L'amante

Di

Editore: Feltrinelli

3.8
(4988)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 128 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Inglese , Chi semplificata , Chi tradizionale , Francese , Polacco , Tedesco , Portoghese , Rumeno , Svedese , Catalano , Olandese , Giapponese

Isbn-10: 880781031X | Isbn-13: 9788807810312 | Data di pubblicazione:  | Edizione 23

Traduttore: Leonella Prato Caruso

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico , Altri , CD audio

Genere: Biografia , Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura

Ti piace L'amante?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    Ma il film incanta

    Devo dire che mi aspettavo una lettura più scorrevole, e una trama meno intricata. Mi aspettavo forse solo una storia d'amor, ma così non è; è più la storia di un famiglia, dei disastrosi rapporti fam ...continua

    Devo dire che mi aspettavo una lettura più scorrevole, e una trama meno intricata. Mi aspettavo forse solo una storia d'amor, ma così non è; è più la storia di un famiglia, dei disastrosi rapporti familiari e dell'amore/odio nei confronti di una madre strana e di 2 fratelli, uno buono e l'altro terribile.
    L'amore tra i due protagonisti è intenso, fa da cornice, più che da fulcro, non s capisce se avvolge i personaggi o se li tiene uniti.
    Da leggere, ma solo se non avere visto il film, perchè il libro è buono, ma solo il film incanta

    ha scritto il 

  • 2

    La storia c’è, ed cruda, vera, piena di sentimento. A volte confonde, fa paura, ti inquieta per certi versi e su questo non si discute. Quello che non mi è piaciuto invece è lo stile narrativo e la st ...continua

    La storia c’è, ed cruda, vera, piena di sentimento. A volte confonde, fa paura, ti inquieta per certi versi e su questo non si discute. Quello che non mi è piaciuto invece è lo stile narrativo e la struttura del romanzo stesso.

    L’autrice ha scelto di esporre tutto lasciandosi trasportare da un continuo flusso di pensieri. Fatti, episodi, personaggi e stati d’animo sono raccontati non in ordine cronologiche e per quanto questo possa essere un esperimento interessante in letteratura, in questo caso, non mi ha convinto.

    Paradossalmente, però, credo anche che una diversa presentazione, una maggiore cura e un’impostazione diversa avrebbero si dato maggiore risalto a questo romanzo ma forse lo avrebbero reso privo della sua unicità.

    Credo che sia una di quelle storie che o la si odia o la si ama, senza mezzi termini o misure, per questo motivo non mi sento di sconsigliarvi del tutto questa lettura ma vi invinto, invece, a “provare” e scoprire così, voi, da che parte state.

    ha scritto il 

  • 0

    Parole, frasi e spazi accuratamente pesati, terribilmente pesanti.
    C'è un barlume d'universalità; c'è molto di te, amica mia; c'è molto di te, amore mio...Hélène...
    (Non aver paura delle parole: sono ...continua

    Parole, frasi e spazi accuratamente pesati, terribilmente pesanti.
    C'è un barlume d'universalità; c'è molto di te, amica mia; c'è molto di te, amore mio...Hélène...
    (Non aver paura delle parole: sono solo le figlie d'un attimo: non sono immortali. In quell'attimo è il significante, non nella vita tutta. Per questo, comprendere è una chimera; ci salva l'intuizione silente...).
    Troppa paura, troppo deserto, troppa morte, troppa dolorosa indomabile inattaccabile consapevolezza.
    Troppi spazi bianchi troppo poco vuoti.

    ha scritto il 

  • 4

    "Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo."

    E' difficile condensare in poche righe l'effetto che questo libro ha avuto su di me. Rientra nella categoria di libri "da rileggere": una volta girata l'ultima pagina mi sono accorta di quante sfumatu ...continua

    E' difficile condensare in poche righe l'effetto che questo libro ha avuto su di me. Rientra nella categoria di libri "da rileggere": una volta girata l'ultima pagina mi sono accorta di quante sfumature non avrò colto durante la mia prima lettura poichè lo stile della Duras ti incatena nel suo flusso di coscienza non lasciandoti scampo, attraversi con le sue parole una storia di amore, sofferenza e consapevolezza che in vari punti della narrazione ti fa quasi librare con impetuosità sui dettagli più celati del suo tormentato vissuto. Questo è un libro non da leggere, ma da vivere e da sentire sotto pelle.

    ha scritto il 

  • 4

    "L'amante". Sensibilità e consapevolezza.

    Una ragazza che tra i quindici e i diciassette anni vive un amore proibito… o forse due. Il romanzo della Duras è sì erotico, ma prima di tutto è un romanzo sulle declinazioni dell’amore.
    La recension ...continua

    Una ragazza che tra i quindici e i diciassette anni vive un amore proibito… o forse due. Il romanzo della Duras è sì erotico, ma prima di tutto è un romanzo sulle declinazioni dell’amore.
    La recensione (di questo libro e di altri libri classici della letteratura erotica) continua sul canale youtube LaprospettivadellaRana a questo link:
    https://www.youtube.com/watch?v=uWE5YPRFLjk

    ha scritto il 

  • 4

    l'effetto, è strano, quasi imbarazzante: come se una sconosciuta si sedesse al bar al tuo tavolo e cominciasse a raccontarti i particolari più pesanti della sua adolescenza, ma con un candore ed una g ...continua

    l'effetto, è strano, quasi imbarazzante: come se una sconosciuta si sedesse al bar al tuo tavolo e cominciasse a raccontarti i particolari più pesanti della sua adolescenza, ma con un candore ed una gentilezza e allo stesso tempo un distacco tali da renderli un mondo irreale, quasi come quella natura che descrive con rimpianto.
    eppure è successo tutto davvero, e fatichi a immaginare lo sforzo fatto dalla duras nel raccontare così lucidamente questa storia...

    ha scritto il 

  • 5

    Presto fu tardi nella mia vita...

    Meraviglioso, struggente, emozionante, unico.
    L'ho letto diverse volte, in diversi periodi della mia vita, perchè sentivo la necessità di ritornare a quell'atmosfera evanescente, al traghetto che attr ...continua

    Meraviglioso, struggente, emozionante, unico.
    L'ho letto diverse volte, in diversi periodi della mia vita, perchè sentivo la necessità di ritornare a quell'atmosfera evanescente, al traghetto che attraversa il Mekong e alla "bambina" bianca appoggiata al parapetto, alla stanza nel degradato quartiere di Cholen...e a quei piaceri proibiti, consumati senza ricordi nè aspettative, niente passato e niente futuro...solo presente: perchè questa è la prerogativa degli amori impossibili. Ed è condanna e privilegio allo stesso tempo: in un eterno presente certi amori, non vissuti, durano per sempre.
    Non è un libro da capire, è un libro da sentire.

    ha scritto il 

  • 2

    Ho avuto qualche problema a leggerlo.

    Son abituata a un diverso modo di scrittura. L'ho letto e m è venuto solo da pensare: non c ho capito un piffero.

    ha scritto il 

Ordina per