Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L' apprendista del Mago

Di

Editore: Mondadori

3.9
(136)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 224 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8804536918 | Isbn-13: 9788804536918 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: G. Conti

Genere: Science Fiction & Fantasy

Ti piace L' apprendista del Mago?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Thomas J. Ward, settimo figlio di un settimo figlio, è destinato a diventareapprendista del Mago, potente stregone impegnato a combattere contro lecreature del male. Incappucciato, distante e severo, il Mago è temuto eriverito ma la sua è una vita solitaria e difficile. È stanco di insegnare adapprendisti che lo deludono puntualmente, ma sa di dover trovare un successoree Thomas rappresenta la sua ultima possibilità. Il ragazzo dovrà esorcizzarefantasmi, catturare streghe e imprigionare boggart. Il suo apprendistato sitrasformerà in una terribile avventura quando verrà indotto con l'inganno aliberare Mamma Malkin, la strega più malvagia della Contea.Età di lettura: da 11 anni.
Ordina per
  • 3

    Il settimo figlio di un settimo figlio

    La leggenda vuole che il settimo figlio di un settimo figlio diventi un mago, come Thomas, cresciuto per diventare il più potente mago che sia mai esistito, l'ultima speranza per sconfiggere l'oscurità che sta crescendo.
    Figlio di un contadino e di una donna dalle misteriose doti, Thomas si ...continua

    La leggenda vuole che il settimo figlio di un settimo figlio diventi un mago, come Thomas, cresciuto per diventare il più potente mago che sia mai esistito, l'ultima speranza per sconfiggere l'oscurità che sta crescendo.
    Figlio di un contadino e di una donna dalle misteriose doti, Thomas si trova a dover lasciare la famiglia al compimento del suo tredicesimo anno di età per poter cominciare il suo apprendistato con il mago Gregory. La madre nutre grandi speranze verso il figlio, ma Thomas scoprirà presto che essere l'apprendista di un mago è tutt'altro che affascinante. Si troverà immerso in continui pericoli, tra l'astio e la diffidenza delle persone, persino della sua famiglia.
    Affronterà fantasmi, ghast, boggart e streghe. Saranno proprio le streghe a creare i più grossi problemi al giovane apprendista. Gli avvertimenti del mago non saranno sufficienti per salvarlo dalle grinfie delle più pericolose streghe della Contea, soprattutto se queste hanno la faccia dolce e gentile di una giovane ragazza...

    L'apprendista del mago è un racconto fantastico con atmosfere da piccoli brividi. Si tratta del classico racconto estivo da leggere in giovane età. Grazie allo stile semplice e scorrevole, riesce a catturare il lettore mentre le atmosfere cupe e quasi "horror" lo lasciano con il fiato sospeso. Questo libro è davvero molto carino e soddisfa le aspettative. L'unica grande pecca a mio parere sono i personaggi. Il protagonista è così ingenuo da risultare un tontolone, uno scemo credulone che fa le cose più stupide e mette in grossi guai persino la sua famiglia. Riesce a salvarsi sempre per qualche fortunato miracolo o per l'aiuto di qualcuno. L'istinto gli dice le cose giuste ma lui segue sempre un ragionamento che non regge pur sapendo di sbagliare. Se fosse stato un ribelle il suo sbagliare avrebbe avuto un altro tono, ma invece Thomas è un ragazzo tranquillo e dimesso e sbaglia per semplice imprudenza. Ero arrivata al punto che non riuscivo a leggere una pagina senza desiderare ardentemente di entrare dentro il libro e prendere il ragazzo a schiaffi urlandogli: "Vuoi svegliarti?!".
    Il comportamento del mago mi ha sorpreso perché invece di brontolare il ragazzo per le cose più ovvie, lo perdona senza nemmeno infuriarsi o preoccuparsi, lasciandolo in balia delle conseguenze. Mi aspettavo più attenzione e severità magari da parte sua.
    Le atmosfere cupe e medievali sono molto interessanti e ho trovato la storia molto semplice e carina, quasi una fiaba di paese con le sue leggende e i suoi perché.
    I maghi hanno poco di magico e le streghe sono pericolose e inquietanti.
    In questo primo libro della serie c'è poco spazio per approfondire tutte le creature pericolose di cui si parla e rimane la curiosità di saperne di più e scoprire le altre avventure che devono affrontare il mago e il suo giovane apprendista.
    Le idee e l'originalità non mancano in questa breve e avventurosa storia, tuttavia sento che poteva essere sfruttata ancora meglio.
    Mi piacerebbe saperne di più sul passato del mago e sulla madre di Thomas che a quanto pare è molto più di una semplice donna.
    Consiglio la lettura a ragazzi molto giovani tra gli 10 e i 13 anni.

    ha scritto il 

  • 4

    Piacevole

    La trama non è niente di nuovo, ma ció che lo rende pregevole è l'atmosfera, un mix di fantasy e horror (direi che van helsing, o il mistero di sleepy hollow possono essere ottimi riferimenti) che non avevo mai incontrato prima. Lo stile è semplice, diretto, e poco elegante. È una scelta che lo ...continua

