Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'amuleto di Samarcanda

Di

4.1
(1670)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Chi semplificata , Spagnolo , Francese , Chi tradizionale , Portoghese

Isbn-10: A000066556 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: R. Cravero

Disponibile anche come: Copertina rigida , eBook , Paperback

Genere: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Ti piace L'amuleto di Samarcanda?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
SCHEDA DOPPIA
SCHEDA DOPPIA da non aggiungere in libreria o, se la si possiede, da eliminare.
La scheda corretta è all'url:

http://www.anobii.com/books/011d267e0f7b8d8b8a/

Ordina per
  • 4

    Un fantasy originale, intrigante e ben scritto. I due protagonisti sono ben caratterizzati, ho apprezzato molto la visione doppia della trama, sia dal punto di vista del potentissimo Bartimeus, sia dalla parte dell'abile Nathaniel. Non fatico a dire che è diventato uno dei fantasy più belli che a ...continua

    Un fantasy originale, intrigante e ben scritto. I due protagonisti sono ben caratterizzati, ho apprezzato molto la visione doppia della trama, sia dal punto di vista del potentissimo Bartimeus, sia dalla parte dell'abile Nathaniel. Non fatico a dire che è diventato uno dei fantasy più belli che abbia letto. Apprezzata soprattutto quella punta di ironia che accompagna il lettore durante il racconto (spassose soprattutto le note a margine). Promosso, non a pieni voti, perchè non è una lettura indimenticabile, ma rimane comunque un bel libro.

    ha scritto il 

  • 0

    Zero a zero e palla al centro

    Diciamo che pregi e difetti si equivalgono, creando così un libro che, per quanto sia triste da dire, è un po' senza arte né parte (tanto per usare un'altra frase fatta, che quella nel titolo non bastava!:D).
    Tra i pregi, c'è sicuramente il personaggio di Bartimeus, demone irriverente e divertent ...continua

    Diciamo che pregi e difetti si equivalgono, creando così un libro che, per quanto sia triste da dire, è un po' senza arte né parte (tanto per usare un'altra frase fatta, che quella nel titolo non bastava!:D). Tra i pregi, c'è sicuramente il personaggio di Bartimeus, demone irriverente e divertentissimo, che mostra sempre una grandissima ironia! Anche lo stile non è male, il libro è scorrevole e si legge con piacere. Tra i difetti c'è sicuramente il protagonista umano, ragazzino insopportabile che provoca un pandemonio (letteralmente :D) solo perché qualcuno gli ha mollato due sberle e a ragione, aggiungerei. Poi, tolti i due protagonisti, gli altri personaggi sono fatti con l'accetta, che più piatti non si può. Non parliamo dei cattivi, che si aggiudicano il secondo premio come peggiori cattivi mai creati da penna umana (il primo premio è degli imbattibili lesser della Ward e il terzo di Voldemort). Anche la trama è decisamente già vista, poco originale e si tiene insieme per miracolo. Il difetto più grande, però, è aver lasciato solo intuire la presenza di una specie di mondo contemporaneo ma distopico, nel quale i maghi governano e i babbani, qui chiamati "comuni", fungono più da sudditi che da cittadini e non hanno neanche il diritto di associazione (per dire, non li fanno andare al pub, a Londra! Ma si può?). I comuni organizzano allora una sorta di resistenza, fatta principalmente di rappresaglie di poco conto. Se l'autore avesse approfondito e delineato meglio questo aspetto della storia, sarebbe stata sicuramente più interessante. E' anche vero che è solo il primo volume di una trilogia per ragazzi e forse i prossimi due libri saranno migliori, ma non è che ho tanta voglia di scoprirlo, dopo aver letto questo.

    ha scritto il 

  • 4

    Una specie di via di mezzo fra il fantasy umoristico di Terry Pratchett e le storie di Harry Potter, è una lettura divertente, veloce ma ben scritta (anche se, personalmente, considero il genere fantasy tutt'altra cosa).
    Non sufficientemente coinvolgente da leggere il secondo volume della saga, m ...continua

    Una specie di via di mezzo fra il fantasy umoristico di Terry Pratchett e le storie di Harry Potter, è una lettura divertente, veloce ma ben scritta (anche se, personalmente, considero il genere fantasy tutt'altra cosa). Non sufficientemente coinvolgente da leggere il secondo volume della saga, ma abbastanza interessante da passare direttamente al terzo per vedere come va a finire.

    ha scritto il 

  • 5

    Un fantasy davvero unico nel suo genere: ciò che lo differenzia è la voce narrante, quella di Bartimeus, tenerissimo demone dotato di irresistibile umorismo e di ingenua presunzione, doti che mi hanno fatto innamorare subito del personaggio. Appassionante, divertente, originale: una vera chicca! ...continua

    Un fantasy davvero unico nel suo genere: ciò che lo differenzia è la voce narrante, quella di Bartimeus, tenerissimo demone dotato di irresistibile umorismo e di ingenua presunzione, doti che mi hanno fatto innamorare subito del personaggio. Appassionante, divertente, originale: una vera chicca!

    ha scritto il 

  • 4

    Finalmente!

