Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'allegra compagnia del sogno

Di

Editore: Fanucci

3.5
(70)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Isbn-10: 8834713532 | Isbn-13: 9788834713532 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace L'allegra compagnia del sogno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Blake, un giovane che ha lasciato la carriera universitaria così come la vocazione ecclesiastica e poi il suo lavoro di scrittore di opere pornografiche, è ossessionato dall'idea di volare. Riesce a farsi assumere all'aeroporto di Londra e ruba un aereo leggero, col quale precipita nel suo tragitto lungo il Tamigi, a Shepperton. Uno scenario idealmente luminoso per Ballard, ricco di elementi suburbani, intessuto di corsi d'acqua, chiuso da una superstrada, e che ospita uno studio cinematografico. Miracolosamente e in modo misterioso Blake riesce a sopravvivere al disastro, ed esce dall'acqua per immergersi in un mondo che somiglia a un dipinto surrealista, popolato da figure in posa - una dottoressa, una squilibrata e un sacerdote - che tentano in ogni modo di impossessarsi di lui. Blake cerca di lasciare Shepperton, ma la città lo trattiene, e i suoi abitanti per qualche strano motivo sembravano attendere la sua venuta, come quella di un messia o di un eroe dagli arcani poteri, che lui dimostra di possedere. L'aereo scintilla nell'acqua, con all'interno un corpo senza vita, forse il suo. Per i cittadini di Shepperton, Blake compie meraviglie, porta abbondanza ed emana energia sessuale, distogliendoli dalle loro occupazioni e proiettandoli in un nuovo mondo di perversione dalle mille forme, e di apocalittiche visioni del bene e del male.
Ordina per
  • 1

    Sono a circa metà racconto e non riesco ad andare avanti. L'inizio era abbastanza scorrevole, anche perché la storia era talmente assurda da spingermi ad andare avanti per avere una spiegazione di tutto quello che sta capitando al protagonista, ma adesso... la cosa si sta facendo ripetitiva. Andr ...continua

    Sono a circa metà racconto e non riesco ad andare avanti. L'inizio era abbastanza scorrevole, anche perché la storia era talmente assurda da spingermi ad andare avanti per avere una spiegazione di tutto quello che sta capitando al protagonista, ma adesso... la cosa si sta facendo ripetitiva. Andrò avanti solo per vedere cosa succede, sperando che la situazione si ravvivi nuovamente. --------------------------------------------- Non è successo niente di simile, a parte qualche parte più interessante e scorrevole è stato piuttosto difficile per me arrivare alla fine. Forse mi aspettavo qualcosa di diverso, ad ogni modo non mi è piaciuto per niente.

    ha scritto il 

  • 4

    Può piacere oppure no..

    .. ma è indubbiamente uno dei romanzi più pazzi ed originali che abbia mai letto. Consigliato per chi ha voglia di qualcosa di decisamente inusuale.

    ha scritto il 

  • 3

    Attenzione , attenzione.


    Sta precipitando presso la tua città BLAKE, il tuo erotomane dio PAN di quartiere.


    Trasforma la tua noiosa cittadina in una rigogliosa foresta tropicale:
    procura colorati sogni lisergici dai quali non ti vorrai più svegliare;
    risveglia appetiti sessuali che ...continua

    Attenzione , attenzione.

    Sta precipitando presso la tua città BLAKE, il tuo erotomane dio PAN di quartiere.

    Trasforma la tua noiosa cittadina in una rigogliosa foresta tropicale: procura colorati sogni lisergici dai quali non ti vorrai più svegliare; risveglia appetiti sessuali che non pensavi nemmeno di possedere; e tante altre meraviglie. Non mancare all'appuntamento o rimarrai a terra.

    Abusane responsabilmente. Tenere lontano dalla portata dei bambini.

    ha scritto il 

  • 2

    Mai sentito parlare dell'ironia???