    La trama non è niente di nuovo, ma ció che lo rende pregevole è l'atmosfera, un mix di fantasy e horror (direi che van helsing, o il mistero di sleepy hollow possono essere ottimi riferimenti) che non avevo mai incontrato prima. Lo stile è semplice, diretto, e poco elegante. È una scelta che lo costringe alla catalogazione di "libri per ragazzi", ma non è necessariamente un male in questo caso. Per essere chiari, i volumi della Troisi, stilisticamente, sono lontani anni luce. Consigliato

    ha scritto il 

  • 4

    Nonostante la solita trama del mago con l'apprendista questo libro si legge bene, belle le atmosfere cupe a volte stile horror e belli i personaggi, sicuramente un buon inizio...

    ha scritto il 

  • 5

    La storia è ambientata in un mondo immaginario, più precisamente in una Contea, e ruota attorno a un ragazzino tredicenne che ha come particolarità quella di essere settimo figlio di un settimo figlio. Sua madre, dalle origini misteriose, desidera che lui diventi un mago. Ecco, qui mi fermo perch ...continua

    La storia è ambientata in un mondo immaginario, più precisamente in una Contea, e ruota attorno a un ragazzino tredicenne che ha come particolarità quella di essere settimo figlio di un settimo figlio. Sua madre, dalle origini misteriose, desidera che lui diventi un mago. Ecco, qui mi fermo perché credo sia necessario chiarire subito una cosa: qui si parla di maghi, e in effetti lo schema che segue la vicenda è quello classico dei fantasy, ma non c'è una vera e propria magia, o comunque non è la cosa più importante. Gli stratagemmi che usa il protagonista per combattere i nemici non sono incantesimi, ed è qui che entra in gioco la parte horror.
    Innanzitutto, le maggiori minacce sono streghe e altre creature dell'orrore. Essi vengono affrontati quasi sempre con l'astuzia e con l'uso di materiali che li rendono inoffensivi, come il sale, un legno...

    Continua: http://verdecammino.forumcommunity.net/?t=50726784

    ha scritto il 

  • 5

    Che dire, era da tempo che un libro non mi piaceva tanto!!! La psrte più brutta del libro sono le prime 10 pagine.

    Poi si viene coinvolti da questi strani maghi, che di magico hanno poco, di umano molto.
    Non ci sono eserciti, o draghi, o battaglie, ma solo fattorie, contadini e streg ...continua

    Che dire, era da tempo che un libro non mi piaceva tanto!!! La psrte più brutta del libro sono le prime 10 pagine.

    Poi si viene coinvolti da questi strani maghi, che di magico hanno poco, di umano molto.
    Non ci sono eserciti, o draghi, o battaglie, ma solo fattorie, contadini e streghe di paese ma... è un libro che è un piacere leggere.

    ha scritto il 

  • 4

    Il settimo figlio di un settimo figlio è destinato per nascita a diventare un mago. Ma essere un apprendista stregone può essere davvero faticoso, e a volte pure pericoloso! A quanto pare, sta per uscire un film tratto da questa storia...

    ha scritto il 

  • 5

    El aprendiz del Espectro es la primera entrega de Las Crónicas de la piedra de Ward, protagonizadas por Thomas Ward.


    Desde su nacimiento, Thomas está predestinado a ser el mejor aprendiz de todos los tiempos. ¿Y por qué? Porque es el séptimo hijo de un séptimo hijo y, no sólo por ser dobl ...continua

    El aprendiz del Espectro es la primera entrega de Las Crónicas de la piedra de Ward, protagonizadas por Thomas Ward.

    Desde su nacimiento, Thomas está predestinado a ser el mejor aprendiz de todos los tiempos. ¿Y por qué? Porque es el séptimo hijo de un séptimo hijo y, no sólo por ser doblemente 7, sino también por ser hijo de su madre; una razón muy de peso, porque ya se sabe que las madres siempre tienen razón o que cuando seas madre comerás huevos XD

    No, ahora en serio... El siete es un número sagrado porque es la suma de los cuatro elementos: agua, tierra, fuego y aire; y de la santísima trinidad: padre, hijo, espíritu santo. Conociendo estos simples detalles observamos que el autor juega con la simbología y significados ocultos, elementos que encontramos en numerosas ocasiones en sus libros.

    A la hora de escribir, Delaney cuenta con un estilo simple, pero atractivo; no se come el tarro con descripciones demasiado enrevesadas. El lector visualiza sin ninguna dificultad el aspecto del paisaje, los edificios, los monstruos y pesadillas a los que tienen que enfrentarse y las actuaciones de los personajes.

    Hablando de ellos, cada uno cuenta con un carácter perfectamente definido con el papel que les han asignado:

    El espectro es un hombre viejo, cascarrabias y machista; para él, las mujeres son las causantes de todos los males del mundo, aunque se puede entrever un ligero respeto por la madre de Thomas. Pero a lo largo de las páginas, te das cuenta que algo se esconde tras esa fachada misógina. A pesar de lo solitario y poco hablador que es, siempre está al lado de Thomas cuando más le necesita, lo cual nos hace suponer que es una buena persona.

