Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L' apprendista eretico

Di

Editore: Longanesi

3.8
(237)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 256 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8830417564 | Isbn-13: 9788830417564 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Traduttore: E. Pelitti

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Ti piace L' apprendista eretico?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un vecchio e ricco mercante affida in punto di morte al suo fedele apprendistaElave un preziosissimo scrigno da donare alla figlia adottiva Fortunata comedote nuziale. Il giovane, per una serie di fraintendimenti, viene accusato dieresia e imprigionato in attesa di essere giudicato. Fortunata vorrebbeservirsi del denaro dello scrigno per liberare l'amato, ma fratello Cadfaelscopre che lo scrigno conteneva qualcos'altro oltre il denaro. Attorno allaricerca del contenuto misterioso si scatena una lotta sempre più furiosa, cheprovoca morti e sconvolgimenti sia in seno alla famiglia del mercante defunto,sia tra i monaci dell'abbazia di Shrewsbury. E, ancora una volta, fratelloCadfael sarà chiamato a risolvere il mistero.
Ordina per
  • 5

    Forse il più bello

    Pianin-pianino li sto leggendo tutti e alcuni libri di Fratello Cadfael li trovo più riusciti di altri. Penso sia normale. Questo lo trovo uno dei migliori, per lo meno da podio. Come gli altri, questo libro mi ha rilassato, mi interessato, mi appassionato, mi ha catturato. Adoro la semplicità na ...continua

    Pianin-pianino li sto leggendo tutti e alcuni libri di Fratello Cadfael li trovo più riusciti di altri. Penso sia normale. Questo lo trovo uno dei migliori, per lo meno da podio. Come gli altri, questo libro mi ha rilassato, mi interessato, mi appassionato, mi ha catturato. Adoro la semplicità narrativa, l'essenzialità della trama, le splendide e mai tediose descrizioni, l'intreccio lineare ma non ovvio, i personaggi sempre coordinati con il loro aspetto esteriore. Tra poco li avrò finiti tutti e non so come farò!

    ha scritto il 

  • 3

    I libri della Peters hanno un comune denominatore che corre il rischio di far stancare i suoi lettori: i due innamorati di cui lui/lei viene accusato di omicidio. Intorno girano tutti gli altri personaggi che sono più sospettabili del sospettato! In questo romanzo, la parte più interessante è la ...continua

    I libri della Peters hanno un comune denominatore che corre il rischio di far stancare i suoi lettori: i due innamorati di cui lui/lei viene accusato di omicidio. Intorno girano tutti gli altri personaggi che sono più sospettabili del sospettato! In questo romanzo, la parte più interessante è la discussione sulla possibile eresia dell'apprendista del titolo che combatte contro la ferrea e determinata ortodossia della religione cattolica di alcuni personaggi.

    ha scritto il 

  • 3

    "Posso capirvi", commentò il canonico Gerbert quando fu solo con l'abate nel salottino della sua casa. Così a tu per tu con un suo pari, sedeva rilassato, persino un po' annoiato, spoglio dell'abituale zelo censorio, uomo infallibile, preoccupato per la propria fede. "Qui appartato dal mondo, o t ...continua

    "Posso capirvi", commentò il canonico Gerbert quando fu solo con l'abate nel salottino della sua casa. Così a tu per tu con un suo pari, sedeva rilassato, persino un po' annoiato, spoglio dell'abituale zelo censorio, uomo infallibile, preoccupato per la propria fede. "Qui appartato dal mondo, o tutt'al più interessato a questa regione e alle persone vicino a voi, non avete visto il pericolo di una falsa credenza. Vi assicuro che essa non ha gettato ombre su questo Paese, però prego perché la vostra gente sia abbastanza salda nel vero Credo da saper resistere a tali devianze fuorvianti. Ma il pericolo si avvicina, padre abate!
    (L'apparendista eretico, Ellis Peter, Mondolibri su licenza Feltrinelli 2000, trad. Elsa Pelitti, pag. 89)

    ha scritto il 

  • 4

    Avventura e mistero nel medioevo


    -Chiunque stesse entrando era a piedi e fu subito chiaro il motivo di quella premurosa separazione. Un carretto a mano, lungo e piatto, avanzò nella corte, trainato per le stanghe da un campagnolo robusto e brizzolato e spinto da un giovane smilzo, con le v ...continua