    Il retro di copertina crea illusioni a sproposito: si ha l'impressione di trovarsi davanti a un Pennac, un Benni, un mondo rutilante di fantasia e invenzioni.. e invece salta fuori il piattissimo diario di un erotomane privo di qualsiasi ironia, che non fa che sottolineare le sue grandi capacità ...continua

    Il retro di copertina crea illusioni a sproposito: si ha l'impressione di trovarsi davanti a un Pennac, un Benni, un mondo rutilante di fantasia e invenzioni.. e invece salta fuori il piattissimo diario di un erotomane privo di qualsiasi ironia, che non fa che sottolineare le sue grandi capacità sessuali. Più proseguivo nella lettura e più pensavo che codesto Ballard deve avere seri problemi di impotenza, per riuscire a scrivere un libro tanto autocelebrativo..

    ha scritto il 

  • 3

    Lettura ambigua e controversa...Inizialmente mi ha esaltato con le sue frasi deliranti, a metà mi ha annoiato per l'eccessiva ampollosità; arrancando sono giunta all'ultimo terzo, che mi ha pienamente riconquistato...

    ha scritto il 

  • 3

    Sufficientemente folle

    Sono un fan dei racconti di Ballard mentre i romanzi mi sono sempre sembrati monotoni (mi succede lo stesso con Dick). Questa storia di un ragazzo fallito che precipita con un aereo in un paese fuori tempo da cui non riesce a fuggire è però abbastanza folle da stuzzicarmi. Tanti alti e bassi, ma ...continua

    Sono un fan dei racconti di Ballard mentre i romanzi mi sono sempre sembrati monotoni (mi succede lo stesso con Dick). Questa storia di un ragazzo fallito che precipita con un aereo in un paese fuori tempo da cui non riesce a fuggire è però abbastanza folle da stuzzicarmi. Tanti alti e bassi, ma fuori dagli schemi, almeno. Certo, leggerlo ad Amsterdam può avere aiutato.

    ha scritto il 

  • 3

    Per la prima volta ho avuto difficoltà a finire un romanzo di Ballard. Non si può dire che questo The Unlimited Dream Company (1979) - mal tradotto come L'allegra compagnia del sogno da Fanucci (unlimited=allegro ?) - non sia bello, Ballard è sempre Ballard: lo stile resta quello ipnotico e immag ...continua

    Per la prima volta ho avuto difficoltà a finire un romanzo di Ballard. Non si può dire che questo The Unlimited Dream Company (1979) - mal tradotto come L'allegra compagnia del sogno da Fanucci (unlimited=allegro ?) - non sia bello, Ballard è sempre Ballard: lo stile resta quello ipnotico e immaginifico di sempre; la trama contiene tutte le ossessioni tipiche del grande affabulatore britannico (gli aerei e il volo, le inquietanti presenze animali -in particolare uccelli, pesci, rettili-, le perversioni sessuali, la sonnolenta periferia londinese assurta a metafora del cosmo, il paesaggio suburbano fatto di svincoli autostradali, centri commerciali e villette residenziali, ecc.) ma l'eccessiva componente metaforica conduce il testo verso territori lontani dall'abituale, gelida impassibilità di un autore tendenzialmente "cattivo" e pessimista e apre ad inusitati riferimenti zavattiniani (alludo ad una scena di levitazione collettiva che ricorda il Miracolo a Milano di De Sica/Zavattini) e ad una insolita dose di stucchevole sentimentalismo. Se i riferimenti visuali ballardiani sono sempre stati molto avvertibili nelle sue opere varando dal simbolismo, al surrealismo, alla pop art, in questo caso diventano addirittura predominanti nell'accavallarsi lisergico di immagini che rimandano soprattutto ad Arcimboldi (intrichi di uccelli, pesci, piante a comporre un volto umano...) e al manierismo: ed infatti tutto il romanzo risulta faticosamente manierista e manierato. Decisamente un'opera minore, inadatta a chi non conosca il Ballard più glorioso, e non a caso rimasta inedita in italiano finchè Fanucci, in mancanza di bocconi più sostanziosi, non l'ha ripescata.

    ha scritto il