Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Knife of Dreams

(The Wheel of Time, Book 11)

By

Publisher: Orbit

4.3
(373)

Language:English | Number of Pages: 832 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) Swedish , Spanish , Italian , Dutch

Isbn-10: 1841492280 | Isbn-13: 9781841492285 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Audio Cassette , Audio CD , Softcover and Stapled , eBook , Others

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Knife of Dreams ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
As the very fabric of reality wears thin all portents indicate that Tarmon Gai’don, the Last Battle, is imminent - and Rand al’Thor must ready himself to confront the Dark One. But Rand must first negotiate a truce with the Seanchan armies, as their forces increasingly sap his strength. All is in flux as established powers falter... In Caemlyn, Elayne fights to gain the Lion Throne while trying to avert civil war and Egwene finds that even the White Tower is no longer a place of safety. The winds of time have whirled into a storm, and Rand and his companions ride in the vortex. This small company must prevail against the trials of fate and fortune - or the Dark One will triumph and the world will be lost.
Sorting by
  • 4

    Finalmente dopo alcuni libri in cui non succedeva praticamente nulla comincia a muoversi qualcosa, certo avrei preferito che Jordan in alcuni punti avesso perso meno tempo a descrivere l'abbigliamento e di più' a raccontare ad esempio lo scontro di Rand con il reietto...va beh speriamo che gli ul ...continue

    Finalmente dopo alcuni libri in cui non succedeva praticamente nulla comincia a muoversi qualcosa, certo avrei preferito che Jordan in alcuni punti avesso perso meno tempo a descrivere l'abbigliamento e di più' a raccontare ad esempio lo scontro di Rand con il reietto...va beh speriamo che gli ultimi tre libri siano ancora più' movimentati...

    said on 

  • 2

    Sì, alcune sottotrame si concludono, alcuni nodi vengono al pettine, ma queste poche spezie non bastano a far cambiar sapore alla solita minestra ALLUNGATA...

    said on 

  • 5

    Mat e Tuon sono sempre in fuga dall'Altara, ma durante il viaggio incontrano un villaggio di fantasmi che inghiotte, nel vero senso della parola, un ignaro passante facendolo scomparire. I due decidono così di staccarsi dal circo di Valan Luca e ritrovano la Banda della Mano Rossa, l'esercito di ...continue

    Mat e Tuon sono sempre in fuga dall'Altara, ma durante il viaggio incontrano un villaggio di fantasmi che inghiotte, nel vero senso della parola, un ignaro passante facendolo scomparire. I due decidono così di staccarsi dal circo di Valan Luca e ritrovano la Banda della Mano Rossa, l'esercito di Mat. Con i suoi uomini Mat intraprende una campagna contro i Senchan per aprirsi la via verso il Murandy. Perrin organizza un ingegnoso piano per liberare sua moglie dagli Shaido, utilizzando la radice biforcuta per mettere a tappeto le loro Sapienti. Il piano include anche l'utilizzo dei seguaci del Profeta come carne da macello, adempiendo alla missione affidatagli da Rand. Faile, all'interno dell'accampamento non rimane con le mani in mano e cerca aiuto per fuggire da sola. Egwene, rapita dalle Aes Sedai fedeli a Elaida, viene resa di nuovo Novizia. Una volta resasi conto dello sfacelo delle Ajah, decide di sfruttare la sua posizione per attaccare la posizione di Elaida dall'interno della Torre, piantando un seme del dubbio dopo l'altro. Il ritiro di Rand viene bruscamente interrotto da un'orda di decine di migliaia di Trolloc guidati da numerosi Myrddraal che attaccano il suo rifugio. I nemici vengono sbaragliati grazie all'intervento di Aes Sedai e Asha'man, ma Rand rischia di venire travolto da Lews Therin. Il Drago Rinato decide che è il momento di agire e si incontra con la principessa Seanchan chiamata La Figlia delle Nove Lune per stipulare una tregua con gli invasori, ma l'incontro non andrà come previsto dal giovane Ta'veren.

    Finalmente! Dopo un declino cominciato lievemente nell'ottavo volume e finito negli abissi del decimo, l'undicesimo è come un faro nel buio. Se ne "Il Crocevia del Crepuscolo" c'erano 100 pagine ottime e 800 inutili, in questo "La Lama dei Sogni" il rapporto è inverso. Tarmon Gaidon è ormai alle porte e il mondo subisce l'influsso del Tenebroso, i vari fili apparentemente interminabili che Jordan aveva dipanato ora trovano il loro posto, molte trame e sottotrame raggiungono l’epilogo. La bravura dell’autore viene mostrata nel chiudere le vicende, nulla di affrettato e raffazzonato, ma tutto che raggiunge la sua naturale conclusione di eventi. Continua sempre l’evoluzione dei personaggi, stavolta è Egwene a subirne maggiormente, mentre Mat risfodera l’altra faccia della sua medaglia e Rand raggiunge il suo punto di ebollizione. L'autore ha ormai creato in modo completo il suo mondo, facendocelo conoscere in lungo e in largo e lascia campo libero alla trama. Ora ogni storia raccontata è ricca di azione e momenti emozionanti; che si tratti di un assalto di Trolloc o di una strana manifestazione d'amore di Nynaeve nei confronti di Lan, tutto è raccontato magistralmente senza perdere tempo in "aria fritta". Rimangono comunque un paio di capitoli sotto tono, ma per fortuna sono marginali. In quest'opera si nota molto la volontà di Jordan di chiudere la saga al dodicesimo volume, la domanda, quindi, sorge spontanea: ce l'avrebbe fatta a finire tutto nel dodicesimo volume?

