Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'écume des jours

By Boris Vian

(67)

| Mass Market Paperback | 9782264009326

Like L'écume des jours ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Un titre léger et lumineux qui annonce une histoire d’amour drôle ou grinçante, tendre ou grave, fascinante et inoubliable, composée par un écrivain de vingt-six ans.
C’est un conte de l’époque du jazz et de la science-fiction, à la fois comiqu Continue

Un titre léger et lumineux qui annonce une histoire d’amour drôle ou grinçante, tendre ou grave, fascinante et inoubliable, composée par un écrivain de vingt-six ans.
C’est un conte de l’époque du jazz et de la science-fiction, à la fois comique et poignant, heureux et tragique, féerique et déchirant. Dans cette œuvre d’une modernité insolente, livre culte depuis plus de cinquante ans, Duke Ellington croise le dessin animé, Sartre devient une marionnette burlesque, la mort prend la forme d’un nénuphar, le cauchemar va jusqu’au bout du désespoir.
Seules deux choses demeurent éternelles et triomphantes: le bonheur ineffable de l’amour absolu et la musique des Noirs américains…

470 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    La leggerezza delle parole tra la pesantezza delle pagine

    Un amore puro e profondo in un mondo surreale, forse l'unico possibile in cui può esistere. Mi sono persa in queste pagine e poi mi sono ritrovata e poi smarrita di nuovo, sospesa in un vortice di emozioni delicato come i pensieri di Colin e Chloè. C ...(continue)

    Un amore puro e profondo in un mondo surreale, forse l'unico possibile in cui può esistere. Mi sono persa in queste pagine e poi mi sono ritrovata e poi smarrita di nuovo, sospesa in un vortice di emozioni delicato come i pensieri di Colin e Chloè. Come stare con la testa tra le nuvole e i piedi per terra, mentre tutto si spegne, svanisce e si accartoccia anche l'amore stesso. Grazie Dany per questa grande
    emozione.

    Is this helpful?

    mari said on Aug 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una favola triste

    "La schiuma dei giorni" ti travolge sin dalla prima pagina e ti immerge in una storia paradossale che rovescia ogni aspetto del reale e lo mescola con colori e suoni astratti. L'inizio è allegro, e il protagonista Colin è un giovane che ama la vita,l ...(continue)

    "La schiuma dei giorni" ti travolge sin dalla prima pagina e ti immerge in una storia paradossale che rovescia ogni aspetto del reale e lo mescola con colori e suoni astratti. L'inizio è allegro, e il protagonista Colin è un giovane che ama la vita,la musica jazz e non vede l'ora di innamorarsi, così come odia il lavoro e gli affanni che provoca nel cuore umano. Il suo appartamento è fantasioso come il mondo in cui vive, il suo cuoco Nicolas cucina elaboratissimi piatti d'alta cucina ed il suo migliore amico Chick vive per poter collezionare le opere del celebre Jean-Sol Partre (rimando per nulla velato a Jean-Paul Sartre, col quale Vian aveva collaborato). Le speranze di Colin raggiungono l'apice nel momento in cui si innamora di Chloé e la sposa con una sontuosa cerimonia pagata a caro prezzo dal Sagrestano,a cui segue un viaggio di nozze dove sono scritte le parole d'amore fra le più belle e spontaneamente vere che si possano leggere. Ma il mondo dorato e surreale di Colin si infrange: la sua Chloé è malata, ha bisogno di carissimi fiori per poter guarire, ed egli è costretto a svolgere i lavori più umilianti pur di procurarglieli. La secondo parte del romanzo è infatti triste ed angosciante, totalmente opposta alla prima che emanava la gioia di vivere e di godere della bellezza del mondo dei protagonisti. Posto di fronte alla realtà, Colin non può ignorare la crudeltà della vita, e deve farsi investire da essa, mentre le pareti della sua casa si contraggono su di lui, la luce del giorno sembra spegnersi e Chloé si consuma lentamente. Alla fine, del romanzo rimane la sorpresa di un linguaggio innovativo che riesce a mantenere una vena di umorismo anche nelle situazioni più drammatiche, ma soprattutto la dolorosa sensazione di un mondo crudele che infrange i sogni più teneri di chi non è preparato ad affrontarlo.

