Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'amico ritrovato

Di

Editore: Feltrinelli (Universale Economica, 1054)

4.1
(14765)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 92 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Catalano , Inglese , Tedesco , Spagnolo , Olandese

Isbn-10: 8807810549 | Isbn-13: 9788807810541 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Mariagiulia Castagnone ; Prefazione: Arthur Koestler

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Copertina rinforzata scuole e biblioteche , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , History , Teens

Ti piace L'amico ritrovato?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Due ragazzi sedicenni frequentano la stessa scuola esclusiva.
L'uno è figlio di un medico ebreo, l'altro è di ricca famiglia aristocratica.
Tra loro nasce un'amicizia del cuore, un'intesa perfetta e magica.
Un anno dopo, il loro legame è spezzato.
Questo accade nella Germania nel 1933 . . .

Racconto di straordinaria finezza e suggestione, "L'amico ritrovato" è apparso nel 1971 negli Stati Uniti ed è poi stato pubblicato in Inghilterra, Francia, Olanda, Svezia, Norvegia, Danimarca, Spagna, Germania, Israele, Portogallo.
Ovunque lo stesso entusiasmo della critica. “Un’opera letteraria rara”, l’ha definito Gorge Steiner sul New Yorker, “Un capolavoro”, ha scritto Arthur Koestler nell’introduzione all’edizione inglese del 1976. “Un libro che assilla la memoria … una gemma”, “Un racconto magistrale”, hanno fatto eco The Sunday Express e The Financial Times di Londra.
E infine Le Monde di Parigi. “Uno dei testi più densi e più puri sugli anni del Nazismo in Germania… Tra i romanzi più belli che si possano raccomandare ai lettori, dai dodici anni in su. Senza esitazione.”.
Ordina per
  • 2

    Sinceramente penso che mi aspettavo troppo da questo libro... E le recinzioni hanno alimentato questo fuoco tanto che nel leggerlo non ha soddisfatto le mie aspettative...

    ha scritto il 

  • 5

    Fred Uhlman maggiormente conosciuto come pittore, è anche scrittore.
    Uno dei più famosi è l'amico ritrovato, da cui è stato anche tratto il film.
    È una breve novella che si legge in poco tempo ma lasc ...continua

    Fred Uhlman maggiormente conosciuto come pittore, è anche scrittore.
    Uno dei più famosi è l'amico ritrovato, da cui è stato anche tratto il film.
    È una breve novella che si legge in poco tempo ma lascia molto.

    È la storia di una forte amicizia tra Hans, ragazzo ebreo e Konrandin ragazzo cristiano protestante.
    Il primo un tipo solitario, senza amici, pur essendo un tipo socievole.
    In Konrandin trova ciò che ha sempre cercato in una persona, lealtà e fiducia; gentile con tutti e sempre sorridente.
    Hans non è religioso, perché se esistesse veramente un Dio non succederebbero l'atrocità; mentre Konrad cresciuto nei dogmi religiosi, combatteva per dare una spiegazione plausibile agli eventi negativi.
    Insieme cercavano di trovare una risposta plausibile al marcio intorno a loro.
    Hans è la sua famiglia sentono la Germania il loro paese e la loro patria, è che essere ebreo è come nascere con i capelli neri o rossi.
    In primis sono persone!!!!
    Non hanno paura del nazismo perché la reputano una cosa passeggera a cui non dare peso.
    "Non le veniva in mente che un essere umano dotato di buon senso potesse mettere in discussione il suo diritto di vivere o morire in quel paese"
    Purtroppo non è così.
    Pongono troppa fiducia nella natura umana...
    La loro amicizia se pur forte, ne risente, perché non è facile combattere contro le convenzioni sociali.

    Tenero e violento allo stesso tempo, mi ha smosso i nervi.
    Come si può agire così?
    Ma quale senso di superiorità, chi agisce in questo modo vale meno di zero.
    In questi casi mi vergogno di far parte del genere umano.

    Voto 10/10

    ha scritto il 

  • 5

    Una piccola perla.
    In una novantina di pagine l'autore descrive l'amicizia tra Hans, un ragazzo ebreo, e Konradin Von Hohenfels, figlio di una nobile famiglia tedesca che disprezza gli ebrei.
    E siamo ...continua

    Una piccola perla.
    In una novantina di pagine l'autore descrive l'amicizia tra Hans, un ragazzo ebreo, e Konradin Von Hohenfels, figlio di una nobile famiglia tedesca che disprezza gli ebrei.
    E siamo nel 1932....

    Consigliato.

    P.s. ultimamente concedo le 5 stelle con grande facilità, sarà che le cose mi girano bene....ma questa piccola grande novella le merita tutte!

    ha scritto il 

  • 5

    In un mondo di trilogie tanto lunghe quanto banali, ecco arrivare dal passato un libro vero.
    Scritto col cuore, breve, intenso, chiaro, scorrevole e senza fronzoli.
    E' la potenza della verità, della t ...continua

    In un mondo di trilogie tanto lunghe quanto banali, ecco arrivare dal passato un libro vero.
    Scritto col cuore, breve, intenso, chiaro, scorrevole e senza fronzoli.
    E' la potenza della verità, della tragedia, della piccolezza e della grandezza dell'umanità.
    E cosa ci importa se non possiede la lunghezza di un canonico romanzo? Meglio! Avrebbe perso di efficacia e di purezza.

    Alla fine, poi, quando la guardi a ritroso, è la vita stessa ad essere drammaticamente breve.

    ha scritto il 

  • 5

    un libro sorprendente

    Questo libro è stato scritto da Fred Ulhman (scrittore tedesco di famiglia ebrea scappato dalla Germania fuggito in Francia poi in Spagna e infine Inghilterra)nel 1971 questo libro racconta la storia ...continua

    Questo libro è stato scritto da Fred Ulhman (scrittore tedesco di famiglia ebrea scappato dalla Germania fuggito in Francia poi in Spagna e infine Inghilterra)nel 1971 questo libro racconta la storia di un ragazzo di nome Hans Schwarz di famiglia ebrea che fece amicizia con un ragazzo di una famiglia tedesca molto importante questo ragazzo si chiamava Konradin von Hohenfels
    Konradin prima di conoscerlo era schivo con Hans ma conoscendolo ne rimase affascinato e strinsero una forte amicizia che però dovette scontrarsi con gli ideali antisemiti dell'epoca il libro anche se breve è ricco di contenuti che fanno riflettere e è un libro che ti fa rimanere molto attaccato alla storia infatti ho dato come titolo un libro sorprendente per il modo in cui ti prende la storia.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro breve ma a mio avviso e a mio gusto carico di sentimenti, emozioni, paure e speranze che mi hanno emozionato ed intenerito.
    L'amicizia tra Hans e Konradin è descritta dal nascere, come una si ...continua

    Un libro breve ma a mio avviso e a mio gusto carico di sentimenti, emozioni, paure e speranze che mi hanno emozionato ed intenerito.
    L'amicizia tra Hans e Konradin è descritta dal nascere, come una simpatia ed un'affinità che si instaurano spontaneamente e che proseguono con quella delicatezza e quella "discrezione" proprie di due ragazzi dall'animo sincero...
    Non nascondo che sono giunta al finale con qualche lacrimuccia; è uno di quei gioielli letterari davvero intensi e pregni di significato.

    ha scritto il 

Ordina per