Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'anno prossimo si sta a casa

Di

Editore: Mondadori

3.2
(102)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 179 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804526297 | Isbn-13: 9788804526292 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Humor

Ti piace L'anno prossimo si sta a casa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Settimo, ferroviere in pensione, e la sua sposa Anna, decidono di regalarsiuna vacanza per festeggiare le nozze d'argento. Coi soldi della liquidazioneorganizzano un viaggio a Creta, loro che non sono quasi mai usciti da Chioggiase non per andare a Treviso dalla figlia. Sull'isola greca conoscono unaragazza giovane e bellissima, con delle gambe di bronzo che fanno girare latesta a quel vecchio cinghiale maschio di Settimo. Ma iniziano a capitare unaserie di coincidenze poco spieqabili, soprattutto per due come loro. Finchénon succede che Anna sparisce. E allora ecco che si mescolano, e pagina dopopagina si ricompongono, un albanese sfigato, un detective imbranato, uncriminale cornuto, una poliziotta frustrata e uno strano souvenir di Creta...
Ordina per
  • 2

    Parto insieme a due coniugi in pensione, un ferroviere soprannominato dalla moglie il cinghiale e la moglie, soprannominata dal marito la 59enne. Un incontro con una bella ragazza dalle gambe abbronzate li proietta in una storia internazionale e intricata che si risolverà solo alla fine. C’è un c ...continua

    Parto insieme a due coniugi in pensione, un ferroviere soprannominato dalla moglie il cinghiale e la moglie, soprannominata dal marito la 59enne. Un incontro con una bella ragazza dalle gambe abbronzate li proietta in una storia internazionale e intricata che si risolverà solo alla fine. C’è un cretese ladro e geloso che mi strappa qualche risolino a forza e il carattere del cinghiale che mi fa sorridere, sembra un lontano zio ingrifato. Ma non mi sono divertita un granchè.

    ha scritto il 

  • 4

    Balasso è bravo, e riesce a gestire registri comici diversi: non è il solito libro di raccolta delle battute dello spettacolo.
    L'intreccio giallo è un po' buttato lì, ma i quadretti comici che costruisce sono infallibili: me ne ricordo uno a letto, dove mi sono sforzato di non ridere per no ...continua

    Balasso è bravo, e riesce a gestire registri comici diversi: non è il solito libro di raccolta delle battute dello spettacolo.
    L'intreccio giallo è un po' buttato lì, ma i quadretti comici che costruisce sono infallibili: me ne ricordo uno a letto, dove mi sono sforzato di non ridere per non svegliare la moglie dormiente lì a fianco... spassosissimo!

    ha scritto il 

  • 2

    Una delusione. Certo. Non avevo grandi aspettative. E' un libro da leggere sotto l'ombrellone, un inizio piacevole e simpatico ma poi...
    Certo che dopo "Livello di guardia" mi aspettavo qualcosa di meglio.
    Ecco: leggete quello ma questo risparmiatevi tempo!!!

    ha scritto il 

  • 3

    Ho trovato questo libro in bagno: nessuno in famiglia sa come sia arrivato a casa nostra... Affrontato con estremo disinteresse, ha il merito di avermi strappato diverse risate! Balasso per fortuna abbandona in fretta le battute da cabaret e riesce a costruire scene comicamente efficaci (forse pe ...continua

    Ho trovato questo libro in bagno: nessuno in famiglia sa come sia arrivato a casa nostra... Affrontato con estremo disinteresse, ha il merito di avermi strappato diverse risate! Balasso per fortuna abbandona in fretta le battute da cabaret e riesce a costruire scene comicamente efficaci (forse perchè decisamente realistiche?). Non sarà un capolavoro, la trama è banale, ma come lettura leggera si può consigliare!

    ha scritto il 

  • 3

    Fiacco....qualche raro ironico passaggio tuttavia confuso (oserei dire rinchiuso) tra frasi banalmente contorte, che appesantiscono la già non scorrevolissima lettura. I personaggi superficialmente caratterizzati, la trama abbastanza noiosa, il finale assolutamente scontato.

    ha scritto il