L'amante di Lady Chatterley

Di

Editore: De Luigi Editore

3.7
(6320)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 479 | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Catalano , Francese , Tedesco , Portoghese , Chi semplificata , Greco , Olandese , Sloveno , Croato , Giapponese , Ceco , Polacco , Svedese

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico , Altri , Rilegato in pelle , eBook , CD audio

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Rosa

Ti piace L'amante di Lady Chatterley?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
E' la storia di Sir Clifford Chatterley, di sua moglie Connie e di un guardacaccia, reduce come Clifford dalla guerra, dove era stato ufficiale. Famoso per la libertà di linguaggio usata dall'autore e anche per l'argomento, l'amore adulterino, che all'epoca costituiva un tabù, il romanzo si è imposto più per questi motivi che per il suo autentico valore letterario; pur non essendo il capolavoro di D.H. Lawrence, tuttavia, l'opera ha una forza, una suggestione di autenticità che non possono passare inosservate. Il motivo che spinge Lady Chatterley all'infedeltà è l'impotenza del marito: questi, menomato da una ferita riportata in guerra, pare rassegnarsi al proprio destino; schivo e aristocratico, non gli è difficile appartarsi da tutti e scrivere "racconti curiosi, molto personali, sugli individui che aveva conosciuto: intelligenti, piuttosto maligni, eppure privi misteriosamente di significato"; stringe attorno a sè e a Connie una piccola corte di intellettuali; tenta di portare la sua unione con lei verso un rapporto spirituale; in realtà involontariamente, trascina la moglie con sè entro un vuoto inquieto che si avvicina alla follia. Connie, che appartiene a una famiglia "di artisti e socialisti colti", educata in modo da essere "esteticamente sciolta da convenzioni", dapprima crede di poter essere fedele al marito, ma quando le capita d'incontrare durante le sue lunghe cavalcate nei boschi il guardacaccia Mellors, gli si avvicina per un'incoercibile attrazione fisica e diviene la sua amante. Soprattutto al tempo della pubblicazione del libro può essere parso di cattivo gusto impostare una storia di amore sulla pelle ferita di un reduce; eppure la vicenda dei due amanti ha nel libro la forza di un evento della natura; il loro cuore ne è implicato; non si tratta di un semplice fatto di desiderio, ma di una storia di amore. Connie infatti sceglierà fra la ricchezza del marito e l'amore del suo uomo, e se ne andrà con lui: "Tutte le sciagure che sono accadute non sono state in grado di far appassire i fiori. Perciò non potranno spegnere il mio desiderio di te nè la piccola luce fra me e te... Credo nella piccola fiamma che arde fra noi".
Ordina per
  • 3

    Libro che tutti prendono per primo nel genere erotico ma, leggendo bene è sopratutto un racconto sul rapporto denuncia tra le classi sociali dell'epoca con molti spunti ti di socialismo operaio. Ma ...continua

    Libro che tutti prendono per primo nel genere erotico ma, leggendo bene è sopratutto un racconto sul rapporto denuncia tra le classi sociali dell'epoca con molti spunti ti di socialismo operaio. Ma tutto viene "nascosto" dalle pagine sugli incontri tra il guarda acciaio e ladri chatterley.

    ha scritto il 

  • 4

    Libro non banale, abbastanza scorrevole, scrittura delicata e simbolico soprattutto nel descrivere gli incontri amorosi dei protagonisti. Tema di estrema attualità nonostante sia stato scritto nei pri ...continua

    Libro non banale, abbastanza scorrevole, scrittura delicata e simbolico soprattutto nel descrivere gli incontri amorosi dei protagonisti. Tema di estrema attualità nonostante sia stato scritto nei primi del novecento, non è paragonabile a "50 sfumatore di blabla", offre interessanti spunti di riflessione interessanti e a parer mio essenziali alla crescita.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi sono convinta a leggere questa libro, dopo aver visto la recente versione della bbc (non del tutto fedele al romanzo)! Sicuramente alquanto scandaloso per l’Inghilterra del tempo, ma altrettanto si ...continua

    Mi sono convinta a leggere questa libro, dopo aver visto la recente versione della bbc (non del tutto fedele al romanzo)! Sicuramente alquanto scandaloso per l’Inghilterra del tempo, ma altrettanto sicuramente delicato per tutto ciò a cui siamo abituati oggi.
    Ho amato molto le descrizioni attente dei sentimenti e comportamenti dei tre protagonisti. Ho cercato di provare a comprendere la difficoltà a cui doveva far fronte Clifford, soprattutto mettere da parte l’orgoglio e imparare a chiedere aiuto, ma nemmeno questo mi ha permesso di apprezzare il personaggio fino in fondo. Per Connie è stato un po' amore e odio: amore per la sua intraprendenza e coraggio; odio, se così si può dire, per i rimorsi o le incertezze che spesso ha avuto. Per Oliver, ho provato tenerezza e compassione per molte delle scene in cui è presente.
    Ho trovato interessante lo spaccato sulle condizioni dei minatori, dei pregiudizi di una classe sull’altra. E forse proprio questo ha tanto dato fastidio all’epoca, nascondendosi dietro a motivazioni moraliste.
    Lo consiglio. Come consiglio anche altro di quest’autore!

    ha scritto il 

  • 4

    Iil vero 0 sfumature

    é L’amante di Lady Chatterley ad essere il vero e proprio 50 sfumature: vero, onesto, appassionato e drammatico, scritto da Lawrence come se fosse stata una donna, perché capace di entrare nella ment ...continua

    é L’amante di Lady Chatterley ad essere il vero e proprio 50 sfumature: vero, onesto, appassionato e drammatico, scritto da Lawrence come se fosse stata una donna, perché capace di entrare nella mente e nell’anima di Connie, così come nei suoi desideri e nelle sue paure. E riesce a dire una cosa che forse ci vergogniamo a dire e ad ammettere anche oggi, nel 2016: il sesso in un rapporto d’amore é importante, anzi, importantissimo.