    Avventura e mistero nel medioevo

    -Chiunque stesse entrando era a piedi e fu subito chiaro il motivo di quella premurosa separazione. Un carretto a mano, lungo e piatto, avanzò nella corte, trainato per le stanghe da un campagnolo robusto e brizzolato e spinto da un giovane smilzo, con le vesti in disordine come dopo un lungo viag­gio. Il carico sul carretto cigolante era coperto da un man­tello grigio, con un fagotto avvolto in tela di sacco al fian­co, ma, a giudicare dagli sforzi dei due carrettieri, doveva essere piuttosto pesante. La sua forma, inoltre, era singola­re: il carico era largo e lungo quanto una bara. Sembrava che gli gravasse intorno un'invisibile coltre di silenzio e persino i bambini si acquietarono improvvisamente, presi da reverente timore, ma spalancando gli occhi per non perdere niente dell'inatteso spettacolo.-

    Così arriva all'abbazia un viandante ritornato da un lungo viaggio e porterà con se non poche peripezie per i frati e l'abate dell'abbazia, Cadfael cercherà come sempre di fare in modo che tutto si risolva per il meglio anche quando non è facile come sembra.

    ha scritto il 

  • 5

    Come sempre la Peters riesce a farmi tenere incollato alle pagine dei suoi libri finche' non ho terminato il romanzo.Anche questa volta fratello Cadfael riesce a dipanare la matassa in maniera semplice e portare allo scoperto l'assassino di turno.
    TRAMA
    Fervono i preparativi all’abbaz ...continua

    Come sempre la Peters riesce a farmi tenere incollato alle pagine dei suoi libri finche' non ho terminato il romanzo.Anche questa volta fratello Cadfael riesce a dipanare la matassa in maniera semplice e portare allo scoperto l'assassino di turno.
    TRAMA
    Fervono i preparativi all’abbazia benedettina di Shrewsbury, in un soleggiato giugno del 1143 per la festa solenne in onore di Santa Winifred. Ma l’atmosfera di esultanza e trepidazione è presto smorzata dall’arrivo inatteso di due pellegrini: il primo è l’altezzoso Gerbert, canonico agostiniano di Canterbury; il secondo è… un cadavere. Il pio mercante William di Lythwood, infatti, è deceduto in seguito a un pellegrinaggio in Terrasanta, e in punto di morte ha scongiurato il suo apprendista-segretario di essere ricondotto a Shrewsbury per avere degna sepoltura. E la sua volontà sarebbe esaudita se non vi si opponesse il canonico che ricorre a ogni espediente pur di fermare il giovane. E a rendere le acque ancora più torbide sarà il misterioso contenuto di un prezioso scrigno, destinato in dote dal mercante alla figlia adottiva. Fratello Cadfael, chiamato a indagare, scoprirà che la scatola non contiene soltanto denaro, ma qualcosa capace di scatenare un intrigo sanguinoso che coinvolgerà anche i miti monaci dell’abbazia di Shrewsbury.
    ( recensione tratta da TEA Libri )

    ha scritto il 

  • 3

    lettura per bambini:non è una critica negativa in senso assoluto, ma credo che un discreto giallo storico sia ben altro...
    A volte sinceramente non capisco come libri del genere possano vendere milioni di copie

    ha scritto il 

  • 3

    "Sedicesima indagine di fratello Cadfael", non dissimile nella struttura dalle altre 15.
    Piacevole lettura, distensiva, giallo "tranquillo", come tutti quelli di questa serie, nessuna violenza ostentata, moderata emozione.
    Per un momento di riposo.

    ha scritto il