Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'amore arreso

Di

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

3.5
(51)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 213 | Formato: Altri

Isbn-10: 8817035718 | Isbn-13: 9788817035712 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: A. Lavagnino , M. Gottardo , M. Morzenti

Genere: Fiction & Literature , History

Ti piace L'amore arreso?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Esistono sentimenti devastanti che lasciano una sola possibilità: arrendersi, senza condizioni. Una lunga schermaglia che sfocia in un amore disperato sullo sfondo dei bombardamenti di Hong Kong; un incontro travolgente che spinge il protagonista a minare pregiudizi e convenzioni sociali. Due racconti folgoranti che descrivono, con rarefatta precisione, quello che accade tra un uomo e una donna quando irrompe la passione a sconvolgere l'esistenza e ogni suo ordine stabilito. Con una prosa lucida e disincantata e una grazia superba, Zhang Ailing, la "conturbante signora delle lettere", torna a parlare di seduzione, gelosia e tradimento, evidenziando al tempo stesso la frattura insanabile che percorre la cultura cinese, eternamente divisa tra modernità e tradizione.
Ordina per
  • 4

    non delude mai

    intendo la Ailing. Le sue storie riescono a mixare, senza stancare, romanticismo e cinismo, drammaticità e leggerezza. Sara' il fascino del passato, degli anni 40, saranno le storie estreme e ...continua

    intendo la Ailing. Le sue storie riescono a mixare, senza stancare, romanticismo e cinismo, drammaticità e leggerezza. Sara' il fascino del passato, degli anni 40, saranno le storie estreme e imperturbabilmnete normali. Sa coinvolgere e attirare l'attenzione, sa irritare, ma mai (almeno per me) annoiare.

    Due racconti lunghi.

    Un amore devastante, inteso pero' in senso positivo, un amore che fa cadere i palazzi per l'intensità e per l'eccezzionalità, che sopravvive alla guerra, ai bombardamenti. Ambientato in quella città tanto amata dal sottoscritto, ovvero Hong Kong!

    Rosa rossa e rosa bianca. Come un giovane uomo perda l'amore, l'occasione della sua vita, per calcolo, paura, scrupolo sociale e lavorativo, e questo lo porti a scendere i gradini della dignità, fino in fondo, per poi, un mattino, risvegliarsi "purificato". Una grande Ailing alle prese con i movimenti del cuore maschili, riflessi in quelli di una quasi "Maddalena" orientale (ma che scrivo?).

    ha scritto il 

  • 3

    L'amore arreso - Zang Ailing

    Mi è piaciuto così così. o meglio, sono rimasta delusa dalle scelte dei personaggi...ma perchè crucciarsi tanto e costringersi a vivere una vita che non ci appertiane? Perchè reprimere le ...continua

    Mi è piaciuto così così. o meglio, sono rimasta delusa dalle scelte dei personaggi...ma perchè crucciarsi tanto e costringersi a vivere una vita che non ci appertiane? Perchè reprimere le proprie passioni per convenzioni? Sicuramente non sono un'esperta della cultura cinese, e leggendo la prefazione capisco che l'intendo dell'autrice è spiegare il continuo conflitto tra vecchio e nuovo, tradizione e modernità, che negli ultimi decenni sta interessando la Cina e che credo approfondirò con altre letture.

    ha scritto il 

  • 3

    La scrittrice cinese Zhang Ailing, fuggita dal suo paese nel '95, viene "scoperta" in Italia da Rizzoli che pubblica dal 2005 i suoi scritti. Questo romanzo comprende due racconti, il primo forse ...continua

    La scrittrice cinese Zhang Ailing, fuggita dal suo paese nel '95, viene "scoperta" in Italia da Rizzoli che pubblica dal 2005 i suoi scritti. Questo romanzo comprende due racconti, il primo forse più apprezzabile dal lettore rispetto al secondo. A tema i sentimenti dell'umano: la passione d'amore, la gelosia, i tradimenti. L'autrice ne parla in modo semplice, attraversando il conflitto tra modalità d'approccio diverso: quella legata alle tradizioni della "vecchia" cina e quella moderna, più occidentale.

    ha scritto il 

  • 4

    2 racconti in cui emerge il carattere e la forza della sua scrittrice cinese Zhang Ailing, che non rinuncia mai alle sue tinte cupe e amare. Le sue sono delle storie d'amore sofferte in cui sia ...continua

    2 racconti in cui emerge il carattere e la forza della sua scrittrice cinese Zhang Ailing, che non rinuncia mai alle sue tinte cupe e amare. Le sue sono delle storie d'amore sofferte in cui sia uomini sia donna (ma direi, soprattutto donne) sono chiamate a far emergere tutta la loro forza interiore. Una scrittura scorrevole, chiara e diretta. Da leggere come sempre tutto d'un fiato.

    ha scritto il 

  • 4

    "Dalla tua finestra riesci a vedere la luna?"