    Finalmente qualcosa targato "fantasy" che valga la pena di leggere!


    Ultimamente tutti i libri del genere erano nient' altro che scopiazzature di filoni già esistenti, o insane derivazioni del vampiro sbrilluccicante.
    Demoralizzante - e disgustoso nel secondo caso.


    Ma con Bartimeus e ...continua

    Finalmente qualcosa targato "fantasy" che valga la pena di leggere!

    Ultimamente tutti i libri del genere erano nient' altro che scopiazzature di filoni già esistenti, o insane derivazioni del vampiro sbrilluccicante. Demoralizzante - e disgustoso nel secondo caso.

    Ma con Bartimeus eccoci di nuovo a gioire del termine! E' una storia brillante, non si può definire altrimenti. Il mondo alla rovescia conta altri esperimenti, ma pochi così ben riusciti come questo! Qui la magia è negativa - tutta - i maghi sono i cattivi - pressocché tutti - ed i protagonisti sono i demoni. O meglio, un demone.

    Bartimeus è sagace, divertente, ironico, e quasi romantico, in un certo qual modo. Se ne seguono divertiti le disavventure, e percepiamo i suoi sentimenti con una chiarezza davvero immedesimante.

    La trama in sè non ha nulla di particolare, a dire il vero, perchè segue sviluppi piuttosto logici. Ma è tutto ciò che vi ruota intorno a dare al libro una vera distinzione.

    Devo dire che sin dalle prime pagine mi ha ricordato Diana Wynne Jones, per il modo di raccontare, e per come ogni dettaglio di fantasia sia in realtà molto ben studiato e coerente. Sono sicura già da ora che rimarrà una delle mie letture preferite: non ho neanche finito questo, che sono corsa a procurarmi i restanti volumi della saga. E credetemi, non succede spesso.

    Sono già impaziente d' iniziare il secondo.

    ha scritto il 

  • 5

    Originale!

    Un romanzo scorrevole, leggero e originale. Finalmente una ventata di novità nel genere fantasy. Consigliato a chi è stanco dei classici clichè e dei soliti scenari! Spero che i seguenti libri della trilogia siano all'altezza...

    ha scritto il 

  • 5

    che dire di questo primo libro della saga, solo che l'ho amato dalla prima pagina fino all'ultima.
    se mi chiedessero quale sia il mio personaggio preferito in assoluto tra tutti i libri che abbia mai letto, la risposta sarebbe facile... è il jinn Bartimeus! è la cosa che più mi ha spinto a prose ...continua

    che dire di questo primo libro della saga, solo che l'ho amato dalla prima pagina fino all'ultima. se mi chiedessero quale sia il mio personaggio preferito in assoluto tra tutti i libri che abbia mai letto, la risposta sarebbe facile... è il jinn Bartimeus! è la cosa che più mi ha spinto a proseguire la lettura; le battute divertenti e leggere, i suoi modi di fare e il suo carattere così particolare. è una lettura che consiglio assolutamente!

    ha scritto il 

  • 3

    dopo aver letto la saga di harry potter non e' facile confrontare questo primo episodio di un altra saga che sebbene piu corta e meno ambiziosa hai dei lati in comune . vedi la magia , e il protagonista .
    sicuramente divertente molto improntata all azione , forse troppo..questo e' il suo magior d ...continua

    dopo aver letto la saga di harry potter non e' facile confrontare questo primo episodio di un altra saga che sebbene piu corta e meno ambiziosa hai dei lati in comune . vedi la magia , e il protagonista . sicuramente divertente molto improntata all azione , forse troppo..questo e' il suo magior difetto secondo me' che la rende ...diciamo troppo fumettistica, ..quindi meno,,,adulta diciamo speriamo meglio i prossimi due capitoli che ho gia provveduto a prendere

    ha scritto il 

Ordina per