    Voto: 5/5

    said on 

  • 4

    Inaspettato

    Devo dire che quando avevo letto che questo libro non era stato scritto da Jordan avevo quasi preso in considerazione l'idea di abbandonare la serie.
    Ora che ho finito di leggerlo, mi sono lanciato a comprare gli ultimi 2 volumi della saga.
    E' inutile dunque dire che mi è piaciuto, sia per lo sti ...continue

    Devo dire che quando avevo letto che questo libro non era stato scritto da Jordan avevo quasi preso in considerazione l'idea di abbandonare la serie. Ora che ho finito di leggerlo, mi sono lanciato a comprare gli ultimi 2 volumi della saga. E' inutile dunque dire che mi è piaciuto, sia per lo stile che per la storia.

    Complimenti davvero a Brandon Sanderson, che dagli appunti del defunto Jordan ha saputo scrivere il romanzo con dei risultati... inaspettati!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    mmm...

    la saga continua a piacermi per carità... ma continuo a non capire i "tempi" di Jordan... a volte si dilunga veramente tanto su cose tutto sommato poco rilevanti... ad es. descrizioni a volte infinite, ricche di dettagli... addirittura ci sono voluti 3 libri e interminabili righe di inutilità, al ...continue

    la saga continua a piacermi per carità... ma continuo a non capire i "tempi" di Jordan... a volte si dilunga veramente tanto su cose tutto sommato poco rilevanti... ad es. descrizioni a volte infinite, ricche di dettagli... addirittura ci sono voluti 3 libri e interminabili righe di inutilità, alternate dalla frase "solo Faile conta" ripetuta ogni 2 righe e mezzo, spese per la vicenda Faile/Perrin (ammetto che speravo in un epilogo diverso, ma almeno la vicenda si è conclusa e amen) e poi? 4 righe in croce per "descrivere" l'incontro/scontro tra il drago rinato e uno dei più potenti reietti in circolazione???? parliamo di semirhage eh, mica della sfigata di morghedien! (alla quale pure ha dedicato righe su righe). non ho parole!! egwene la sopporto sempre meno... quanti anni sono che è diciamo aes sedai? 2? da come pensa/ragiona/agisce sembra che lo sia da 200 anni!! la torre casa sua... ma quanto tempo ci avrà passato in totale? (tra l'altro credo abbia passato più tempo a lavar pentole che a fare altro) E questa fissa per i giuramenti... ma sei giovane, almeno tu apriti al progresso, no? che noiaaaa per non parlare di elayne... solo la gravidanza mancava... io l'avrei già affogata nel latte di capra... mi sta rammollendo anche aviendha, una delle poche donne di WOT che diciamo apprezzavo... rivaluto sempre più mat, mentre il povero drago oramai latita... devo aspettare l'ultimo libro per leggere un po' più di lui? e francamente... quando ci liberiamo di min?? ormai è una palla al piede 'sta ragazza...

    said on 

  • 2

    ¡Por fin pasa algo!

    Le pongo la segunda estrella al libro porque, como digo en el título, pasan cosas, eso sí, nada de ilusionarse, el libro entero se puede resumir en unas 100 páginas, tranquilamente. Por cierto, las 300 últimas páginas, porque las anteriores...


    En fin, como casi todos los anteriores, éste u ...continue

    Le pongo la segunda estrella al libro porque, como digo en el título, pasan cosas, eso sí, nada de ilusionarse, el libro entero se puede resumir en unas 100 páginas, tranquilamente. Por cierto, las 300 últimas páginas, porque las anteriores...

    En fin, como casi todos los anteriores, éste undécimo libro se dedica a seguir dando pistas y más pistas sonre lo q puede pasar, con la diferencia de que las tramas de Perrin y Elayne "se resuelven" y la de Mat da un par de pasos adelante. Ah, en medio del libro hay una noticia que no por absolutamente esperada (no me creo que sorprenda a nadie) no es terrorífica, en fin, uno de los pocos puntitos buenos q tenía el libro quedará, seguramente borrado en los próximos libros, al menos nos libramos de ese personaje por unos cuantos libros...