    "Colin correva con tutte le sue forze, e davanti ai suoi occhi le persone si piegavano lentamente, per poi cadere lunghe distese sul selciato, come birilli, con quello strusciare moscio che può fare un cartone, se lasciamo che si adagi per terra.
    E Colin correva, correva, l’angolo acuto dell’orizzonte, stretto tra due file di case, si precipitava verso di lui. Sotto i suoi passi la notte calava. Una notte nera d’ovatta, amorfa e inorganica, e il cielo era senza colore, un soffitto, un altro angolo acuto, Colin correva verso la cima della piramide, con il cuore che gli si fermava per qualche sezione di notte meno nera, ma prima della sua c’erano ancora tre vie."

    Is this helpful?

    Athena said on Aug 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non so nemmeno se ciò sia possibile, ma bisogna essere preparati ad una lettura di questo genere o, quantomeno, farci un po' l'abitudine, entrarci in sintonia.
    Una scrittura originale, di quelle che si direbbero senza tempo, fantasiosa, surreale, on ...(continue)

    Non so nemmeno se ciò sia possibile, ma bisogna essere preparati ad una lettura di questo genere o, quantomeno, farci un po' l'abitudine, entrarci in sintonia.
    Una scrittura originale, di quelle che si direbbero senza tempo, fantasiosa, surreale, onirica, romantica e, tuttavia, progressivamente sempre più malinconica e triste man mano che si scorrono le pagine.
    Personalmente nutro sentimenti ambivalenti nei confronti di questo libro: un po' perchè ero impreparata, un po' perchè non appartiene a quel genere di fantastico che solitamente cerco (avventuroso, sorprendente, di quelli che ti sollevano l'animo e ti fanno desiderare di vivere altrove): d'altra parte, è una lettura che indubbiamente non si farà dimenticare.
    Non vi garantisco che questo libro vi piacerà, ma provate almeno a leggerlo, ne sarà certamente valsa la pena.

    Is this helpful?

    Donnamarino said on Jul 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Questo libro è folle, è matto, è incomprensibile, è dolce, è romantico, è comprensibile, è doloroso, è tenero, è onirico. Ed è mille atre cose insieme.

    Is this helpful?

    Frencina said on Jul 25, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Romanzo che ho fatto molta fatica a leggere. Di solito mi capita raramente quindi ne deduco che quest'opera di Boris Vian non è proprio nelle mie corde. Ammiro le capacità pirotecniche e virtuosistiche di questa scrittura visionaria ma secondo il mio ...(continue)

    Romanzo che ho fatto molta fatica a leggere. Di solito mi capita raramente quindi ne deduco che quest'opera di Boris Vian non è proprio nelle mie corde. Ammiro le capacità pirotecniche e virtuosistiche di questa scrittura visionaria ma secondo il mio modestissimo parere tanto talento viene letteralmente gettato al vento inseguendo una storia insulsa e banale, popolata di personaggi insopportabilmente vacui. Questo libro trasuda poesia in ogni pagina ma è la sostanza che gli manca. Molto graditi comunque i continui riferimenti al jazz.

    Is this helpful?

    aal said on Jul 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    dal blog Giramenti

    Tocca dire male di un libro che in tanti hanno descritto come una genialata. Cosa che non escludo, però mi ha annoiata quanto il giochino d’unire i puntini: che cosa apparirà? Unisci i puntini per quasi trecento pagine e poi ti appare la madonna, ma ...(continue)

    Tocca dire male di un libro che in tanti hanno descritto come una genialata. Cosa che non escludo, però mi ha annoiata quanto il giochino d’unire i puntini: che cosa apparirà? Unisci i puntini per quasi trecento pagine e poi ti appare la madonna, ma c’era da aspettarselo se la chiami in causa più volte. E in toni poco benevoli.

    SEGUE su http://gaialodovica.wordpress.com/2014/07/08/la-schiuma…

    Is this helpful?

    Giramenti said on Jul 8, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book