Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'amico

Di

Editore: Nottetempo

3.9
(25)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8874521308 | Isbn-13: 9788874521302 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Philosophy

Ti piace L'amico?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    L’amicizia è così strettamente legata alla definizione stessa della filosofia, che si può dire che senza di essa la filosofia non sarebbe propriamente possibile.

    ha scritto il 

  • 2

    "L'amico non è un altro io, ma una alterità immanente nella stessità". E ancora "L'amicizia è questa desoggettivazione nel cuore stesso della sensazione più intima di sè".
    Peccato.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    SPOILER

    In questo minitascabile di 15 minipagine, Agamben cerca d'interpretare il significato dato da Aristotele all'amicizia nell'Etica nicomachea, e ci invita a riflettere sul modo in cui, oggi, le domocrazie "applicano" quella che lui definisce sinestesia politica originaria.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Ultimo di una serie di saggetti spillati pubblicati da un filosofo che seguo molto da vicino. Al solito brillante e splendidamente scritto. Non si può neanche dire sia un divertissement perché poi ha la densità di tutti gli altri suoi scritti (anche se magari non raggiunge i vertici toccati - re ...continua

    Ultimo di una serie di saggetti spillati pubblicati da un filosofo che seguo molto da vicino. Al solito brillante e splendidamente scritto. Non si può neanche dire sia un divertissement perché poi ha la densità di tutti gli altri suoi scritti (anche se magari non raggiunge i vertici toccati - restando ai saggi senza note - con quelli raccolti in Mezzi senza fine o Idea della prosa). Anche qui, via Aristotele, nientemeno, una nozione declinata spesso in senso impolitico, quella di amicizia, viene piantata saldamente al centro della politica: "Gli amici non condividono qualcosa (una nascita, una legge, un luogo, un gusto): essi sono con-divisi dall'esperienza dell'amicizia [...] Ed è questa spartizione senza oggetto, questo con-sentire originale che costituisce la politica" (p. 19)

    ha scritto il 

  • 5

    da aristotele...

    al sentimento comune di che cos'è "amico" - ma molto molto di più, la scoperta di che differenza c'è fra pensare e pensare con dolcezza.
    Scusa se è poco.

    ha scritto il