Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'altra regina

Di

Editore: Sperling & Kupfer

3.5
(153)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 504 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8820048248 | Isbn-13: 9788820048242 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: M. Deppisch

Genere: Fiction & Literature , History , Romance

Ti piace L'altra regina?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Per la prima volta Philippa Gregory scava nella biografia più intima di Maria Stuarda, icona tragica, donna bellissima, manipolatrice e indomabile. È il 1568. Maria, regina cattolica di Scozia ed erede legittima al trono d'Inghilterra, in fuga dai tumulti della sua patria cerca aiuto in Elisabetta I. Ma la cugina si affretta a confinarla nelle proprietà del conte di Shrewsbury, George Talbot, e della moglie Bess. Nobile di nascita integerrimo e fedelissimo alla Corona, lui; abile affarista che si è fatta da sola, lei. La coppia accoglie la sfortunata sovrana, certa che questa permanenza porterà solo vantaggi nella ristretta cerchia dei Tudor. Ben presto, però, i Talbot scoprono con orrore che la loro dimora è diventata l'epicentro di intrighi e tresche d'ogni tipo. Maria - tenuta in esilio lontana da corte - ripudia mariti e si procaccia fidanzati potenti semplicemente per riconquistare la libertà oppure mira ad appropriarsi del trono? E l'inflessibile Regina Vergine agisce per difesa o ha ordito freddamente un piano per liberarsi di una pericolosa rivale? Mentre il Paese è scosso da rivolte e insurrezioni, e vive sotto la minaccia di attacchi nemici, i due "custodi", incatenati alla scomoda ospite, vedono sgretolarsi il loro patrimonio insieme con la reputazione e la felicità matrimoniale. Bess diventa la spia segreta del potentissimo consigliere di Elisabetta, mentre il marito è un burattino nelle mani dell'incantevole scozzese. Quando la disperata ammirazione di George per l'avvenente Maria non può più essere negata, viene messa in dubbio anche la lealtà dei Talbot alla regina. E tutto precipita. Un romanzo eccezionale, teso, drammatico, che va dal cuore dei protagonisti al cuore della Storia, senza soluzione di continuità. Uno dei momenti più oscuri e torbidi dell'epoca moderna raccontato con tanto pathos e intensità che sembra di viverlo, pagina dopo pagina.
Ordina per
  • 3

    http://www.readingattiffanys.com/2013/08/recensione-laltra-regina.html

    Elisabetta è sul trono di Inghilterra mentre Maria, regina di Scozia ed erede legittima, si ritrova in esilio ed in una ...continua

    http://www.readingattiffanys.com/2013/08/recensione-laltra-regina.html

    Elisabetta è sul trono di Inghilterra mentre Maria, regina di Scozia ed erede legittima, si ritrova in esilio ed in una situazione precaria: il suo obiettivo è riprendersi il trono ma deve muoversi con cautela per non scatenare una guerra con l'usurpatrice vergine. "L'altra regina" è un romanzo a tre voci: Maria e Bessie cugine e rivali, e George il consigliere della regina: con grande maestria la Gregory dà spazio a tutti e tre i protagonisti e nuovamente ci troviamo incantati di fronte alla storia. Come sempre l'autrice ci incanta grazie ai personaggi storici che prendono vita e noi ci ritroviamo a vivere un periodo storico che riesce sempre ad affascinare. Per chi ha letto anche gli altri libri della Gregory riuscirà a sorprendersi perchè la narrazione anche qui risulta frizzante e gli eventi vengono raccontati in maniera sempre differente da un libro all'altro così che il lettore riuscirà a non annoiarsi mai. In queste pagine troveremo un'inedita Elisabetta ma sarà Maria, la vera protagonista, a stupirci ed ad intrigarci maggiormente. Consigliato assolutamente.

    ha scritto il 

  • 4

    Partenza a rilento...

    Quando ho iniziato il romanzo ho pensato che avrei impiegato mesi a finirlo...i primi capitoli sono una serie infinita di pensieri ripetuti. Bess che ripete quanto sia in gamba a tenere i conti, ...continua

    Quando ho iniziato il romanzo ho pensato che avrei impiegato mesi a finirlo...i primi capitoli sono una serie infinita di pensieri ripetuti. Bess che ripete quanto sia in gamba a tenere i conti, George che sembra un uomo un poco corto di cervello e Maria che non fa altro che dire che è una regina, che è al pari del signore, che è intoccabile...Insomma, una noia! Poi però, a poco a poco, la sotria inizia a prendere piede e allora è difficile staccarsene. Mi sono trovata a patteggiare per Maria sperando che la storia potesse essere riscritta che che la regina di Scozia salisse al trono di Inghilterra spodestando Elisabetta. Beh! Non è andata così, ma la Gregory riesce a rendere affascinante ogni cosa che scrive.

    ha scritto il 

  • 2

    Anobi non mi salva piú le stelline....questo é un due e mezzo. Philippa Gregory é noiosetta.Maria Stuarda resta prigioniera per una ventina di anni senza mai perdere la speranza, nel frattempo va ...continua

    Anobi non mi salva piú le stelline....questo é un due e mezzo. Philippa Gregory é noiosetta.Maria Stuarda resta prigioniera per una ventina di anni senza mai perdere la speranza, nel frattempo va in rovina il matrimonio -e il patrimonio-dei suoi ospiti. Chosbeui brilla per la sua dabbenaggine.

    ha scritto il 

  • 4

    Bel romanzo storico della Gregory che, ancora una volta, fa raccontare la storia dal punto di vista di tre personaggi di cui ha ricostruito perfettamente la storia, i caratteri e i punti di ...continua

    Bel romanzo storico della Gregory che, ancora una volta, fa raccontare la storia dal punto di vista di tre personaggi di cui ha ricostruito perfettamente la storia, i caratteri e i punti di vista.

    Nell'insieme il libro è un po' prolisso e inutilmente lunghetto, d'altra parte i fatti sono raccontati dettagliatamente e con minuzia e ciò permette di capire perfettamente le sfumature delle situazioni e dei sentimenti dei protagonisti.

    Il libro è consigliato a chi ama le biografie in genere e l'epoca Tudor in particolare perché anche se i dialoghi sono inventati, l'esattezza storica è grantita. Lettura piacevole e molto scorrevole.

    ha scritto il