    "L'amore arreso" è composto da due racconti lunghi (o romanzi brevi) che hanno per tema centrale proprio l'amore. Ma un amore che si manifesta quasi contro la volontà dei protagonisti, e a cui è ...continua

    "L'amore arreso" è composto da due racconti lunghi (o romanzi brevi) che hanno per tema centrale proprio l'amore. Ma un amore che si manifesta quasi contro la volontà dei protagonisti, e a cui è difficile, a volte impossibile, arrendersi,e quindi, in almeno uno dei due casi, è l'amore stesso che deve chinare il capo e uscire di scena. "Un amore devastante", il primo dei due, è un assoluto capolavoro. La trama esile di una passione amorosa accettata di malavoglia (lui la vorrebbe semplicemente come amante, ma se ne innamora per davvero; lei punta al matrimonio con un uomo ricco per potersi riscattare da una famiglia d'origine avara e meschina, ma suo malgrado cede al fascino di lui) viene tenuta stupendamente in equilibrio da una prosa semplice, scorrevole, con momenti di altissima raffinatezza e poesia. "... lei si mise a sedere sotto il portico (...) e aprì il vivace ombrello di carta oleata, tenendolo obliquo sul parapetto per ripararsi il viso. Era decorato con motivi di foglie di loto color verde malachite su un fondo rosa, e lungo le nervature perle d'acqua gocciolavano ad una ad una." "Con gesti lenti, Liusu si tolse la retina che le teneva i capelli; una volta disciolti, li scompigliò, in un tintinnare di forcine che cadevano al suolo." A queste bellissime, rarefatte immagini, si contrappone un mondo, quello in cui vivono i due innamorati, schiacciato tra Oriente e Occidente, Tradizione e Modernità, Ipocrisia e Innovazione, mero calcolo e anelito alla bellezza. Un mondo in cui una donna poteva essere solo "perbene", "uno status che quando c'è non sa di nulla, ma che a perderlo si rimpiange". D'altra parte, lui, esasperato dalla ritrosia affettiva di lei, le fa notare che forse per lei " il matrimonio significa in fin dei conti solo prostituzione a lungo termine", ed ella ammette con se stessa che "una donna, per quanto in gamba sia, fino a che non conquista l'amore dell'altro sesso, non conquisterà mai il rispetto da parte del proprio". Ma tutte queste contrapposizioni, tutte queste contraddizioni, paiono dissolversi più di fronte ad una notte romantica, che al precipitare degli eventi storici. La conversazione telefonica notturna durante la quale si confessano il proprio amore, è di una bellezza tanto struggente da far male al cuore. "Rosa rossa, rosa bianca" è il secondo racconto lungo, e come il primo si propone di sondare la società cinese attraverso il suo modo di vivere la passione amorosa. In questo caso, il protagonista, un self-made-man che mira a scalare i vertici dell'azienda in cui lavora e della sua classe medio-borghese, rinuncia alla passione per una donna "inadeguata" e sposa quella che pensa possa essere la donna "giusta" solo per capire poi che è stato un sbaglio, ma che lo sarebbe stato COMUNQUE. L'amarezza di fondo toglie ogni lirismo alla narrazione, e questo ci sta. Ma rimane il fatto che ho provato repulsione per il protagonista, così ipocrita, puttaniere e pseudo-perbenista, sin dal primo momento, e ciò ha avvelenato tutto il resto della lettura. Anche i personaggi di "Un amore devastante" hanno i loro difetti (lui è in pratica un debosciato nullafacente, lei una bellissima donna calcolatrice e poco più) ma veniamo rapiti dalla forza della loro passione crescente, dalla bellezza del loro amore riluttante. Il protagonista di "Rosa rossa, rosa bianca" rimane un verme fino alla fine, facendoci provare repulsione per quello stesso paesaggio che nel racconto precedente avevamo trovato tanto poetico e struggente. In fin dei conti, era probabilmente questo l'intento dell'autrice, e anche dei curatori che hanno pubblicato assieme questi due racconti. Ma forse sarebbe stato meglio invertirli: leggere prima quello più ripugnante, e poi quello più romantico. In fondo, sono un'inguaribile ottimista.