    Ne parlo anche qui: https://perseinunbuonlibro.wordpress.com/2016/06/02/ilclassicodelmese/

    ha scritto il 

  • 0

    L'ho abbandonato dopo i primi capitoli. Troppo retorico, troppo stereotipato. È il "50 sfumature di grigio" del primo Novecento, e no, non è assolutamente un complimento. Forse lo concluderò un giorno ...continua

    L'ho abbandonato dopo i primi capitoli. Troppo retorico, troppo stereotipato. È il "50 sfumature di grigio" del primo Novecento, e no, non è assolutamente un complimento. Forse lo concluderò un giorno, ma ora ho sicuramente di meglio da leggere.

    ha scritto il 

  • 1

    Banniamolo dai libri bannati

    I libri che hanno subito censure, roghi, anatemi e messe al bando sono sempre, innegabilmente, fantastici libri. Una storia è bella se possiede il potere di farci cambiare, di cambiare il mondo; e, fr ...continua

    I libri che hanno subito censure, roghi, anatemi e messe al bando sono sempre, innegabilmente, fantastici libri. Una storia è bella se possiede il potere di farci cambiare, di cambiare il mondo; e, fra i libri censurati, molte storie sono così.
    Penso a "Lolita", a "Brave New World", a "Fahrenheit 451", persino all' "Ulisse" di Joyce, a "La metamorfosi" di Kafka, invisa ai nazisti, alle critiche feroci all'opera di Pasolini come a quella di Orwell, a Darwin e a Voltaire e alle persecuzioni mortali contro Galileo e Giordano Bruno; per tacere del "Decamerone", del "Manifesto del Partito Comunista", e persino della Bibbia.

    Cosa ci fa, dunque, questo romanzetto insulso di D.H.Lawrence in mezzo a quella pregevole, affascinante, inestimabile lista?
    Mistero...
    Forse alla critica moralista dell'epoca bruciava più il sovvertimento delle regole di classe che quel pizzico di erotismo così ingenuo e basico (e che non è riuscito a reggere gli anni). Al lettore di oggi, un libro come questo non può che creare delusione...

    ha scritto il 

  • 4

    Considerando i tempi in cui é stato scritto, non mi aspettavo descrizioni amorose e sessuali così dirette. Ed invece mi sono trovata davanti al vero "50 sfumature" della sua epoca: sensuale, profondo, ...continua

    Considerando i tempi in cui é stato scritto, non mi aspettavo descrizioni amorose e sessuali così dirette. Ed invece mi sono trovata davanti al vero "50 sfumature" della sua epoca: sensuale, profondo, carnale, umano. A dimostrazione di come si possa fare di un romanzo erotico un vero capolavoro.

    ha scritto il 

  • 4

    Altro che "50 sfumature di grigio". L'amante di Lady Chatterley farebbe impallidire anche la ninfomane più accanita e non sorprende la censura dei primi anni nei quali il romanzo bollente ha iniziato ...continua

    Altro che "50 sfumature di grigio". L'amante di Lady Chatterley farebbe impallidire anche la ninfomane più accanita e non sorprende la censura dei primi anni nei quali il romanzo bollente ha iniziato a circolare.
    Lei, lady Chatterley è una donna che non si arrende alla realtà triste e bieca della sua condizione ma trova nella disperazione umana l'unica via d'uscita a quel mondo che tanto la opprime e non la lascia respirare.
    Classico moderno da leggere, assolutamente.

    ha scritto il 

  • 3

    Classico...ma....

    Decisamente lento e un po' rindondante di concetti parecchio contorti in più punti.
    Me lo aspettavo un tantino più leggero. Mi ha piacevolmente colpita la libertà nella trattazione dell'argomento "ses ...continua

    Decisamente lento e un po' rindondante di concetti parecchio contorti in più punti.
    Me lo aspettavo un tantino più leggero. Mi ha piacevolmente colpita la libertà nella trattazione dell'argomento "sesso": ora capisco il perché sia stato più volte sequestrato per oscenità. Scandalo non solo per le varie scene di sesso trattate, ma immagino anche per l'argomento trattato e la libertà di Connie di ribellarsi alle rigide convenzioni dell'epoca.
    Connie mi è piaciuta poco: un attimo prima dice una cosa, l'attimo dopo dice o fa il contrario....mah!
    Dialoghi un po' strani...ripetitivi in certi punti ("mi vuoi?" "Dimmi che mi vuoi" "mi ami, mi vuoi?" "Ma mi ami e mi vuoi?")
    Ad ogni modo, non posso non considerarla una lettura degna di nota

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per