Voto medio di 13.532
| 1.269 contributi totali di cui 1.016 recensioni , 251 citazioni , 0 immagini , 2 note , 0 video
Ha scritto il 14/08/17
Molto delicato, nonostante i temi non facili. Affrontare la morte non è mai facile, ma questi testi ti danno la forza, senza assolutamente minimizzare i sentimenti forti dei personaggi, ad andare avanti. Un piccolo tesoro.
Ha scritto il 08/07/17
Letto d'un fiato, Yoshimoto descrive un mondo costruito sul dolore e la solitudine eppure affascinante. La protagonista, Mikage, Yuichi e, soprattutto, Eriko sono personaggi ben definiti, corposi, che restano impressi. Predomina un tono meditativo, ...Continua
Ha scritto il 07/07/17
Mikage e il suo amore per la cucina mi hanno fatto venir voglia di assaggiare qualche piatto tipico! :DÈ forse il romanzo più famoso di questa autrice: la protagonista, la giovane Mikage, ha una passione per le cucine, che trova confortevoli, e ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 01/07/17
Primo libro di Banana, si sente che era ancora acerba nello scrivere, ma il suo stile si fa subito notare. Bella storia di una famiglia non convenzionale, perché a volte la famiglia si sceglie e non sempre è quella che si crede. Splendido il ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 24/06/17
La Yoshimoto ha la peculiarità di tradurre in prosa situazioni e sensazioni presenti negli shojo, i manga destinati al giovane pubblico femminile in Giappone; e in questo suo libro si vede eccome. Trovo un po' noioso il modo d'agire e di pensare ...Continua

Ha scritto il Jul 22, 2017, 20:13
Aveva lasciato dentro di me una scia di splendore caldo e luminoso. Ecco cos'è il fascino! pensai. Questa parola mi apparve davanti agli occhi come un'immagine vivente, come quando Hellen Keller capì per la prima volta che cosa voleva dire ...Continua
Pag. 16
Ha scritto il Jul 22, 2017, 09:06
C'era una tale freschezza tutt'intorno che non potei fare a meno di sentire quanto dentro di me tutto fosse arido e spento. Quella scena primaverile non riusciva assolutamente a penetrare in me. Si rifletteva solo sulla superficie, come in una bolla ...Continua
Pag. 114
Ha scritto il Jun 15, 2017, 07:42
La casa era immobile. La scansione del tempo in secondi sembrava essersi arrestata. Tutto era così fermo che avvertivo il disagio di essere la sola a vivere e a muovermi. E' sempre così una casa dopo che qualcuno è morto.
Pag. 54
Ha scritto il Jun 15, 2017, 05:55
Con tutta me stessa avrei voluto fermarmi: smettere di camminare, smettere di vivere. Il pensiero che ci sarebbe stato un domani, e poi un dopodomani, e poi una settimana, non mi era mai sembrato tanto insopportabile. Continuare a vivere nei giorni ...Continua
Pag. 48
Ha scritto il Jun 14, 2017, 12:31
Quanti anni avevo quand'ho capito che su quel sentiero buio e solitario l'unica luce possibile era quella che io stessa avrei emanato? Anche se sono stata allevata con amore, mi sono sempre sentita sola.'Un giorno o l'altro tutti si perderanno nelle ...Continua
Pag. 23

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Sep 20, 2015, 12:33
Incipit
Pag. 9

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi