L'Arbre d'Halloween

By

Editeur: Seuil

3.4
(402)

Language: Français | Number of pages: 158 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Italian , Spanish , German

Isbn-10: 2020511118 | Isbn-13: 9782020511117 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Others

Category: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Aimez-vous L'Arbre d'Halloween ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 3

    Ho l'impressione che la trama non sia esattamente il suo forte, ma Bradbury continua ad appassionarmi per le atmosfere poetiche, la fantasia caleidoscopica, la vaga inquietudine che sa mettere nelle s ...continuer

    Ho l'impressione che la trama non sia esattamente il suo forte, ma Bradbury continua ad appassionarmi per le atmosfere poetiche, la fantasia caleidoscopica, la vaga inquietudine che sa mettere nelle sue pagine. Di questo libro poi sono interessanti e ammirevoli le riflessioni sul relazionarsi dell'uomo con il ricordo dei defunti e con l'idea della propria morte.

    dit le 

  • 3

    Libriccino assai curioso, una cosa che sta a metà fra The nightmare before Christmas e Canto di Natale (versione Halloween). Non male, affatto, perchè nell'apparente semplicità di questa fantasiosa e ...continuer

    Libriccino assai curioso, una cosa che sta a metà fra The nightmare before Christmas e Canto di Natale (versione Halloween). Non male, affatto, perchè nell'apparente semplicità di questa fantasiosa e folle corsa con gli spiriti - alla ricerca dell'amico scomparso e del senso della notte di Ognissanti- si celano delle riflessioni interessanti e dei passaggi molto suggestivi sulla paura e sulla morte.
    Sarà anche un libro per ragazzi, ma io mi ci cono divertita.
    Peccato per la traduzione, che risente un po' dell'età.

    dit le 

  • 3

    Non posso dire che sia il Bradbury che preferisco ma ritengo sia una bella trovata quella di usare la festa di Halloween per parlare ai giovanissimi di questioni impegnative come la paura ed il doverl ...continuer

    Non posso dire che sia il Bradbury che preferisco ma ritengo sia una bella trovata quella di usare la festa di Halloween per parlare ai giovanissimi di questioni impegnative come la paura ed il doverla affrontare per crescere, la Morte, la paura della Morte e come tutto ciò sia sempre stato presente in tutti i tempi ed in tutte le culture in cui si sono messi in atto riti e tutto ciò che potesse in qualche modo esorcizzare tale Paura:"E il conto torna. Quattromila anni fa, cento anni fa, quest'anno, un posto o l'altro, ma sempre la stessa festa..." (cit. da pag.119). Anche l'amicizia viene presentata come un valore importantissimo: è ciò che salva dalla morte e fa affrontare la Paura regalando un bel po' di coraggio in più.

    dit le 

  • 3

    Un libro noir che si legge velocemente e dove la morte è la protagonista. Adatto a bambini coraggiosi e temerari, ma non troppo piccoli, i sotto-intesi è necessario saperli cogliere e bisogna conoscer ...continuer

    Un libro noir che si legge velocemente e dove la morte è la protagonista. Adatto a bambini coraggiosi e temerari, ma non troppo piccoli, i sotto-intesi è necessario saperli cogliere e bisogna conoscere anche un po' di storia, dato il viaggio tra le epoche in cui si imbarcano i ragazzetti protagonisti. Certo, in alcuni passaggi il libro risulta un po' sconclusionato e anche confuso ma ho apprezzato l'indole battagliera e un po' fatalista dei protagonisti e, soprattutto, il loro altruismo, più o meno consapevole...perché quando si è bambini la morte appare molto molto ma molto lontana.

    dit le 

  • 3

    Questo romanzo mi ha lasciata decisamente perplessa: mi è sembrata molto carina l'idea di addentrarsi nelle tradizioni che hanno dato origine alla festa di Halloween, così come mi sono piaciute le rif ...continuer

    Questo romanzo mi ha lasciata decisamente perplessa: mi è sembrata molto carina l'idea di addentrarsi nelle tradizioni che hanno dato origine alla festa di Halloween, così come mi sono piaciute le riflessioni sulla paura dell'uomo per la morte e sui modi per farvi fronte. Però il modo in cui è stato scritto è difficile da seguire, astruso e poco godibile.

    dit le 

  • 2

    Guazzabuglio confuso

    Ottime idee mal sviluppate. L'inizio è molto promettente, purtroppo la trama dopo pochi capitoli inizia a diventare frenetica e confusionaria, sembra un viaggio sconclusionato e allucinato più che fan ...continuer

    Ottime idee mal sviluppate. L'inizio è molto promettente, purtroppo la trama dopo pochi capitoli inizia a diventare frenetica e confusionaria, sembra un viaggio sconclusionato e allucinato più che fantastico e ne sono rimasta delusa. Amo le storie per ragazzi ma qui a mio avviso manca davvero qualcosa, e non per il target giovane a cui è destinata, anche confrontando la storia con altre per ragazzi questa risulta una delle peggiori che abbia letto, difficile seguire la lettura, ancora più difficile capire l'evolversi dei fatti perché sono un susseguirsi di azioni senza significato e non ho capito se sia colpa della scrittura che non è stata capace di descrive ciò che accade o se sia colpa della storia in sé che ha delle carenze. Sebbene a grandi linee abbia apprezzato il messaggio che stava alla base, il tentativo di spiegare le origini di Halloween per me è riuscito solo in modo molto parziale e abbozzato.

    dit le 

  • 4

    Esplorando le origini di Halloween

    Ottimo racconto per bambini che riassume in una divertente avventura le origini di una delle feste più famose al mondo. Alla faccia dei fanatici religiosi che la considerano la festa del diavolo u.u
    H ...continuer

    Ottimo racconto per bambini che riassume in una divertente avventura le origini di una delle feste più famose al mondo. Alla faccia dei fanatici religiosi che la considerano la festa del diavolo u.u
    Halloween è molto di più di una trovata commerciale, ma al giorno d'oggi molti se ne dimenticano. E le sue origini sono molto più antiche di quel che si crede.
    Ottima lettura per Halloween, anche se non sono riuscita a goderne appieno a causa del target di riferimento. Com'è brutto crescere ç_ç

    dit le 

  • 1

    Delusione più totale. E pensare che l'inizio è stato così avvincente!
    L'idea del viaggio per scoprire l'origine dei culti manistici non è malvagia ma ho trovato la resa eccessivamente didascalica e po ...continuer

    Delusione più totale. E pensare che l'inizio è stato così avvincente!
    L'idea del viaggio per scoprire l'origine dei culti manistici non è malvagia ma ho trovato la resa eccessivamente didascalica e poco avvincente. E'probabile che il Jack Skellington di Burton, almeno esteticamente, arrivi da qui. Non ho trovato fonti, ma quando ho letto la parte dello scheletro vestito di nero che esce dal mucchio di fogliame mi è venuta subito in mente la scena di Nightmare before Christmas in cui Jack emerge dalla fontana dopo la ballata iniziale. A parte questo non l'ho trovato illuminante anche se il periodo di lettura è stato perfetto.

    dit le 

  • 3

    per ragazzi

    Notte di Halloween: otto ragazzi girano per le case, mascherati, recitando la solita formula scherzetto-dolcetto, rammaricandosi che uno di loro, il più divertente ed esuberante, non sia con loro; ved ...continuer

    Notte di Halloween: otto ragazzi girano per le case, mascherati, recitando la solita formula scherzetto-dolcetto, rammaricandosi che uno di loro, il più divertente ed esuberante, non sia con loro; vedono un grande albero con centinaia di zucche intagliate appese ai suoi rami e comincia così la loro avventura attraverso il tempo e lo spazio, alla ricerca del loro compagno, ma, contemporaneamente, per scoprire l'origine di questa festa.
    Libro nato come sceneggiatura e dedicato ai ragazzi, sa coniugare l'aspetto didattico con quello ludico, in una effervescente e immaginifica narrazione con apprezzabili notazioni ironiche.
    Con levità tratta un tema imprescindibile: la paura della morte.
    Amo il Bradbury dei racconti - e naturalmente di Fahrenheit 451 - ma faccio fatica a seguirlo su certe strade a metà tra il mistico e l'onirico (nel senso che mi annoio).

    dit le 

Sorting by