Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'apprendista del vento

Di

Editore: Neri Pozza

3.3
(24)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 344 | Formato: Altri

Isbn-10: 8873057853 | Isbn-13: 9788873057857 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: F. Valente , S. Tettamanti

Disponibile anche come: Paperback

Ti piace L'apprendista del vento?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Anni Trenta. Nelle praterie del Saskatchewan, in Canada, tormentate dal ventoe dalle tempeste di sabbia, Maurice Dove si presenta alla fattoria di ErnestHardy. E' un giovane taciturno e indecifrabile ed è arrivato lì per studiareil vento e le variazioni che apporta il clima al paesaggio. Ernest Hardy, uncontadino onesto e irreprensibile, vive nella fattoria con le sue due giovanifiglie: Lucinda, la prediletta, una ragazzina noiosa nella sua bellezza,perfezione e riservatezza e la piccola e già scaltra Norma Joyce. Le duesorelle si innamorano perdutamente del giovane studioso del vento e questapassione lascerà un segno indelebile nella loro vita.
Ordina per
  • 2

    Inconcludente!

    Questo romanzo è di una tristezza infinita, come se fosse stato scritto con un paio di occhiali troppo scuri per vedere un bagliore di luce!
    Dopo le prime pagine mi sono chiesta cosa mi avesse spinto ad acquistarlo e, ancora adesso, che finalmente sono arrivata all'ultima riga, me lo domand ...continua

    Questo romanzo è di una tristezza infinita, come se fosse stato scritto con un paio di occhiali troppo scuri per vedere un bagliore di luce!
    Dopo le prime pagine mi sono chiesta cosa mi avesse spinto ad acquistarlo e, ancora adesso, che finalmente sono arrivata all'ultima riga, me lo domando.
    E'un racconto, piuttosto prolisso, della vita di Norma Joyce e della sua famiglia. Solo questo. Non accade molto e, quel poco, lo si capisce dalle prime righe.
    Poi si arriva alla fine, sperando, almeno, di sbrogliare la storia, ma non è così. Non ha una conclusione, non ha un finale, non ha nemmeno uno scopo. Almeno a mio avviso.

    ha scritto il 

  • 5

    Adoro i libri che parlano di donne, e immancabilmente mi affeziono un pò alle protagoniste: Norma è un insieme di irragionevolezza e dignità, a volte testarda, spesso timida. E sa amare tantissimo.
    Il Canada descritto è un Canada carico di contrasti, il paesaggio è affascinante: inverno rigi ...continua

    Adoro i libri che parlano di donne, e immancabilmente mi affeziono un pò alle protagoniste: Norma è un insieme di irragionevolezza e dignità, a volte testarda, spesso timida. E sa amare tantissimo.
    Il Canada descritto è un Canada carico di contrasti, il paesaggio è affascinante: inverno rigidissimo, estate torrida. E il vento che porta scompiglio.
    E' il primo romanzo di questa autrice, dalla scrittura quasi sensuale nei sentimenti e molto elegante nelle descrizioni.

    ha scritto il 

  • 4

    Ci sono uomini che sanno prendere senza saper mai dare veramente che briciole di se', che non sanno dire"basta", che non sanno mai chiudere una storia con fermezza, coraggio e dignità. Ci sono donne che raccolgono queste briciole, se ne accontentano e ci costruiscono sopra una vita fatta di brevi ...continua

    Ci sono uomini che sanno prendere senza saper mai dare veramente che briciole di se', che non sanno dire"basta", che non sanno mai chiudere una storia con fermezza, coraggio e dignità. Ci sono donne che raccolgono queste briciole, se ne accontentano e ci costruiscono sopra una vita fatta di brevi speranze e infinite attese. Questo libro è dedicato a persone come loro.

    ha scritto il 

  • 3

    Novella Jane Eyre, Norma Joyce è un personaggio notevole nel panorama della narrativa al femminile. Due sorelle divise dall'amore per lo stesso uomo, due vite segnate perchè vissute senza risparmiarsi. L'amore per l'amore è pericoloso, ma alla fine...paga.

    ha scritto il