Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'albero d'argento

Spiderwick

Di ,

Editore: Mondadori

4.1
(87)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 121 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804532181 | Isbn-13: 9788804532187 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: M. Bastanzetti

Genere: Comics & Graphic Novels , Family, Sex & Relationships , Science Fiction & Fantasy

Ti piace L'albero d'argento?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
L'avventurosa storia di tre fratelli - Jared, Simon e Mallory Grace - alleprese con un mondo popolato da fate, elfi e folletti.Età di lettura: da 9 anni.
Ordina per
  • 3

    Mi aspettavo un po' di piu' da questo volume della saga. La parte iniziale era davvero ben strutturata e coinvolgeva subito nell'azione, con una variante sul tema ideata con accortezza. Tuttavia, nella cava degli gnomi (o nani, come si preferisce definirli) l'azione scema decisamente e si limita ...continua

    Mi aspettavo un po' di piu' da questo volume della saga. La parte iniziale era davvero ben strutturata e coinvolgeva subito nell'azione, con una variante sul tema ideata con accortezza. Tuttavia, nella cava degli gnomi (o nani, come si preferisce definirli) l'azione scema decisamente e si limita all'ennesima fuga dalle creature fantastiche e pericolose, con unica svolta l'apparizione di Mulgarath. Le illustrazioni invece sono ogni volta superlative e danno carattere ai personaggi bislacchi come il Bussarello o gli animali meccanici degli gnomi. A questo punto della storia temo solamente che il finale lasci un po' di amaro in bocca, ma leggere e' in definitiva come un avventura e le avventure non vanno sempre a finire come speriamo.

    "Jared degluti'. Mulgarath. Quella parola non aveva mai significato molto per lui, ma ora il ragazzino si senti' invadere dal terrore. Per quanto sapesse che il mostro non poteva vederlo, sentiva quegli occhi scuri e cupi posarsi sui presenti e aveva una gran voglia di sprofondare nel terreno".

    ha scritto il