Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'étranger d'Albert Camus

Essai et dossier

By

Editeur: Gallimard (Folio Foliothèque, 22)

4.2
(9215)

Language:Français | Number of pages: 216 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Portuguese , Chi traditional , Chi simplified , German , Spanish , Italian , Catalan , Finnish , Turkish , Swedish , Japanese , Dutch , Greek , Polish , Czech

Isbn-10: 2070385752 | Isbn-13: 9782070385751 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Mass Market Paperback , Audio CD , Others

Category: Crime , Fiction & Literature , Philosophy

Aimez-vous L'étranger d'Albert Camus ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
«Cet essai reprend, en l'actualisant, en la complétant et en la remaniant sur de nombreux points, une étude parue il y a vingt ans dans la collection "Poche-Critique"", aujourd'hui disparue. La méthode employée, pas très orthodoxe, j'en conviens, suppose que le lecteur ait une connaissance préalable du sujet. La première partie, où je m'efforce de situer L'Étranger dans son contexte biographique et littéraire, jette des jalons pour l'interprétation qui va suivre. Elle comporte donc déjà de multiples références au roman. Je demande ensuite au même lecteur d'oublier tout ce qu'il sait et d'aborder L'Étranger avec moi comme s'il le découvrait pour la première fois. Les questions que pose cette approche (faussement) naïve font l'objet de la seconde partie : j'essaie d'y répondre en évoquant diverses lectures possibles d'un roman dont la force est de rester toujours une énigme.»
Bernard Pingaud.
Sorting by
  • 4

    Un urlo selvaggio

    "Ho pensato spesso, allora, che se avessi dovuto vivere dentro un tronco d'albero morto, senz'altra occupazione che guardare il fiore del cielo sopra il mio capo, a poco a poco mi sarei abituato. Avrei atteso passaggi di uccelli o incontri di nubi come, lì, attendevo le strane cravatte dell'avvoc ...continuer

    "Ho pensato spesso, allora, che se avessi dovuto vivere dentro un tronco d'albero morto, senz'altra occupazione che guardare il fiore del cielo sopra il mio capo, a poco a poco mi sarei abituato. Avrei atteso passaggi di uccelli o incontri di nubi come, lì, attendevo le strane cravatte dell'avvocato e come, in un altro mondo, aspettavo pazientemente il sabato per avere il corpo di Maria. In realtà, a pensarci bene, non ero dentro un albero morto. C'erano persone più infelici di me".

    La dolce indifferenza del mondo coglie il protagonista di questo romanzo come la scoperta di una consapevolezza: mortalità e felicità ci appartengono come realtà inconciliabili, categorie contraddittorie sulle spalle di un'esistenza epica e fatale. Per Camus sono rilevanti solo l'essere e il sentire; le apparenze sono così silenziose che per essere percepite richiedono un gesto assurdo e folle come la fredda violenza che uccide. Cosa faccia il cuore mentre il nostro destino viene deciso non è dato sapere, nemmeno nella più irrevocabile condanna.

    dit le 

  • 3

    mi aprivo per la prima volta alla dolce indifferenza del mondo

    Finalmente un guizzo. Il signor giudice si rivolge al protagonista "è finito per oggi, signor Anticristo".
    Del resto era un'idea della mamma che si finisce per abituarsi a tutto.
    Altro guizzo dopo dieci paginette dieci
    : la storia del cecoslovacco
    Le ultime pagine. ..mein ...continuer

    Finalmente un guizzo. Il signor giudice si rivolge al protagonista "è finito per oggi, signor Anticristo".
    Del resto era un'idea della mamma che si finisce per abituarsi a tutto.
    Altro guizzo dopo dieci paginette dieci
    : la storia del cecoslovacco
    Le ultime pagine. ..mein gott...

    dit le 

  • 4

    Il protagonista apatico, che dà risposte sincere nonostante queste possano essere scomode, mescolato allo stile di A. Camus e ad un finale angosciante che ti fa riflettere sulla vita, fanno di questo libro un libro che vale la pena leggere.

    dit le 

  • 0

    如果我們沒有一點差異,那麼我不敢肯定自己是否存在過。

    在客運上又再一次的翻閱了卡謬的異鄉人,但這次不再只是對存在寫下什麼註解,而是那份自我跟外在的那層隔離感,在閱讀中越見清晰,我曾經感受到那層膜的,是在泳池中些微缺氧時,這個世界晃動、靜謐的如此不真實,這是眼耳鼻舌身的感受,後來在某夜我不知為何的思考生死之間,人究竟是要完成什麼?抑或得到什麼?這層膜最終在意念間被我感知,也許這個問題也曾困擾悉達多,而他最終帶著神話色彩的超脫了這個世界,或許他真的見著真理破除了迷障,但也或許他如同星際效應中的教授,編了一個讓芸芸眾生能心安的謊言,真相是什麼我不知道,但恆河沙數的是在長河中生生滅滅,而自身是否也是如此,帶著胎中之謎,混沌的生,混沌的死,當意念到了 ...continuer

