (mondi più o meno paralleli, distorsioni della realtà, confusione su cosa sia onirico e cosa no, ragazzini problematici, personaggi suggestivi, una fissazione per il sesso morbosa), risolvendo il tutto con elementi surreali che libro dopo libro diventano del tutto prevedibili? Non lo so. Io francamente inizio a trovarlo vagamente noioso, e il fatto che questo romanzo presentasse elementi particolarmente assurdi (va bene parlare con i gatti, van bene pietre che aprono passaggi per strane dimensioni, va bene tutto, ma la pioggia di sardine proprio no) mi è sembrato accentuare ancora di più quest'aspetto, quasi Murakami fosse alla disperata ricerca del prossimo colpo di scena sorprendente. Ma non può essere tutto sempre sopra le righe, perché altrimenti si rischia di perdere la credibilità.
    Questo romanzo racconta, con capitoli alternati, la storia di uno strano vecchino che, in seguito ad un curioso incidente avuto da bambino (incidente a cui inizialmente si dà molta importanza, al punto da portare testimonianze di medici e militari, ma di cui alla fine Murakami sembra dimenticarsi completamente) ha perso le capacità intellettive, guadagnandoci però la possibilità di parlare con i gatti, che un giorno si imbarca in uno strano viaggio in compagnia di un camionista appena conosciuto. In parallelo, abbiamo la fuga da casa del quindicenne Tamura Kafka, che fugge da una casa priva di affetti e da una profezia (o una maledizione?) edipica.
    Ovviamente le strade dei due, seppur indirettamente, finiscono per incrociarsi, in mezzo ad un tripudio di citazioni cultuali, personaggi assurdi e al contempo terribilmente piatti, eventi straordinari che non hanno alcuna logica (nemmeno nell'economia del racconto, perché alla fine nulla si chiude, nulla si spiega, nulla sembra avere un senso almeno per la struttura del romanzo).
    Certamente, un romanzo che pur non convincendoti minimamente a livello di trama ti tiene incollato alle pagine qualcosa di buono (forse anche più di qualcosa) lo deve pur avere, ma temo che io e Murakami si stia iniziando a viaggiare su binari sempre più distanti. Lo trovo un bravissimo scrittore, senza dubbio, ma a livello contenutistico questa volta non mi ha lasciato proprio nulla.
    ( http://dellecigliailfremitorespiri.blogspot.it/2015/02/kafka-sulla-spiaggia-di-h-murakami.html )

    said on 

Sorting by
Sorting by