L'amuleto d'ambra

Di

Editore: TEA (TEAdue)

3.9
(1091)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 496 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Francese

Isbn-10: 8850210418 | Isbn-13: 9788850210411 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Valeria Galassi

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri , eBook

Genere: Storia , Rosa , Fantascienza & Fantasy

Ti piace L'amuleto d'ambra?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
The Outlander Series 2

Scozia, 1945. Claire Randall, infermiera militare, attraversa un magico cerchio druidico e, misteriosamente, si trova catapultata nelle Highlands del 1743, straniera in una terra dilaniata dalla guerra e dalle faide dei clan rivali. È il 1968 e dopo vent'anni di silenzio durante i quali Claire non ha svelato a nessuno il suo segreto, torna con la figlia Brianna, una splendida ragazza dai capelli color del rame, alla Collina delle Fate, il luogo incantato dove è cominciata la sua avventura. Qui cerca il coraggio di raccontarle il suo viaggio nel tempo e il suo amore per un guerriero scozzese che in un'altra vita e in un'altra epoca l'aveva conquistata. E sarà nel tentativo di ritrovare il suo amato che Claire si ritufferà nelle vertigini di un passato che dalle terre desolate e solitarie della Scozia l'aveva portata sino alla sfarzosa corte di Versailles. Ma il cammino che dovrà percorrere sarà lungo e non privo di ostacoli e di sorprese' Sospeso tra sogno e realtà, L'amuleto d'ambra è la storia di un incantesimo e di una passione amorosa che trascende i confini del tempo.
Ordina per
  • 0

    In questo secondo capitolo della saga di Outlander, l’autrice ci porta dalla selvaggia e meravigliosa Scozia alla corte di Luigi XV in Francia, dove Claire e Jaime cercheranno di cambiare la storia e ...continua

    In questo secondo capitolo della saga di Outlander, l’autrice ci porta dalla selvaggia e meravigliosa Scozia alla corte di Luigi XV in Francia, dove Claire e Jaime cercheranno di cambiare la storia e impedire la strage dei clan scozzesi. È molto difficile per me recensire questo libro perchè nell’edizione italiana il libro è stato diviso a metà!! Purtroppo è la stessa cosa che succede per altre saghe, come per il Trono di spade, e alla fine del libro si percepisce che la storia è inconcludente. Comunque questo seguito non è bello quanto il primo, che ho amato fortemente, ma è stata tuttavia una lettura piacevole e scorrevole. Non mi manca che continuare la saga con il “terzo” libro.

    ha scritto il 

  • 2

    Noia noia noia noia... Mi aspettavo di meglio dalla corte di Francia e invece gran confusione e tanta noia... Con tanto sospetto passo al terzo (con una sana pausa vitaliana)

    ha scritto il 

  • 5

    Mi ripeterò, ma anche questo secondo romanzo è bellissimo, avvincente. Nonostante conoscessi già la storia perché avevo visto il telefilm, il libro è riuscito a catturarmi.
    Il dolore di Jamie, Claire, ...continua

    Mi ripeterò, ma anche questo secondo romanzo è bellissimo, avvincente. Nonostante conoscessi già la storia perché avevo visto il telefilm, il libro è riuscito a catturarmi.
    Il dolore di Jamie, Claire, la loro passione... bello bello bello!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    “La straniera” si conclude con la decisione dei nostri protagonisti, Jamie e Claire, di partire per raggiungere Prince Charles e cercare di cambiare il corso della storia, evitando la disfatta di Cull ...continua

    “La straniera” si conclude con la decisione dei nostri protagonisti, Jamie e Claire, di partire per raggiungere Prince Charles e cercare di cambiare il corso della storia, evitando la disfatta di Culloden dove perirono gli Highlanders.

    “L’amuleto d’ambra” inizia in modo da farci sussultare: non siamo nel 1700, ma nel 1968 e Claire torna a Inverness oltre vent’anni dopo aver attraversato il cerchio di pietre e con Brianna, la figlia adolescente dalla chioma rossa. E subito mille domande da porci e nessuna risposta che possa accontentarci. Dov’è Jamie? Dov’è Frank? Perchè Claire vuole conoscere le sorti degli Highlanders? Non ha vissuto l’esperienza in prima persona? E perchè raccontare tutto al giovane Roger, figlio adottivo del reverendo Wakefield che abbiamo conosciuto nel primo volume?

    Mentre noi lettori ci poniamo questi e altri mille quesiti, Claire inizia a raccontare la storia riprendendo dall’arrivo in Francia, dove hanno preso contatto con il cugino di Jamie e cercato di farsi introdurre alla corte di re Luigi XV, cugino di Charles Stuart.

    L’arrivo in Francia è subito denso di eventi: grazie alle proprie conoscenze mediche, Claire individua un caso di vaiolo tra i marinai di una nave di proprietà del Conte di St. Germaine e contribuisce a farla distruggere con tutto il carico per evitare la diffusione del contagio a Parigi. Il Conte è decisamente furioso per la perdita economica del bastimento e giura vendetta; un primo nemico da cui guardarsi le spalle…

    I primi tempi a Parigi sono monotoni, Jamie è preso dagli affari del cugino e Claire non ha altro di cui occuparsi, se non la gravidanza. Ma ben presto riprende il suo “lavoro medico”, offrendosi come volontaria all’Hopital des Anges gestito dalla competente e forte Madre Hildegarde. E’ lì che facciamo la conoscenza, oltre che della direttrice, anche del suo aiutante Bouton, un cagnolino simpaticissimo, e dell'”ortopedico”, Monsier Forez.