    ha scritto il 

  • 3

    Giudizio positivo come prima lettura della scrittrice ormai defunta Zhang Ailing . Si legge davvero tutto d'un fiato , molto scorrevole, tuttavia la trama non è fra le più avvincenti ... ricorre il ...continua

    Giudizio positivo come prima lettura della scrittrice ormai defunta Zhang Ailing . Si legge davvero tutto d'un fiato , molto scorrevole, tuttavia la trama non è fra le più avvincenti ... ricorre il romanticismo, l'amore, il tradimento, la gelosia nonostante ciò non credo che meriti più di 3 stelle ..... Se volete un romanzo leggero in previsione dell'estate da leggere senza impegno ..questo è ciò che fa per voi.

    ha scritto il 

  • 3

    Due storie

    Questo libro comprende due racconti, “Un amore devastante” e “Rosa rossa, rosa bianca”. Devo dire la verità, dalla letteratura cinese mi aspetto sempre molto ma alla fine rimango sempre un ...continua

    Questo libro comprende due racconti, “Un amore devastante” e “Rosa rossa, rosa bianca”. Devo dire la verità, dalla letteratura cinese mi aspetto sempre molto ma alla fine rimango sempre un po' deluso. Zhang Ailing scrive bene, certo, ma ti lascia sempre estraneo alla storia, ti piazza seduto li a guardare come se ti portasse in un laboratorio dove si compiono esperimenti sugli scimpanzé. Si da la corrente, lo scimpanzé apre una porticina, allunga la mano, prende la banana, la mangia o la rifiuta a seconda dello stimolo che riceve. Hai visto come l'animale si è comportato ma in realtà non sei entrato mai nella sua mente, non hai partecipato a quella corrente, non l’hai sentita dentro le tue fibre, ne hai visto gli effetti ma sei rimasto completamente estraneo, sempre ed esclusivamente spettatore, comprendi che poverino è vittima di un destino infame ma nulla di più. Ecco questa è l'impressione che mi è rimasta appena ho chiuso al copertina di questo libro. La prima storia ha un guizzo di passione quando racconta del bombardamento di Hong Kong, la seconda storia è frettolosa, scritta al frullatore, è solo un elenco di cose che accadono senza spiegarti mai il perché, non sono riuscito a comprendere un solo stato d'animo dei personaggi, delusione, rabbia, abbandono, odio, sottomissione, certo, questo c'è tutto, ma c'è solamente perché l'autrice te lo dice, non perché lo senti sulla tua pelle. Insomma sembra più la sceneggiatura di un film che non una storia di dolore, delusione, frustrazione e odio incontenibili. Impossibile dire che non sia scritto bene, ma dipende cosa ci aspettiamo da un romanzo, se ci aspettiamo storie, in quelle storie vogliamo entrarci e viverle come se fossero le nostre. I libri scritti bene sono molti, scientifici, filosofici, ma le storie devono essere altro, devono essere pezzi di vita da vivere per tramite dei personaggi e qui i personaggi sono maschere che si muovono, ombre dietro a una tenda. Forse la colpa è mia che non riesco a penetrare una cultura così piena di pudori, che non sa spiattellarti in faccia i sentimenti, che non sa confessarsi, ma sa solo descriversi per ciò che fa e mai per ciò che veramente è, né per quello che veramente sente nell’anima.

    ha scritto il 

  • 4

    i consigli di lettura di libreria atlantide

    È una vera e propria regina della scena letteraria di Shangai ZHANG AILING, impressione confermata da questi due racconti in cui è evidente tutto il suo stile. Amatissima anche nel suo Paese da cui ...continua

    È una vera e propria regina della scena letteraria di Shangai ZHANG AILING, impressione confermata da questi due racconti in cui è evidente tutto il suo stile. Amatissima anche nel suo Paese da cui fuggì nel 1956, nonostante i suoi gusti "borghesi" e frivoli: l'amore per i bei vestiti, per le stoffe preziose, perle chiacchierate con le amiche, non le hanno impedito di affermarsi anche in epoche meno inclini al consumismo. La BUR, dopo averci proposto Lussuria e La storia del giogo d'oro, propone con saggezza anche questa sua opera

    ha scritto il