Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'anniversario dell'esame di maturità

Di

Editore: Voland

3.4
(17)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 170 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8886586736 | Isbn-13: 9788886586733 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Letizia Kostner

Ti piace L'anniversario dell'esame di maturità?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nel castello isolato ed eternamente avvolto dalle nebbie del misterioso conte Ludvík von Rettenburg si tiene, a molti anni dalla maturità, un incontro tra ex compagni di scuola. Il luogo è regolato dalla legge del folle e tirannico conte e il rigido programma che impone ai suoi ospiti prevede le più disperate ed estenuanti prove di resistenza fisica. Il signor Kurzheimer, uno dei pochi sopravvissuti, racconta le tragicomiche avventure di cui è stato protagonista... Un’esilarante parodia surrealista del tradizionale romanzo nero.
Ordina per
  • 4

    Un surrealista boemo

    Come dire: un mago al quadrato, un illusionista al quadrato. Perchè creare illusioni può essere relativamente facile, strutturarle in un mondo e farle durare senza cedimenti e strappi, questa è un'altra cosa. E su tutto il ghigno divertito di uno che mangiava pane e poesia. Leggetelo e vedete se ...continua

    Come dire: un mago al quadrato, un illusionista al quadrato. Perchè creare illusioni può essere relativamente facile, strutturarle in un mondo e farle durare senza cedimenti e strappi, questa è un'altra cosa. E su tutto il ghigno divertito di uno che mangiava pane e poesia. Leggetelo e vedete se riuscirete a scappare, o se vorrete scappare, dal castello del conte Ludwig von Rettenburg. Un magnifico gioco di prestigio.

    ha scritto il 

  • 4

    In bilico tra realtà e sogno, e forse ancora di più tra sogno e incubo, il romanzo di Zykmund rimanda alle atmosfere sospese e quasi fiabesche di certa letteratura centroeuropea, e al contempo avvolge il lettore in una spirale di eventi bizzarri e surreali...
    Un'opera splendida nella sua pur ...continua

    In bilico tra realtà e sogno, e forse ancora di più tra sogno e incubo, il romanzo di Zykmund rimanda alle atmosfere sospese e quasi fiabesche di certa letteratura centroeuropea, e al contempo avvolge il lettore in una spirale di eventi bizzarri e surreali...
    Un'opera splendida nella sua purezza, un libro tanto ironico quanto terribile.

    ha scritto il 

  • 3

    Alienante

    Bizzarro, curioso ... ma nel complesso non un granchè. Ricostruisce in modo un pò "ingenuo" e non del tutto riuscito i toni foschi e kafkiani della letteratura centroeuropea di fine 800. La storia è insignificante

    ha scritto il 

  • 4

    "Io, Joachim Karel Kurzheimer, oggi tranquillo cittadino della piccola località chiamata Alverkerchen, sono stato incaricato da quanti sopravvissero alla riunione dei diplomati della città ginnasiale di Wolbeck di registrare tutto gli eventi che a quell’epoca vi si verificarono e che scossero la ...continua

    "Io, Joachim Karel Kurzheimer, oggi tranquillo cittadino della piccola località chiamata Alverkerchen, sono stato incaricato da quanti sopravvissero alla riunione dei diplomati della città ginnasiale di Wolbeck di registrare tutto gli eventi che a quell’epoca vi si verificarono e che scossero la coscienza dell’intera Europa, per non parlare poi della Germania."

    E’ questo l’incipit di un romanzo breve ma godibilissimo, la cronostoria di una riunione tra ex compagni di scuola organizzata dal misterioso conte Ludvík nel suo castello, un luogo isolato e perennemente avvolto da nebbie fittissime.
    La voce narrante è appunto quella di Joachim Karel Kurzheimer, di professione parassita. Joachim dimora infatti nel castelletto dell’amata moglie Zita e vive della sua rendita, passando le numerose ore di libertà di cui dispone in compagnia di tre intimi amici, ex compagni di scuola.
    A turbare questa tranquilla routine arriva l’invito a celebrare l’anniversario dell’esame di maturità, evento che sconvolgerà la vita di tutti i numerosi partecipanti.
    Il programma delle attività stilato dal tirannico conte Ludvík prevede infatti una serie di prove di forza e di resistenza che iniziano, sin dalla prima notte, a decimare i partecipanti alla riunione. E così, in un crescendo surreale e divertentissimo si snodano le avventure di Joachim e dei suoi compagni di (s)ventura, i quali non sembrano gradire quanto lui il programma delle attività (culinarie, sportive, sessuali) imposto dal conte ai suoi ospiti.

    Per non svelare i gustosi particolari della trama di seguito riporto alcuni estratti della interessante postfazione di Letizia Kostner:

    "Del romanzo nero tradizionale esso riprende in primo luogo l’ambientazione, quella classica del castello-fortezza, inteso appunto come luogo di confine tra realtà e sogno, tra sogno e incubo, i cui contorni reali restano sempre indefiniti, sfocati, complice la nebbia che avvolge persistente il dominio del conte Ludvík von Rettenburg. (…) Nel castello regna una libertà del tutto particolare: vi si perpetrano impunemente sequele di delitti altrove condannati, la trasgressione e l’eccesso vengono apertamente incoraggiati, mentre sono i tiepidi di spirito a dover maggiormente temere il disprezzo e la furia del padrone di casa. (…) Protagonista del testo di Zykmund, insieme al castello, è un personaggio ben distante dagli eroi positivi – e per questo perseguitati – del romanzo nero di tipo classico. (…) A ben guardare, la sua più spiccata caratteristica è l’assenza totale di ogni qualità, se si eccettuano una straordinaria attitudine all’adattamento e una serie di appetiti insaziabili (unico campo in cui egli si dimostra davvero e straordinariamente superiore alla media dei suoi ex compagni) verso i quali mostra sempre un’estrema indulgenza. (…) Nel suo caso si potrebbe parlare parlare piuttosto di amoralità, “virtù” che gli consente di trarre con estrema naturalezza e tranquillità di spirito il massimo vantaggio da ogni situazione."

    Per non farla troppo lunga il mio consiglio è leggetelo, non ve ne pentirete.

    ha scritto il