    Ma ben presto arriva il momento di entrare a Versailles e di fare il tanto agognato incontro con Charles Stuart. I nostri due protagonisti sono ben accolti a corte e da tutta l’aristocrazia parigina che conta, mentre il pretendente al trono inglese è costretto a tramare nell’ombra per cercare di trovare i fondi che finanzieranno la guerra contro i Tudor. Jamie, da un lato si mostra favorevole e grande amico di Charles, ma dall’altro lato cerca di impedire che quest’ultimo possa attuare il suo folle piano.

    Quando sembra che tutto stia filando per il meglio, Claire e Jamie scoprono che il loro acerrimo nemico, Jack Randall, è ancora vivo. Jamie vuole ucciderlo, ma Claire gli fa promettere che non lo farà almeno fino a quando Frank non sarà concepito. Jamie è furioso, ma decide di mantenere la promessa affinchè Claire, in caso di necessità, possa un giorno riattraversare le pietre e tornare indietro dall’unica persona che possa amarla come lui.

    Purtroppo, per proteggere il piccolo Fergus, altro personaggio chiave di questo volume, Jamie infrange la promessa, sfida a duello il brutale Black Jack. Claire cerca di fermarlo, ma a causa della tensione perde il bambino che portava in grembo. Si apre una grossa ferita nell’unione tra Claire e Jamie….

    Ancora una storia avvincente, ricca di colpi di scena continua e con l’introduzione di nuovi personaggi che ruotano attorno ai due protagonisti. Destabilizzante l’inizio, avvincente lo svolgimento e intensa l’ultima parte.

    Molto interessante anche lo sviluppo psicologico dei personaggi chiave. Anche in questo volume c’è qualche eccesso che l’autrice poteva evitarci, ma direi che possiamo definirlo un peccato veniale

    ha scritto il 

  • 2

    In questo secondo capitolo, ho lasciato l'amata e selvaggia Scozia del '700 (sigh!) per approdare alla corte del re in Francia, nella quale i protagonisti cercheranno di cambiare la Storia! Godibile n ...continua

    In questo secondo capitolo, ho lasciato l'amata e selvaggia Scozia del '700 (sigh!) per approdare alla corte del re in Francia, nella quale i protagonisti cercheranno di cambiare la Storia! Godibile nel complesso, tuttavia la lettura è stata mooolto altalenante: ci sono parti che si leggono tutto d'un fiato, come il prologo, altre di stallo o veramente poco credibili! Ho iniziato consapevolmente questa saga e sono entrata nel circolo vizioso... ma tant'è... Nonostante la trama sembri promettente, non crea quella magia e quella curiosità che ho riscontrato in altre saghe ecco.

    ha scritto il 

  • 4

    Ancora non riesco a capire il senso di dividere un romanzo in più libri (a parte i soldi, ovvio). Non so che dire perché recensire una metà di un libro non ha molto senso, è lo stesso motivo per cui n ...continua

    Ancora non riesco a capire il senso di dividere un romanzo in più libri (a parte i soldi, ovvio). Non so che dire perché recensire una metà di un libro non ha molto senso, è lo stesso motivo per cui non sono riuscita mai a recensire decentemente "A song of ice and fire". Stavolta ritroviamo Jamie e Claire in Francia, pronti a tutto pur di bloccare la rivolta giacobita e la rivendicazione del trono degli Stuart, onde evitare lo stermino degli Highlanders. Leggo sempre molte critiche su questa saga, ma io trovo la scrittura e la trama sempre molto scorrevoli ed è anche evidente l'amore che lega questi due personaggi. Forse rispetto al telefilm Claire appare più dura, ma comunque è chiaro anche nella serie tv come lei sia un personaggio forte e il suo rapporto con Jamie si discosti da quelli dell'epoca.
    Non penso che aspetterò molto prima di leggere la seconda parte del romanzo, anche perché la fine della seconda stagione mi ha distrutto e penso che non ce la farò ad aspettare la prossima stagione per sapere che succederà. Quindi penso che verrò meno alla mia promessa di guardare prima la serie tv e poi leggere i libri, così capirò se li apprezzerò lo stesso anche senza prima aver visto la serie.

    ha scritto il 

  • 3

    Non è all'altezza del primo romanzo del ciclo, ma dobbiamo ricordarci che la Corbaccio ha diviso a metà il secondo tomo, quindi non mi sento di dare un giudizio definitivo fino a quando non avrò letto ...continua

    Non è all'altezza del primo romanzo del ciclo, ma dobbiamo ricordarci che la Corbaccio ha diviso a metà il secondo tomo, quindi non mi sento di dare un giudizio definitivo fino a quando non avrò letto anche "Il ritorno", ovvero la seconda parte del volume.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Oh mio dio quanto ho sbadigliato... non vedevo l'ora che finisse! per fortuna ero in vacanza...
    mi son fatta fregare dal prologo, forse l'unica parte interessante di tutto il libro, alla quale vanno l ...continua

    Oh mio dio quanto ho sbadigliato... non vedevo l'ora che finisse! per fortuna ero in vacanza...
    mi son fatta fregare dal prologo, forse l'unica parte interessante di tutto il libro, alla quale vanno le 2 stelle... dopodiché il nulla... ah no, Claire e Jamie che trombano :-) no aspè la novità è che ora assistiamo anche ad una trombatina tra cavalli... ah e poi Claire tromba pure con nientepopodimeno che il re di Francia... Ma dai cara Gabaldon, hai un problema! Non sai inventarti altro? Non bastano le descrizioni stile harmony né le tue ricerchine storiche... 500 pagine di nulla,
    Claire che si strugge più d'amore per il suo jamie che di dolore per aver perso una figlia non so se mi fa più rabbia o senso... ma dai, ma che storia è?? E quanto era telefonata la "resurrezione" di jack randall?
    Ma in tutto questo... solo a me non piace 'sto jamie??

    ha scritto il 

Ordina per