L'abito di piume

Di

Editore: Feltrinelli (I Canguri)

3.6
(2690)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 132 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Giapponese , Tedesco

Isbn-10: 8807701650 | Isbn-13: 9788807701658 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Alessandro Giovanni Gerevini

Disponibile anche come: Tascabile economico , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Rosa

Ti piace L'abito di piume?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Hotaru torna nel paese natale, un piccolo borgo tranquillo attraversato da un fiume, per dimenticare le sue pene d’amore. Era andata ad abitare a Tokyo e, per otto anni, aveva vissuto una relazione sentimentale con un uomo sposato, un fotografo sempre impegnato nel lavoro che inaspettatamente l’abbandona. Il ritorno di Hotaru è un ritorno all’infanzia, un modo per ritrovare pace e serenità tra gli amici, e l’affetto della nonna. La madre è morta e il padre, un famoso psicologo, è in viaggio in California. Hotaru trascorre le giornate aiutando la nonna nel suo caffè dall’atmosfera intima e familiare. Rivede luoghi e persone del passato, soprattutto la sua vecchia amica Rumi, dotata di una speciale capacità di intuire ciò che si nasconde nell’animo delle persone. Un giorno, dopo una passeggiata lungo le sponde del fiume, Hotaru incontra Mitsuru, un ragazzo che le lascia una strana sensazione di déjà vu. È convinta di averlo già conosciuto da qualche parte, senza però riuscire a ricordare dove e quando. Risolverà l’enigma grazie all’aiuto di sua nonna e della madre di Mitsuru, scoprendo un evento misterioso e dal forte impatto emotivo. Il titolo originale del romanzo, Hagoromo (letteralmente “abito di piume”), indica un particolare tipo di kimono leggerissimo che le tennyo, figure mitologiche dalle sembianze di donne-angelo, indossano per volare tra il mondo terreno e l’aldilà. Guarita dal dolore, Hotaru può indossare il suo “abito di piume” per librarsi in volo verso la vita, rinfrancata e “leggera”, riappropriandosi finalmente della sua gioventù e dei suoi sentimenti.Un romanzo struggente e salvifico che riesce a trasmettere un forte senso di speranza nel futuro.
Ordina per
  • 3

    Seguendo le stesse parole dell'autrice "Non credo sia un romanzo strepitoso, il contenuto poi non è un gran che, qua e là però ci sono dei passaggi che mi piacciono molto". Perché si questo libro sarà ...continua

    Seguendo le stesse parole dell'autrice "Non credo sia un romanzo strepitoso, il contenuto poi non è un gran che, qua e là però ci sono dei passaggi che mi piacciono molto". Perché si questo libro sarà anche leggero e non tratterà argomenti complessi o estremamente coinvolgenti, ma è una libro che ti trasmette tranquillità, che ti piace leggere per la sua semplicità. "L'abito di piume" è il classico libro che consiglierei a chi - come me in queste ultime settimane - soffre del blocco del lettore, perché la sua semplicità (che allo stesso tempo è anche la sua bellezza) ti rilassa lasciandoti la voglia di leggere anche sono per continuare a leggere.

    ha scritto il 

  • 4

    Prestato da una mia amica e letto in 24 ore.
    Mi è piaciuto molto di più rispetto a "Ricordi di un vicolo cieco".
    Piccola storia che lascia una impronta di speranza.

    ha scritto il 

  • 4

    "Lo stomaco mi si era scaldato per bene, e grazie alla quiete dei momenti appena trascorsi, adesso anche l’animo si sentiva al calduccio. Nella vita terrestre molte sono le forme di sofferenza e il te ...continua

    "Lo stomaco mi si era scaldato per bene, e grazie alla quiete dei momenti appena trascorsi, adesso anche l’animo si sentiva al calduccio. Nella vita terrestre molte sono le forme di sofferenza e il tempo passa e va. Anche se per un breve tempo, ero uscita dal mio piccolo mondo solitario ed ero venuta a conoscenza del dolore altrui. Una scoperta che nelle mie condizioni aveva dell’incredibile."

    ha scritto il 

  • 3

    Una storia senza particolari pregi però con la capacità, come la maggior parte dei libri della Yoshimoto, di rasserenare e rappacificare col mondo esteriore e, attraverso quello, col mondo interiore. ...continua

    Una storia senza particolari pregi però con la capacità, come la maggior parte dei libri della Yoshimoto, di rasserenare e rappacificare col mondo esteriore e, attraverso quello, col mondo interiore.

    ha scritto il 

  • 3

    E' stato il mio primo Yoshimoto. Ha buoni spunti, ma la narrazione però va a tentoni e mi aspettavo di più, lo confesso. Tanto più che utilizza come perno conduttore il fiume, per me elemento sacro e ...continua

    E' stato il mio primo Yoshimoto. Ha buoni spunti, ma la narrazione però va a tentoni e mi aspettavo di più, lo confesso. Tanto più che utilizza come perno conduttore il fiume, per me elemento sacro e imprescindibile. Ritento, magari sarò più fortunata con un altro libro.

    ha scritto il 

  • 2

    Se lo dice lei...

    dal postscriptum di Banana Yoshimoto:

    "Non credo sia un romanzo strepitoso, il contenuto poi non è un gran che (…)Trovo sia una storia molto simile a una favola. Mi farebbe piacere se qualcuno che sta ...continua

    dal postscriptum di Banana Yoshimoto:

    "Non credo sia un romanzo strepitoso, il contenuto poi non è un gran che (…)Trovo sia una storia molto simile a una favola. Mi farebbe piacere se qualcuno che sta affrontando un brutto momento la leggesse e riuscisse ad alleviare le proprie sofferenze, senza pensare di trovarci dei messaggi particolari"

    Ma no dai, io qualche messaggio particolare l'ho trovato…

    "Quando mi alzo in piedi e con le mani mi strofino il sedere ormai ghiacciato, sento che il significato del mondo mi è un po' più vicino."

    Mah, sarà...

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per