    Ya sólo quedan 3 libros (que en teoría era uno) y ni siquiera escrito por Robert Jordan... ¡Que Dios nos pille confesados!

    said on 

  • 5

    Soddisfacente! Pienamente soddisfacente!

    Tarmon Gai'don si avvicina.


    In questo libro di cose ne accadono parecchie, si legge bene e velocemente. Il ritmo è incalzante e concitato, soprattutto durante le battaglie. Insomma è un libro bellissimo, da 5 stelle!


    In particolare mia soddisfazione deriva sia dal segu ...continue

    Tarmon Gai'don si avvicina.

    In questo libro di cose ne accadono parecchie, si legge bene e velocemente. Il ritmo è incalzante e concitato, soprattutto durante le battaglie. Insomma è un libro bellissimo, da 5 stelle!

    In particolare mia soddisfazione deriva sia dal seguire tutti i miei "eroi", senza che nessuno sia lasciato indietro a discapito di un altro le cui vicende verranno trattate in un libro successivo o sono state già trattate in uno precendente, sia dal vedere finalmente alcune questioni, che a mio parere sono state fin troppo portate alla lunga, avere la loro conclusione.

    E' tempo di prepararsi. Tarmon Gai'don si avvicina!

    said on 

  • 5

    "La ruota del tempo", volume 11


    Questo capitolo della saga è molto più veloce da leggere rispetto ai due precedenti, è denso d'avvenimenti e, in quanche modo, conclusivo: diversi fili della trama si riannodano e le vicende stanno lentamente arrivando alla loro conclusione.
    Tarmon Gai'don ...continue

    "La ruota del tempo", volume 11

    Questo capitolo della saga è molto più veloce da leggere rispetto ai due precedenti, è denso d'avvenimenti e, in quanche modo, conclusivo: diversi fili della trama si riannodano e le vicende stanno lentamente arrivando alla loro conclusione. Tarmon Gai'don si avvicina: se ne percepiscono chiaramente i segnali nel tessuto del Disegno. I nostri eroi sono ancora impegnati nello loro personali vicissitudini, ma i loro destini si intuiscono sempre più connessi, diverse profezie (di cui sentivo la mancanza, ammetto) si ripropongono per svelarsi o vengono alla luce per dare l'avvio a nuovi colpi di scena.

    Robert Jordan scrive in modo attento e scorrevole; riesce a vivificare personaggi e scenari; rende credibile la Randland, le sue tradizioni e la sua storia; cambia registro a seconda dell'azione: si alternano momenti epici a situazioni leggere e ironiche, introspezioni ad azioni frenetiche, pianificazioni occulte a strategie belliche. Su tutto spicca la capacità di cambiare focalizzazione, mostrandoci la realtà da diversi punti di vista, e rimanere sempre coerente col personaggio e la sua evoluzone.

    I momenti più belli del libro, a mio avviso, sono stati i capitoli centrali su Egwene e le poche pagine di Nynaeve e Lan, che sono riuscite a convolgermi fino alle lacrime.

    Sento qui di fare un ringraziamento a Jordan. Questo è il suo ultimo libro, gli altri saranno scritti con/da Sanderson, chiamato alla prova del fuoco riportando sulla carta le idee del maestro. Io non sono nessuno, una formica nel mondo, ma zio Jo rimarrà per sempre l'autore della Ruota del Tempo. Come è nel mio cuore, così nel cuore di molti.

    “(….)le Muse del mortale pensiero animatrici. Siedon custodi de' sepolcri, e quando il tempo con sue fredde ale vi spazza fin le rovine, le Pimplèe fan lieti di lor canto i deserti, e l'armonia vince di mille secoli il silenzio”. (Ugo Foscolo)

    said on 

  • 5

    Ho davvero apprezzato l'evoluzione degli eventi narrati in questo 11° capitolo de "La ruota del Tempo". Bravo Jordan, davvero un bel libro.

    said on 

  • 5

    Si parte....

    ... per l'ultimo giro della giostra. Si comincia a parlare di Tarmon Gaid'on e la saga si anima. L'ultimo capitolo scritto tutto da R. Jordan è decisamente spettacolare e fa venire veramente voglia di prendere e finire la saga tutto di un fiato.
    Nuove prospettive, premonizioni che si avverano, gr ...continue

    ... per l'ultimo giro della giostra. Si comincia a parlare di Tarmon Gaid'on e la saga si anima. L'ultimo capitolo scritto tutto da R. Jordan è decisamente spettacolare e fa venire veramente voglia di prendere e finire la saga tutto di un fiato. Nuove prospettive, premonizioni che si avverano, grandi battaglie. Tutto ciò che si vuole da un genere Fantasy che con qeusta saga tocca vette incredibili. Bellissimo.

    said on 

Sorting by