L'alchimista

Di

Editore: Bompiani

3.9
(19648)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 252 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale , Chi semplificata , Svedese , Francese , Tedesco , Portoghese , Coreano , Olandese , Norvegese , Finlandese , Danese , Catalano , Giapponese , Sloveno , Polacco , Greco , Galego , Basco , Turco , Croato , Ceco , Ungherese

Isbn-10: 8845171124 | Isbn-13: 9788845171123 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Tascabile economico , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Filosofia , Religione & Spiritualità

Ti piace L'alchimista?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Santiago, giovane pastorello andaluso, intraprende un viaggio avventuroso che lo porterà a incontrare il vecchio Alchimista. Grazie a lui salirà tutti i gradini della scala sapienzale nel processo di conoscenza di sé e del mondo.
Ordina per
  • 2

    Come una parabola

    Esattamente come una parabola: lettura estremamente scorrevole e colma di possibili aforismi, trama ispirante, paesaggi lontani e quasi mistici.
    Ad un certo punto sono entrata in uno stato confusional ...continua

    Esattamente come una parabola: lettura estremamente scorrevole e colma di possibili aforismi, trama ispirante, paesaggi lontani e quasi mistici.
    Ad un certo punto sono entrata in uno stato confusionale dovuto alla monotona e quasi ossessiva ripetizione delle parole "amore", "forza di volontà" e "bontà", grazie ai quali sarà possibile realizzare la propria "leggenda personale"...
    Una cosa è certa: Coelho perde sempre più punti.

    ha scritto il 

  • 2

    Realizzare la propria “Leggenda Personale” è il compito degli uomini.
    La scrittura de “L’alchimista” è molto chiara, semplice, morbida, i periodi sono brevi, il linguaggio familiare ed efficace.
    Non ...continua

    Realizzare la propria “Leggenda Personale” è il compito degli uomini.
    La scrittura de “L’alchimista” è molto chiara, semplice, morbida, i periodi sono brevi, il linguaggio familiare ed efficace.
    Non e' una storia per “atei”, sembra di trovarsi di fronte ad una sorta di catechismo per anime romantiche e credenti. Coelho è un predicatore, racconta una fede personale, capace di coinvolgere coloro che hanno desiderio di una guida verso la felicità e di lasciare un po' annoiati e perplessi coloro che hanno uno spirito più “laico”.

    ha scritto il 

  • 4

    Infusione di positività. Accade come nelle favole...

    Sarà per le numerose frasi che potrebbero essere tranquillamente citate come aforismi o sarà per il linguaggio semplice come nelle favole, ma ho apprezzato molto il racconto di questo viaggio che, com ...continua

    Sarà per le numerose frasi che potrebbero essere tranquillamente citate come aforismi o sarà per il linguaggio semplice come nelle favole, ma ho apprezzato molto il racconto di questo viaggio che, come nelle favole, si conclude positivamente e con una morale.
    Non è certo adatto a chi è alla ricerca di colpi di scena o sorprese ma, vista quanta positività si nasconde tra le pagine, ne consiglio la lettura a chiunque.
    Voto: 4/5

    ha scritto il 

  • 4

    Una persona in cui mi sono imbattuta "per caso" (ammesso che il "caso" esista) mi ha suggerito di leggere questo libro, affermando che ciascuno, leggendolo, vi trova esattamente quel che gli serve, in ...continua

    Una persona in cui mi sono imbattuta "per caso" (ammesso che il "caso" esista) mi ha suggerito di leggere questo libro, affermando che ciascuno, leggendolo, vi trova esattamente quel che gli serve, in quel momento della propria vita. L'ho riletto più volte, in momenti molto diversi, ed era sempre la mia storia, ma ogni volta un personaggio diverso.

    ha scritto il 

  • 2

    Premesso che la seconda stellina è regalata solo perché voglio almeno credere che il libro sia stato scritto in buonafede, mi domando se ci volevano 178 pagine per una favoletta con morale che si sare ...continua

