Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'amore ai tempi della rivoluzione

Di

3.8
(4)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 285 | Formato: Altri

Isbn-10: 8854133361 | Isbn-13: 9788854133365 | Data di pubblicazione: 

Ti piace L'amore ai tempi della rivoluzione?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Yadi Sharifirad L'amore ai tempi della rivoluzione In Iran, uno dei regimi più repressivi al mondo, un uomo lotta disperatamente per la libertà ® Newton Compton editori ...
Ordina per
  • 4

    Con l'ascensione al potere di Khomeini nel 1979, per Yadi Sharifirad, inizia un lungo inferno.

    Il suo sogno è diventare pilota, volare come le aquile sopra il suo villaggio.

    Ciò avviene all'età di 26 ...continua

    Con l'ascensione al potere di Khomeini nel 1979, per Yadi Sharifirad, inizia un lungo inferno.

    Il suo sogno è diventare pilota, volare come le aquile sopra il suo villaggio.

    Ciò avviene all'età di 26 anni quando diventa uno dei migliori piloti, la guardia ai cieli della sua madre patria, l'Iran. Addestrato all'Accademia militare come macchina da guerra, conserva sempre lo spirito sufficiente per evitare il loro lavaggio del cervello. Non gli interessava la politica, e ancor meno l'entusiasmo e la violenza generato dalla politica.

    Crede in una religione basata sulla gentilezza, sulla condivisione col prossimo, in nome della quale le persone si scambiano sorrisi, il perdono è meglio della vendetta: assai più difficile, ma di gran lunga migliore.

    Quando negli anni 80 combatte la guerra tra Iran e Iraq, il nemico nei cieli, non è il nemico. Entrambi combattono per qualcun altro, per 2 capi di Stato che si odiano e disprezzano a vicenda che non si scontreranno mai faccia a faccia.

    E' qui che sfugge da morte certa. Ritrovato in territorio dei ribelli curdi, ottiene rifugio finché non torna abbastanza in forze da essere riportato segretamente in Iran dove diventa un eroe, un'icona.

    Proprio quando ha tutto, il lavoro, la notorietà, una solida famiglia, viene catturato ed imprigionato con l'accusa di essere una spia americana. Lui, l'eroe di guerra, il cui unico motivo, unico coraggio per un soldato di compiere missioni pericolose è lo straordinario amore che nutre per la sua patria.

    Steso sul pavimento freddo della cella, l'ombra della morte invade il suo cuore e l'anima. La speranza del giorno successivo diventa solamente un fantasma. Torturato fino a perdere i sensi, fino a pensare che il suicidio sia una morte migliore che essere ucciso per mani di altri come innocente, riesce però a mantenere sempre un bagliore d'illusione.

    "Non comprendiamo il valore della libertà fino a quando non ne veniamo privati, e soltanto allora ci rendiamo conto di quanto sia preziosa".

    Chi in Iran avrebbe potuto immaginare una cosa del genere? Un governo che distrugge la sua stessa società. Immaginate che vi venga negato il diritto di credere in ciò in cui credete, di pensare ciò che pensate. Immaginate che il sole si spenga per sempre insieme a qualsiasi speranza di un futuro. C'è solamente l'oscurità e ancora più triste e profondo immaginate di non conoscere altro che paura nel momento in cui senti la voce della guardia che ti chiama.

    Ora il suo sogno è quello di riacquistre la libertà, riabbracciare la moglie e i figli. Combatterà per questo, per dimostrare la sua innocenza.

    Questa è la storia vera del combattente iraniano Yari Sharifirad.

    http://t.co/6c63dPeBMu

    ha scritto il 

  • 0

    Un bambino che sognava di volare come un’aquila, libero nel cielo. Questo era il grande sogno di Yadi Sharifirad. In questo desiderio c’era già scritta tutta la sua vita. Nel volo dell’aquila c’era gi ...continua

    Un bambino che sognava di volare come un’aquila, libero nel cielo. Questo era il grande sogno di Yadi Sharifirad. In questo desiderio c’era già scritta tutta la sua vita. Nel volo dell’aquila c’era già l’uomo che sarebbe diventato: generoso, libero e, soprattutto, pensante. Chi impara a volare, poi, non si accontenta più dei limiti imposti dal mondo. La sua mente corre più veloce di quella degli altri. Yadi realizza il suo sogno, diventando colonnello e comandante di squadriglia dell’aviazione iraniana. Ha tutto ciò che un uomo possa desiderare: una bella famiglia, un buon lavoro, la casa tanto desiderata e la libertà.

    La sua felicità si infrange contro la rivoluzione iraniana, in un giorno che sembra qualunque, uguale a tanti altri. Yadi viene prelevato e portato in un carcere per dissidenti. L’accusa: essere una spia americana.

    Continua su: http://www.diariodipensieripersi.com/2012/04/recensione-lamore-ai-tempi-della.html

    ha scritto il 

  • 0

    PRIME 32 PAGINE

    http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/l%E2%80%99amore-ai-tempi-della-rivoluzione
    Sono nato in un villaggio sulle colline dell’Iran settentrionale. I miei antenati avevano coltivato un albero gene ...continua

    http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/l%E2%80%99amore-ai-tempi-della-rivoluzione
    Sono nato in un villaggio sulle colline dell’Iran settentrionale. I miei antenati avevano coltivato un albero genealogico con radici
    che traevano nutrimento dalle caratteristiche del popolo persiano: forza, pazienza e compassione. Famiglie orgogliose come la nostra vivevano libere in una striscia di villaggi lungo il fiume Shahroud, pascolando le pecore e coltivando orzo e frumento.

    ha scritto il