Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L' uccello del sole

Di

Editore: Superpocket

3.8
(909)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 500 | Formato: Altri

Isbn-10: 8846201590 | Isbn-13: 9788846201591 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: R. Rambelli

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Sports, Outdoors & Adventure

Ti piace L' uccello del sole?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
L'archeologo Ben Kazin è vicino alla scoperta della sua vita: ha trovato nel Botswana una debole traccia di Opet, la mitica "Città della Luna", centro di una grande civiltà africana comparsa nel nulla. Tra scavi e inseguimenti, dirottamenti e cacce grosse, la traccia mano a mano prende corpo, anche se tutto era stato predisposto affinché di Opet fosse cancellato persino il ricordo. Quale segreto si cela sotto i resti della "Città della Luna"?
Ordina per
  • 4

    7.5/10

    Forse si meritava anche solo 7 ma essendo stato una rivelazione mi sento di dargli un mezzo punto in più. Ultimamente non amavo più i libri di Smirh e perciò leggendo questo avevo una bassa aspettativa. In realtà, dopo la saga egizia, lo trovo il milgiore tra quelli letti dell' autore. Ho apprezz ...continua

    Forse si meritava anche solo 7 ma essendo stato una rivelazione mi sento di dargli un mezzo punto in più. Ultimamente non amavo più i libri di Smirh e perciò leggendo questo avevo una bassa aspettativa. In realtà, dopo la saga egizia, lo trovo il milgiore tra quelli letti dell' autore. Ho apprezzato molto che il libro sia diviso in due parti, il momento degli scavi archeologici in cui si cerca di immaginare i fatti e il momento di flashback in cui questi vengono narrati. Le due storie si collegano ma non eseguono esattamente lo stesso cammino, ciò rende interessante la lettura e non annoia. Il protagonista mi stava parecchio antipatico, perchè la sua ingenuità era a dir poco estenuante! Ma solitamente Smith stereotipa così tanto i personaggi che mi è impossibile non vedere questo aspetto in positivo in questo libro, dato che la stereotipazione c'è ma è poca, ed è comunque differente dai canoni usati solitamente dall' autore. Lo consiglio a chi piace Smith e a chi piacciono i libri ambientati nella storia antica, in questo aspetto Smith dà il suo meglio a mio parere.

    ha scritto il 

  • 1

    Scialbo, scontato, noioso

    Visto il titolo mi si chiederà: "Perché l'hai letto?". Il fatto è che sono un pessimo lettore, curioso e arruffone. Ho trovato questo libro nella libreria di casa, omaggio di una rivista, l'ho sfogliato, ne ho lette poche pagine e - come sempre - mi sono sentito in dovere di leggerlo fino in fond ...continua

    Visto il titolo mi si chiederà: "Perché l'hai letto?". Il fatto è che sono un pessimo lettore, curioso e arruffone. Ho trovato questo libro nella libreria di casa, omaggio di una rivista, l'ho sfogliato, ne ho lette poche pagine e - come sempre - mi sono sentito in dovere di leggerlo fino in fondo. Spero, con questa recensione, di evitare di impegnarci 10 ore di noia a qualcuno.

    Il libro è diviso in due parti, che si svolgono in due epoche diverse, con personaggi senza alcun senso speculari nella fattezze (il bello, il gobbo, la bella che si intromette tra i due) e nelle situazioni.

    La scrittura è standard: gli uomini di colore sono possenti, le donne sono bellissime con sguardi che sciolgono i cuori degli eroi, il re/industriale sono splendidi e generosi, gli assistenti infingardi e traditori, ecc. La trama è standard: sangue, sesso, massacri, guerre, tradimenti, sentimenti inviolabili, promesse mantenute nel sangue, ecc.

    ha scritto il 

  • 0

    L'uccello del sole di Wilbur Smith, un romanzo di avventura ambientato in Africa appassionante intrecciato a una storia d'amore. Pieno di sorprese e colpi di scena, L'uccello del sole è un romanzo che si divide in 2 parti: la prima è dedicata alla storia la seconda a un lungo flashback. Ti fa ent ...continua

    L'uccello del sole di Wilbur Smith, un romanzo di avventura ambientato in Africa appassionante intrecciato a una storia d'amore. Pieno di sorprese e colpi di scena, L'uccello del sole è un romanzo che si divide in 2 parti: la prima è dedicata alla storia la seconda a un lungo flashback. Ti fa entrare nel romanzo e ti affascina. Le descrizioni dei luoghi sono molto belle e la lettura è piacevole. Barbara M. (I E)

    ha scritto il 

  • 4

    Quattro stelle solo per la seconda parte, che ha un'ambientazione ben costruita e riesce a dare qualche emozione, dalla sorte di Manatassi a quella di Tanith, che stringe il cuore nello stesso dolore che prova Huy, se non più forte, fino alle ultime pagine.


    Per la prima parte avrebbe merit ...continua

    Quattro stelle solo per la seconda parte, che ha un'ambientazione ben costruita e riesce a dare qualche emozione, dalla sorte di Manatassi a quella di Tanith, che stringe il cuore nello stesso dolore che prova Huy, se non più forte, fino alle ultime pagine.

    Per la prima parte avrebbe meritato due stelline: storia scontata, a tratti molto noiosa, personaggi antipatici a partire dal protagonista, presunto genio ma che poi si comporta da stupido, e ha una concezione delle donne da maschilista puro (cosa che ho ritrovato anche in altri libri di Wilbur Smith).

    ha scritto il 

  • 4

    Quattro stelle meno

    Perchè è bella l'ambientazione del libro, perchè rende davvero bene l'atmosfera, sia nel presente che nel passato. Perchè è interessante come viene interpretato il ruolo ed il lavoro del sacerdote di baal e sono ben presentati gli intrighi a corte e nel tempio.
    Perchè purtroppo i personaggi sono ...continua

    Perchè è bella l'ambientazione del libro, perchè rende davvero bene l'atmosfera, sia nel presente che nel passato. Perchè è interessante come viene interpretato il ruolo ed il lavoro del sacerdote di baal e sono ben presentati gli intrighi a corte e nel tempio. Perchè purtroppo i personaggi sono un po' un cliché di questo autore, perchè nel suo stile è ben presente l'anticipare di diversi capitoli cosa succederà, azzerando la suspance. Cosa che non apprezzo eccessivamente. Nel complesso, val la pena di leggerlo (e magari di ripassarsi qualche nozione di storia antica)

    ha scritto il 

  • 1

    2/10

    Nello standard dei romanzi di Smith: brutto, pur se di un infinitesimo migliore degli altri. Un protagonista che è nominalmente intelligentissimo, con un QI di 156, nei fatti si comporta come un ritardato; tutti i personaggi sono come al solito bellissimi; uno schiavo ambiguo che viene addestrato ...continua

    Nello standard dei romanzi di Smith: brutto, pur se di un infinitesimo migliore degli altri. Un protagonista che è nominalmente intelligentissimo, con un QI di 156, nei fatti si comporta come un ritardato; tutti i personaggi sono come al solito bellissimi; uno schiavo ambiguo che viene addestrato all'arte della guerra (cosa che ovviamente lui sfrutterà a proprio vantaggio); solito cattivo nero; solita amata meravigliosa e desiderabilissima; solito eroe self-made man; la sorte di Tanith non desta la minima suspense perché già è stato detto come finirà.

    ha scritto il