Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Knulp

Storia di un vagabondo

By Hermann Hesse

(154)

| Paperback

Like Knulp ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

SCHEDA DOPPIA e incompleta
Per la tua libreria usa questa scheda:

http://www.anobii.com/books/Knulp/9788879831222/01d1d24…

33 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Sulla strada in Germania

    Quasi un "on the road" ma nella Germania dell'800!
    Knulp viaggia per il paese e nell'incontrare vari personaggi da e riceve consigli, affetto, amicizia, lezioni di vita. Malato e desideroso di porre termine al suo percorso si interroga sul senso del ...(continue)

    Quasi un "on the road" ma nella Germania dell'800!
    Knulp viaggia per il paese e nell'incontrare vari personaggi da e riceve consigli, affetto, amicizia, lezioni di vita. Malato e desideroso di porre termine al suo percorso si interroga sul senso dell'esistenza in un colloquio con Dio.

    Is this helpful?

    GianLuca said on Jan 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    quattro stellette all'ultimo racconto e alla sua spiegazione del sul senso di una vita come quella di Knulp

    Is this helpful?

    Eril said on Apr 16, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una sorpresa.

    Hesse ha dato il meglio di sé, scrivendo di Knulp, un vagabando che sembra descrivermi alla perfezione. Non amo Hesse, ma questo libro merita tantissimo.

    Is this helpful?

    Ramona Dumitru said on Oct 5, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Consigliatomi da un amico, ammetto di aver speso un bel po' di tempo per riuscire a trovarlo, data la sua edizione abbastanza datata. Ed è un peccato, dopo aver potuto confermare la visione splendida in merito del mio amico, che non venga meglio prop ...(continue)

    Consigliatomi da un amico, ammetto di aver speso un bel po' di tempo per riuscire a trovarlo, data la sua edizione abbastanza datata. Ed è un peccato, dopo aver potuto confermare la visione splendida in merito del mio amico, che non venga meglio propinato e pubblicizzato alle nuove generazioni, così come, ad esempio, è molto più semplice trovare un'edizione del Lupo della Steppa o del Giuoco delle perle di vetro.
    In ogni caso, è una lettura semplice, breve, veloce e, al contempo, davvero, davvero meravigliosa. Il romanzo è caratterizzato da tre storie della vita del protagonista, Knulp, e, se nelle prime due si impara più o meno a conoscerlo superficialmente in base ai suoi incontri ed a quel che ci viene raccontato di lui, nella terza si scopre totalmente la sua storia, il suo passato, i suoi drammi ed amori giovanili, i suoi errori... e questo, molto semplicemente, lo rende molto simile a chiunque di noi, quasi potremmo rispecchiarci in lui, negli stessi avvenimenti, od in avvenimenti simili.
    Knulp è un uomo che sa farti affezionare a sé: un uomo di mondo, un vagabondo che rinuncia alla sua famiglia ed alla possibilità di crearne una nuova, che vive di avanzi, di conoscenze e di stenti. Un uomo capace ed intelligente - come pochi, anche fra i personaggi di Hesse - che, per sfortuna o, anzi, forse, per fortuna, non è riuscito a "sfondare" nella sua vita, scalando la classe borghese e diventando il migliore fra loro ma, bensì, ha preferito vivere senza un luogo fisso, fra i boschi, le lande e di tanto in tanto i villaggi, esattamente come un senza patria.
    Una lettura che, semplicemente, anche per la sua brevità ed al contempo profondità, consiglio davvero a chiunque.

    Is this helpful?

    Sir Lù said on Aug 18, 2012 | Add your feedback

  • 6 people find this helpful

    "La Musica della caducita'"

    Cosi' a pag.119 delle "note al testo" ricorda il leit-motiv della tematica di H.Hesse.

    "Note al testo" molto pregevoli per le spiegazioni molto approfondite, sia sul libro che sull'opera di Hesse, utili per una comprensione di base.

    La grande ...(continue)

    Cosi' a pag.119 delle "note al testo" ricorda il leit-motiv della tematica di H.Hesse.

