L' eroe oscuro dell'età dell'informazione

Alla ricerca di Norbert Wiener, il padre della cibernetica

Di ,

Editore: Codice

4.3
(22)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 549 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8875780323 | Isbn-13: 9788875780326 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: P. Bonini

Genere: Biografia , Computer & Tecnologia , Scienza & Natura

Ti piace L' eroe oscuro dell'età dell'informazione?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Chi è Norbert Wiener? Pochissimi lo sanno, eppure quest'uomo ha cambiato lenostre vite. Senza di lui e la sua rivoluzione, condotta nei primi anni delsecondo dopoguerra, non esisterebbero la teoria dell'informazione, il concettodi computazione e l'idea di rete come li conosciamo oggi. In breve, è il padredella cibernetica. Due giornalisti, collaboratori del "New York Times", del"Los Angeles Times" e del "Science Digest", raccontano la vita straordinariadi un uomo straordinario, carica di luci e ombre, di voli e cadute, che nonsmise mai di mettere in guardia la società dalle possibili conseguenzederivanti dalle tecnologie ispirate alle sue ricerche.
Ordina per
  • 4

    Uomini come Norbert Wiener sono perle rare.

    E' uno dei padri della cibernetica - e in un certo senso dell'informatica teorica. Il libro, scritto da due giornalisti, racconta la vita di un uomo fuori ...continua

    Uomini come Norbert Wiener sono perle rare.

    E' uno dei padri della cibernetica - e in un certo senso dell'informatica teorica. Il libro, scritto da due giornalisti, racconta la vita di un uomo fuori dal comune. Un bambino precoce, un adolescente brillante e geniale, uno scienziato sublime.

    Il come il quando ed il perché della cibernetica. Gran libro, scritto molto bene, direi appassionante.

    ha scritto il 

  • 5

    A chiedere oggi di Norbert Wiener, a domandare su chi sia e cosa abbia fatto, pochi sanno dare una risposta. Ma quei pochi che lo conoscono sanno il valore del suo lavoro.
    Il libro ripercorre la vita ...continua

    A chiedere oggi di Norbert Wiener, a domandare su chi sia e cosa abbia fatto, pochi sanno dare una risposta. Ma quei pochi che lo conoscono sanno il valore del suo lavoro.
    Il libro ripercorre la vita di Wiener, dalla sua infanzia alla sua morte, mettendo in luce anche gli aspetti su cui meno si sa, lati personali e familiari e delle sue debolezze e crisi, di cui ha sofferto durante tutta la sua vita.
    Leggere questa biografia è stato un tuffo in mare aperto e per me ha significato molto. Approfondire gli aspetti di un uomo che ha dato tanto al mondo, mi ha convinto ancor più della grandezza di Norbert Wiener.
    Quando lessi i suoi due libri più famosi mi mancavano ancora tanti tasselli del puzzle, ora molti di questi tasselli sono stati messi al loro posto.
    Non posso che ringraziare gli autori per questo lavoro, che a loro è costato anni di fatiche, e a me ha donato ore di intense emozioni nella lettura.

    ha scritto il 

  • 5

    Mi è difficile trovare parole per un libro del genere, dire quanto mi sia entrato nel profondo, (esaminare) quanto ha modificato la mia visione del mondo, (misurare) quanto ha dato senso e giustizia a ...continua

    Mi è difficile trovare parole per un libro del genere, dire quanto mi sia entrato nel profondo, (esaminare) quanto ha modificato la mia visione del mondo, (misurare) quanto ha dato senso e giustizia a pensieri che mi portavo dietro da anni. Estremamente personale, dunque (quindi non necessariamente replicabile), questo libro è un'avventura intellettuale come ce ne sono poche, ed allo stesso tempo un tour de force emotivo straziante: perchè (mi pare,) è impossibile non amare l'uomo Norbert Wiener, così eccentrico e geniale e fragile, ed è impossibile non amare le sue idee, l'ambiente che avevano contribuito a creare, lo straordinario evento scientifico che hanno rappresentato.
    Impossibile pure sopportare con leggerezza le tragedie, umane e scientifiche, che sono, terribilmente, la vera spina dorsale del libro, e che spiegano (anche se solo parzialmente) l'oblio che Wiener uomo e scienziato (assieme ad altri uomini e donne, scienziati e non) affronterà dopo la morte.
    A fidarsi (e lo faremo) degli autori (marito e moglie) ci sono dodici anni di preparazione e otto di redazione che separano l'idea dal libro compiuto, e la cosa non stupisce più di tanto. La simpatia (l'amore, si può dire? lo diciamo) per Wiener, le sue idee e le persone che stavano attorno a lui traspare ad ogni pagina, ed è giusto così.

    Questa è una biografia appassionata dell'ascesa ed il declino di un modo di pensare il mondo, dell'ossessione delle "cose basilari", della nascita di uno sguardo che ha oramai cambiato nome e non riconosciamo più, anche se è dappertutto. La cibernetica si è infilata in ogni pertugio (medicina, fisica, biologia, scienze sociali) ed è con altri nomi che adesso guardiamo all'intelligenza artificiale, neuroscienze, robotica, scienze cognitive e complessità.

    E se la parola cibernetica ha perso completamente il suo senso originale (tanto da essere pasteggiata da Ufo Robot, che la mangiava a libri(?) (giustamente, riconosciamo, contornando con insalata di matematica (che è l'accompagnamento necessario)), ripercorrerne la storia, che è la storia di suo padre, è dovuto.

    Uno dei più belle storie d'amore per la scienza che abbia mai letto.

    ha scritto il 

  • 3

    L’inventore del presente

    La lettura di questo libro suscita soprattutto una reazione di stupore. Sembrerebbe che gli autori esagerino o addirittura che abbiano inventato un personaggio che per quello che ha fatto dovrebbe ess ...continua

    La lettura di questo libro suscita soprattutto una reazione di stupore. Sembrerebbe che gli autori esagerino o addirittura che abbiano inventato un personaggio che per quello che ha fatto dovrebbe essere citato nei libri di scuola. Invece, nonostante nei libri di scuola non ci sia, è tutto vero: Norbert Wiener ha inventato la cibernetica; ha proposto una spiegazione geniale dei meccanismi che regolano la circolazione dell’informazione tra gli uomini, tra le macchine e fin anche tra le cellule viventi; ha fornito una grande lezione di etica della scienza rifiutando i finanziamenti per progetti a scopi militari o difendendo i lavoratori che rischiavano la disoccupazione per l’avanzare indiscriminato dell’automatismo. Il racconto ogni tanto si muove avanti ed indietro sembrando inutilmente ripetitivo ma, visto che la retroazione è un meccanismo alla base delle idee di Wiener , un po’ di circolarità ci può anche stare.

    ha scritto il