    Premesso che la seconda stellina è regalata solo perché voglio almeno credere che il libro sia stato scritto in buonafede, mi domando se ci volevano 178 pagine per una favoletta con morale che si sarebbe potuta raccontare in 10.
    Un'altra questione interessante è come spiegare il successo di massa ottenuto dal libro negli anni '90 (è stato capace di far sognare l'uomo medio? Ha ridato ottimismo a una società secolarizzata ma ancora non cinica e disillusa come quella odierna?). Forse il segreto sta soltanto nel linguaggio, così semplice da poter essere letto da un bambino di 7 anni, e nei concetti che vi stanno dietro, altrettanto telefonati. In breve: realizzare la propria Leggenda Personale (che fastidio le maiuscole!) è il solo (solo!?) dovere degli uomini. Ad un certo punto della vita si smette di sognare, non sembra più tutto possibile come in gioventù (ma va!), pare che forze misteriose remino contro i nostri desideri e ciò che dovrebbe essere la nostra missione sulla terra. In realtà queste forze preparano il nostro spirito e la nostra volontà, perché alla fine "quando tu desideri qualcosa, tutto l'Universo cospira affinché tu realizzi il tuo desiderio". Tanto basta per rendere felice un lettore con bassa alfabetizzazione (e animo buono?). Meglio non chiedersi cosa succederebbe se il desiderio in questione fosse qualcosa di capriccioso, malvagio, disonesto, in conflitto con desideri altrui o semplicemente assurdo. L'Universo continuerebbe a cospirare in tal senso?

    ha scritto il 

  • 3

    Bella favola per insegnare a seguire il proprio cuore ma sopravvalutato. La scrittura semplicistica e il messaggio fortemente cristiano (soprattutto alla fine) non mi hanno aiutata a digerirlo del tut ...continua

    Bella favola per insegnare a seguire il proprio cuore ma sopravvalutato. La scrittura semplicistica e il messaggio fortemente cristiano (soprattutto alla fine) non mi hanno aiutata a digerirlo del tutto. Da salvare a tratti.

    ha scritto il 

  • 3

    “L’alchinista”, di Coelho, non è un libro facile di cui scrivere. Non è un romanzo vero e proprio ma più il racconto di un percorso di crescita interiore. Se vi aspettate di leggere qualcosa di avvent ...continua

    “L’alchinista”, di Coelho, non è un libro facile di cui scrivere. Non è un romanzo vero e proprio ma più il racconto di un percorso di crescita interiore. Se vi aspettate di leggere qualcosa di avventuroso e ricco di colpi di scena, puntate su altro. La lettura de “L’alchimista” è molto lineare, pacata. Tutto ruota attorno alla Leggenda Personale del protagonista, ai suoi sforzi per realizzarla. al Linguaggio Universale e all’Anima del Mondo. È un libro ricco di simboli, di fede, di spunti di riflessione e frasi davvero bello. Cohelo sa scrivere e sa ciò di cui scrive.

    Tuttavia ho fatto abbastanza fatica a terminarlo, nonostante il numero di pagine. Da una parte perché- è proprio il caso di dirlo- non è il mio genere e dall’altra perché il coinvolgimento emotivo è stato piuttosto basso. Mi è piaciuta la storia, però il modo in cui è stata sviluppata ha bruciato quell’interesse iniziale. Spesso ho trovato il contenuto eccessivamente pesante e ripetitivo.

    Inoltre Santiago, il pastore protagonista, è indubbiamente il personaggio che mi è piaciuto di meno: sempre a pensare alle sue pecore, così indugiante, scostante, non ho trovato niente in lui che mi suscitasse un minimo di empatia e mi spingesse a fargli il tifo. Al contrario, sono rimasta colpita dalla figura del re di Salem.

    I capitoli sono molto brevi e non superano quasi mai le quattro pagine. Ciò ha alleggerito la narrazione rendendola però frammentata.

    Lo stile è elaborato pur rimanendo semplice, diventa però più difficile da seguire durante i grandi monologhi interiori in cui Santiago (il cui nome viene scritto solo due volte) si lascia andare più volte.

    C’è poco da fare, Coelho piace o non piace. Non è un autore da prendere alla leggera, ma tra me e lui non è scoccata la scintilla. Concludo ribadendo che “L’alchimista” è oggettivamente un buon libro, scritto accuratamente e ricco di valori, sebbene a mio parere apprezzabile da una cerchia ristretta di persone.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per