    在客運上又再一次的翻閱了卡謬的異鄉人,但這次不再只是對存在寫下什麼註解,而是那份自我跟外在的那層隔離感,在閱讀中越見清晰,我曾經感受到那層膜的,是在泳池中些微缺氧時,這個世界晃動、靜謐的如此不真實,這是眼耳鼻舌身的感受,後來在某夜我不知為何的思考生死之間,人究竟是要完成什麼?抑或得到什麼?這層膜最終在意念間被我感知,也許這個問題也曾困擾悉達多,而他最終帶著神話色彩的超脫了這個世界,或許他真的見著真理破除了迷障,但也或許他如同星際效應中的教授,編了一個讓芸芸眾生能心安的謊言,真相是什麼我不知道,但恆河沙數的是在長河中生生滅滅,而自身是否也是如此,帶著胎中之謎,混沌的生,混沌的死,當意念到了這裡,不同於清晰的世界與自我的隔離感,時間的界線卻變得這般模糊不清,百年似乎就只是轉瞬的事,此時濃重的苦味在口中漫開,似乎是害怕隔日便是鍘刀下斷首的黎明,於是我開始踏出腳步,雖然還是迷惘,但我依稀記得一句話『完成自己,其他的事便完成了。』
    太短、太急迫了,至少我先完成自己吧!

    dit le 

  • 5

    Un Santo omicida

    L'ho cercato, l'ho voluto fortemente, non potevo comprarlo. Ora l'ho letto e voglio adottarlo, dargli un posto sicuro per lui e/o per me?!
    Estraneo a sé stesso il protagonista, apatico e neutro. Forse un Santo, distaccato dalla materialità del mondo, ma colpevole di omicidio. Ancora ci medi ...continuer

    L'ho cercato, l'ho voluto fortemente, non potevo comprarlo. Ora l'ho letto e voglio adottarlo, dargli un posto sicuro per lui e/o per me?!
    Estraneo a sé stesso il protagonista, apatico e neutro. Forse un Santo, distaccato dalla materialità del mondo, ma colpevole di omicidio. Ancora ci medito e forse ci mediterò tutta la vita.

    dit le 

  • 5

    Come Albert Camus descriva la storia di un uomo impassibile a quello che gli succederà, forse lo sanno fare in pochi. Il protagonista si avvia lentamente alla fine della sua esistenza estraniandosi dallo spazio ed il tempo che lo circonda. Si noti come che chi gli sta attorno non lo giudica per l ...continuer

    Come Albert Camus descriva la storia di un uomo impassibile a quello che gli succederà, forse lo sanno fare in pochi. Il protagonista si avvia lentamente alla fine della sua esistenza estraniandosi dallo spazio ed il tempo che lo circonda. Si noti come che chi gli sta attorno non lo giudica per l'atto che ha commesso ma per tutt'altro motivo.

    dit le 

  • 5

    Lo straniero è una condizione umana di perenne estraniazione dalla vita e da un'esistenza che l'Uomo si trova a vivere. L'assurdo è la casualità e il non-senso in cui l'Uomo attraversa giorno per giorno la sua storia, categorizzata in un tempo ed in uno spazio. Ma anche tempo e spazio, in fondo, ...continuer

    Lo straniero è una condizione umana di perenne estraniazione dalla vita e da un'esistenza che l'Uomo si trova a vivere. L'assurdo è la casualità e il non-senso in cui l'Uomo attraversa giorno per giorno la sua storia, categorizzata in un tempo ed in uno spazio. Ma anche tempo e spazio, in fondo, sono elementi senza importanza, come senza importanza sono gli accadimenti e i fatti narrati nel racconto, che non hanno alcun valore se non quello dell'esternalità e dell'estraniazione. Il solo valore dell'esterno è quello di esaltare l'assurdità della Vita. La morte della madre di Meursault, la relazione con Maria, il cane di Salamano, l'amicizia con Raimondo, tutto è esterno ed estraneo. Tutto accade senza che Meursault sia artefice della propria esistenza. Perfino gli spari, che interrompono il suono ovattato del libro esauriscono il loro compito nella semplice suddivisione degli avvenimenti ed accadono come conseguenza naturale di una pressione esterna. Eppure anche in questo senso di totale estraniazione, dove i sentimenti sono ridotti al minimo e raccontati, nelle rare volte in cui si palesano, come meri accadimenti o stati di fatto, l'Uomo non rinuncia alla Vita, anche quando è vicino alla Morte ed anzi la Morte è ancor più affermazione della Vita. Ed è ancor più assurda questa contraddizione tra il non-senso della vita e la mancanza di rinuncia. "Così vicina alla morte, la mamma doveva sentirsi liberata e pronta a rivivere tutto. Nessuno, nessuno aveva il diritto di piangere su di lei. E anch'io mi sentivo pronto a rivivere tutto". Ed è a questo punto che la felicità si palesa "nell'indifferenza del mondo" una volta che l'Uomo si sia "liberato dalla speranza".

    dit le 

Sorting by