    "Note al testo" molto pregevoli per le spiegazioni molto approfondite, sia sul libro che sull'opera di Hesse, utili per una comprensione di base.

    La grande complessita' dell'Autore richiede letture critiche piu' ponderose; come per tutti i grandi letterati la lettura/rilettura (nel corso della vita) permette di scoprire sempre temi nuovi (o rivisitazione di quelli gia' interpretati), ed a seconda dell'eta' (esperienza e ricordi) la lettura assume diverse angolazioni.

    Tre racconti sul tema del "vagabondaggio", fisico e spirituale, perfetta metafora della Vita.
    I racconti, molto semplici nella trama, ricordano ad ogni riga i temi cari ad Hesse, Scrittore che come pochi sa descrivere la Vita ed il Destino, attraverso la letteratura e la poesia.

    Da Marsilio:
    Scritto in due riprese, tra il 1908 e il 1915, anno della pubblicazione, il racconto Tre storie dalla vita di Knulp delinea con tratti nitidi e sottili un personaggio chiave nell'opera di Hesse, quello del vagabondo, discendente del viandante romantico, senza patria e senza stabili legami, perdigiorno e buono a nulla se osservato nell'ottica dei borghesi e sedentari, eppure inquieto e inquietante nell'essere instancabile messaggero di libertà e di nostalgia protesa ai miraggi del sogno e dell'impossibile. La figurina di Knulp, il cui sorriso anticipa la grazia malinconica dei vagabondi chapliniani, regna sovrana sulla via maestra, nel bosco e nei villaggi dove le sue rapide apparizioni squarciano le nubi della monotonia come una folata, morbida e improvvisa, di vento primaverile. Ma Knulp è mosso anche da un istinto tenace che lo spinge alla ricerca del passato, egli insegue, protetto da una maschera di gaia spensieratezza, il profilo sfuggente della memoria e dell'infanzia. La lancinante malinconia dell'ultimo capitolo mette a nudo una filigrana sfaccettata e complessa nel nucleo apparentemente omogeneo del vagabondo, proiettandone l'ombra, dal versante romantico originario, nella più frastagliata problematicità delle opere maggiori dove il personaggio del viandante-vagabondo incarnerà l'ansia di una ricerca assoluta, profetica e «sacra». Di tale centralità il racconto esprime l'acre e dolce dissonanza attraverso una gamma di modulazioni timbriche nelle quali si addensano e si dissolvono i colori delle stagioni, l'effimero sapore della gioia e la spina bruciante dei rimpianti. Tutto registrato su una pagina di calendario, bianca come la neve, dove l'arco fuggevole di un anno non sopravanza la linea della vita.

    In cammino
    (1911-1918)
    (Alla memoria di Knulp)
    Non esser triste, presto sarà notte,
    e sul paese pallido vedremo
    fresca la luna sorridere furtiva
    e poseremo mano nella mano.

    Non esser triste, presto verrà il tempo
    che avremo pace. Le nostri croci stanno
    a due sul margine lucente della via,
    e piove e nevica
    e il vento viene e va

    [Traduzione di Mario Specchio]

    Il Nobel
    http://www.nobelprize.org/nobel_prizes/literature/laure…

    Wiki
    http://it.wikipedia.org/wiki/Hermann_Hesse

    Poesie
    http://www.fabiotrimboli.it/poesia/hesse/hesse.htm

    La Casa-Museo
    http://www.hessemontagnola.ch/index.php?node=28&lng=1&r…

    Hermann Hesse Pittore
    http://www.ilcollediscipio.it/images/hermann_hesse_acqu…

    La sua "Macchina da scrivere"
    http://www.hermann-hesse.it/wp-content/uploads/2012/03/…

    Is this helpful?

    Omero said on Jun 15, 2012 | 4 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Fra tutti i racconti "di vagabondaggio" quello di Knulp mi ha appassionato di più; la sua vita di eterno viaggiatore, i suoi incontri ed amicizie sono davvero appassionanti!

    Is this helpful?

    Patrizia said on May 25, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Collection with this book