    Thomas es un niño que cae bien, el típico chiquillo obediente que no cuenta con demasiada iniciativa, pero esconde cualidades de héroe que su maestro tiene que descubrir y pulir.

    Sin duda, el personaje más llamativo es Alice, una bruja que se mueve entre el bien y el mal, y nunca sabes por dónde va a salir.

    Es un libro entretenido y repleto de misterios. En algunas ocasiones da miedo de verdad, o al menos, acongoja al lector. Desde luego Joseph Delaney se debería dar mucho más a conocer, porque para el terror juvenil es lo que Rowling es para la novela fantástica.

    Es un verdadero fastidio que Roca editorial haya decidido dejarnos con la historia colgada. Delaney no escribió una trilogía, ¡sino una saga de siete libros! ¡Lo que daría por tenerlos en castellano!

    Y me he enterado de que la película ya está en marcha, con toda seguridad la estrenarán en 2013. El dique seco de Hollywood a la hora de hacer películas nuevas y originales, nos va a permitir ver todas las adaptaciones de libros que hayamos leído ahora, o hace muchos años (como es el caso de El aprendiz del Espectro) No sé si considerarlo algo bueno o malo... Ya se verá cuando la estrenen.

    Saludos ;)

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Quando la magia fa paura..

    Era da tantissimo tempo che questo libro giaceva nella mia libreria a prendere polvere.
    Non l'ho mai considerato più di tanto.
    Mi ricordo ancora il giorno in cui mia madre me lo comprò..all'incirca cinque anni fa. Che ridere, aveva chiesto alla commessa se la scritta sulla copertina " ...continua

    Era da tantissimo tempo che questo libro giaceva nella mia libreria a prendere polvere.
    Non l'ho mai considerato più di tanto.
    Mi ricordo ancora il giorno in cui mia madre me lo comprò..all'incirca cinque anni fa. Che ridere, aveva chiesto alla commessa se la scritta sulla copertina "non leggete questo libro dopo il tramonto", potesse essere vera..^_^
    Mi ricordo anche cosa rispose la ragazza: "sono frasi dette così per dire"..o qualcosa del genere.
    Fino a lunedì non avevo più preso questo libro tra le mani. Poi finalmente me ne sono ricordata e, adesso, a fine lettura, posso finalmente dire se quella fatidica frase fosse vera.

    Beh..diciamo che a me la giusta dose di paura l'ha messa. Ci sono parti che ti mettono il cuore in gola..e questo mi ha stupito..davvero.

    Allora, la storia mi è piaciuta molto perchè adoro questo genere di libri.
    Intanto ambientazione ed epoca sono FAVOLOSE. E poi la storia mi ha proprio preso. Un ragazzo che abbandona la sua famiglia per diventare un futuro Mago.
    Oh ragazzi, a me la trama piace un sacco! Ci sono stati tanti dettagli, aggiungendo appunto epoca e luogo, che l'hanno reso come il libro che cercavi ma che ancora non sapevi di farlo.
    Ecco, qualcosa del genere.

    Purtroppo, secondo me, non ha avuto la giusta dose di notorietà. Forse è ritenuto troppo "da bambini"..boh.
    Io cmq credo che di base la trama fosse molto bella. Se la storia fosse stata articolata meglio e, perché no, aggiungendo qualche pagina in più, ne sarebbe venuto fuori un libro meraviglioso e, probabilmente, più conosciuto.
    Ma sono rimasta molto entusiasta comunque.

    Tra l'altro, quando credi che tutto stia per finire, il protagonista viene mandato da qualche parte, ti risale il cuore in gola e tutto da capo coi problemi..
    Che tra l'altro mica si sono completamente risolti del tutto..ci sono ancora dei punti di domanda misteriosi che mi sarebbe tanto piaciuto scoprire.

    Purtroppo però sono rimasta delusa da come hanno fatto "sparire" l'antagonista Mamma Malkin. L'hanno fatta morire male. Peccato.
    Per fortuna poi però l'autore si è risollevato con il punto di domanda che mi ha lasciato riguardo Alice, una futura strega che non sono riuscita ad inquadrare molto bene.
    Anche perché se verso la fine mi lascia frasi del tipo: "oh, ci incontreremo ancora. Su questo non ci sono dubbi.", mi fanno sperare ad un possibile continuo, anche se dubito ci possa essere. -.-

    Che dire ancora?
    Sono state 225 pagine piacevolissime e spero di poter ritrovare presto una lettura che si avvicini a questa come trama..almeno quella.
    Poi se ci fosse anche una bella Contea, non sarebbe male. ;-)

    Per concludere:
    "Il dono a volte è una maledizione, parola del Mago".
    E se lo dice lui allora..sarà bene credergli.

    -------------------------------------------------------

    Aggiunta delle ore 20.41
    Ho appena fatto una scoperta: il continuo c'è! Yeah, sono felicissima!
    Spero solo di trovarlo..

    ha scritto il