L'ibisco viola

Voto medio di 279
| 51 contributi totali di cui 44 recensioni , 7 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Kambili ha quindici anni. Vive a Enugu, in Nigeria, con i genitori e il fratello Jaja. Suo padre Eugene, proprietario dell'unico giornale indipendente del paese, è considerato un modello di generosità e coraggio politico. Ma èanche un cattolico ...Continua
Ha scritto il 23/11/17
Avrei voluto leggere questo libro da adolescente. Avrei voluto passare le notti a leggerlo e saltare le lezioni all'università per sapere come andrà a finire... Avrei voluto discuterne con i miei amici, parlarne durante le pause pranzo, ...Continua
Ha scritto il 15/07/17
La storia di Kambili,quindicenne nigeriana,e della sua famiglia succube di un padre-padrone preda di fanatismo cattolico è una di quelle che non si dimenticano. Fin dalle prime pagine l'abile scrittura dell'autrice riesce a trasportarci in questo ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 14/04/17
Più 3 e mezzo.
Racconto difficile di una famiglia vittima del padre violento e ossessionato da religione e peccato. Sullo sfondo una Nigeria agitata da cambiamenti sociali e culturali, divisa tra l'amore per il proprio paese e la speranza di una vita migliore ...Continua
Ha scritto il 10/04/17
corto non è meglio
Adichie è decisamente una scrittrice anche di quantità: qui alla prova con il romanzo breve e su una storia percolosamente banale, é irriconoscibile. Bisogna anche dire che si tratta dell'opera prima.
Ha scritto il 22/09/16
Durissimo ma stupendo. C'è dentro la vita dell'odore delle spezie, della polvere nelle strade, delle mosche.
  • 2 mi piace

Ha scritto il Sep 18, 2017, 20:11
Avevo sorriso, corso, riso. Il mio petto era pieno di qualcosa che sembrava bagnoschiuma. Leggero. La leggerezza era così dolce che la assaporavo sulla lingua, la leggerezza di un frutto giallo acceso di anacardio troppo maturo.
Ha scritto il Aug 12, 2013, 21:12
Certe persone, ha scritto una volta, pensano che noi non possiamo autogovernarci perché le rare volte che ci abbiamo provato abbiamo fallito, come se tutti quelli che oggi si autogovernano ci fossero riusciti la prima volta. E' come dire ad un ...Continua
Pag. 270
  • 1 commento
Ha scritto il Aug 12, 2013, 21:10
che a volte ciò che è diverso è buono come quello che ci è familiare.
Pag. 152
Ha scritto il Aug 12, 2013, 21:08
La ribellione è come la marijuana: non è una cosa cattiva quando è usata bene.
Pag. 134
Ha scritto il Aug 12, 2013, 21:07
Non possiamo partecipare a ciò che combattiamo, ci diceva spesso.
Pag. 104

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi