L'approdo

Di

Editore: Elliot Edizioni

4.7
(918)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 128 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Danese

Isbn-10: 8861920411 | Isbn-13: 9788861920415 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Arte, Architettura & Fotografia , Fumetti & Graphic Novels , Fantascienza & Fantasy

Ti piace L'approdo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Cosa spinge un uomo a lasciarsi tutto alle spalle e a viaggiare solo verso un paese sconosciuto, un luogo in cui non ha famiglia né amici, dove il futuro è incerto, e niente ha un nome? Questa graphic novel senza parole è una storia universale. La storia di ogni migrante, di ogni rifugiato e un omaggio a tutti coloro che hanno intrapreso questo lungo viaggio.
Ordina per
  • 0

    L’approdo, di Shaun Tan

    http://www.meloleggo.it/lapprodo-di-shaun-tan_978/

    Vi siete mai sentiti fuori posto? Navigatori approdati in un porto inaspettato? Viaggiatori erranti in un luogo sconosciuto?

    Questo è ciò che prova i ...continua

    http://www.meloleggo.it/lapprodo-di-shaun-tan_978/

    Vi siete mai sentiti fuori posto? Navigatori approdati in un porto inaspettato? Viaggiatori erranti in un luogo sconosciuto?

    Questo è ciò che prova il protagonista della graphic novel di Shaun Tan, The arrival (edito in Italia da Elliot Edizioni con titolo L’approdo).

    Con un’opera dal forte impatto emotivo e al contempo piena di realismo, Shaun Tan affida all’immagine l’intera narrazione: pannelli ricchi di volti diversi di ogni etnia, età e nazione accompagnano il protagonista nel suo viaggio. Perché il personaggio principale di questa vicenda altro non è che un immigrato, un uomo costretto a lasciare la sua famiglia e il suo Paese per imbarcarsi verso terre sconosciute, nella speranza di un futuro migliore. Un viaggio dagli echi di inizio Novecento che richiama agli occhi del lettore-spettatore le odissee per mare verso le Americhe, trasporta il protagonista de L’approdo all’interno di un mondo straniero, un universo contorto fatto di animali sconosciuti, edifici dalle forme futuristiche e difficili inizi.

    Un perfetto bilanciamento tra tinte senape, grig... [continua a leggere su www.MeLoLeggo.it]

    ha scritto il 

  • 5

    Shaun Tan

    細節怎麼可以這麼滿!
    當年第一次接觸《抵岸》,沒有文字的一本,述說一個移民故事。相簿式編排,配上一格格分鏡式的鏡頭畫面,寫實的人物表情非常細膩。印象中,我後來也有翻閱《別的國家都沒有》,好像沒有什麼特別的心情;結果這次一翻開,第一篇〈The Water Buffalo〉就讓我好喜歡,才簡單的一頁文字和一張圖片。這本《Tales From Outer Suburbia》,包含15篇獨立短篇故事,篇幅 ...continua

    細節怎麼可以這麼滿!
    當年第一次接觸《抵岸》,沒有文字的一本,述說一個移民故事。相簿式編排,配上一格格分鏡式的鏡頭畫面,寫實的人物表情非常細膩。印象中,我後來也有翻閱《別的國家都沒有》,好像沒有什麼特別的心情;結果這次一翻開,第一篇〈The Water Buffalo〉就讓我好喜歡,才簡單的一頁文字和一張圖片。這本《Tales From Outer Suburbia》,包含15篇獨立短篇故事,篇幅長短不同、文字和插圖比例也不同。《Rules of Summer》結構很簡單:兩兄弟,左頁一個規則、右頁配上全版插圖,我覺得是風格和想像都很狂野的一本。《Lost & Found》則是美國將三個作品集結出版,包括:The Red Tree、The Lost Thing和The Rabbits。這本也好精彩,每一個故事都很完整,整個流動很順暢,主題也特別明確。
    不同媒材、不同風格的插圖部分真的太精采,細節很多很豐富,可以花很多心思用力看。但這次的閱讀,發現我也很喜歡他的文字。雖然插圖看起來帶有很強烈的科幻色彩,連《The Arrival》都帶有奇幻成份,但我覺得作者說的都是很現實、很生活、很有溫度的故事;甚至是對個人內心、和整個社會的一些反思。前兩天看到伊格言說:「科幻小說與其他創作方式不同的是,科幻小說能讓某些在其他小說中只能隱喻的概念寫實化。」在我看來,Shuan Tan大概就有點像是這樣吧,只是用超現實的方式表達他想說的那些現實。

    ha scritto il 

  • 5

    Un “silent book” dedicato a uno dei grandi temi della letteratura di tutti i tempi, oltre che della cronaca di oggi: la migrazione. La storia è semplice, come deve esserlo data la forma “senza parole ...continua

    Un “silent book” dedicato a uno dei grandi temi della letteratura di tutti i tempi, oltre che della cronaca di oggi: la migrazione. La storia è semplice, come deve esserlo data la forma “senza parole” adottata: un uomo lascia la famiglia per raggiungere un paese remoto, dove riuscirà a trovare lavoro e imparare la lingua, finchè la famiglia non lo raggiungerà: e presto sarà sua figlia a dare indicazioni a una nuova arrivata..
    Ma il racconto è ricco di poesia, nell’alternare la potenza delle tavole a tutta pagina alla delicatezza di sequenze espressive come fotogrammi di un film muto: la storia principale si arricchisce delle storie degli altri immigrati che il protagonista conosce in questa “terra promessa”; lo straniamento di chi arriva da lontano è reso da un’incredibile quantità di buffe e fantasiose invenzioni grafiche, come se si trattasse di un mondo alieno; e se alle spalle di ognuno ci sono tragedie, nel presente gli affetti e la solidarietà portano un raggio di luce.
    Da notare, tra le soluzioni grafiche, oltre al generale color seppia, le screpolature che rendono le tavole simili ad antiche foto recuperate dal fondo di un cassetto.

    ha scritto il 

  • 5

    Magnifico e commovente

    L'approdo è un libro illustrato, senza parole, composto solamente da tavole sui toni del seppia. Le scene sono davvero magnifiche e, soprattutto le sequenze ravvicinate, sono molto evocative: racconta ...continua

    L'approdo è un libro illustrato, senza parole, composto solamente da tavole sui toni del seppia. Le scene sono davvero magnifiche e, soprattutto le sequenze ravvicinate, sono molto evocative: raccontano la storia di un uomo che deve abbandonare la famiglia e dirigersi in un luogo sconosciuto. Per chi ci ci è stato, non sarà difficile collegare le immagini del libro alle foto che si trovano ad Ellis Island.

    ha scritto il 

  • 4

    Una storia completamente disegnata, non c'è alcun dialogo, le lettere sono soltanto nella dedica e nei ringraziamenti dell'autore. I disegni sono incantevoli, la storia semplice, ma tenera. Un uomo la ...continua

    Una storia completamente disegnata, non c'è alcun dialogo, le lettere sono soltanto nella dedica e nei ringraziamenti dell'autore. I disegni sono incantevoli, la storia semplice, ma tenera. Un uomo lascia a malincuore la propria famiglia per emigrare in una città che gli permetta di guadagnare e lì si ritrova inizialmente solo, senza riuscire a comprendere lingua, abitudini.
    L'assenza di parole lo rende poetico e spinge ad osservare ancora di più i dettagli dei disegni, per capirne il significato.

    ha scritto il 

  • 5

    I've always thought words are the most powerful weapon. Never did I expect that the lack of words can be an even more powerful weapon. Shaun Tan's completely word-free graphic novel shows me just how ...continua

    I've always thought words are the most powerful weapon. Never did I expect that the lack of words can be an even more powerful weapon. Shaun Tan's completely word-free graphic novel shows me just how this is possible. This isn't a comic writer's gimmick though (wordless novels are not exactly a novelty); the decision to forgo words in this book matches perfectly with the theme - the arrival of an immigrant who is completely clueless about his surroundings.

    Since our main character the immigrant does not understand the language of his adopted country, it's appropriate that we view his struggles through graphics only. As he tries to understand his new world as much as he can, we also try to understand from mere pictures as much as we can. Sometimes I had to re-read a page or two, and still I wasn't sure if I'd really got the message. Imagine a real-life immigrant - he doesn't have the option of re-living a scene, does he? So by reading this novel, we get a glimpse - a very partial glimpse - of the immense difficulties faced by immigrants.

    What I like most is its surrealism. This book is not a realistic account of an immigrant's life; instead it seems to be set on an alien world. But it's actually more powerful this way, for we can feel the immigrant's fear of the unknown.

    Overall it's a very poignant book, yet it still offers hope throughout and especially at the end, when the immigrant's daughter helps out another new immigrant. My only complaint is that it's too short; I'd love to read more about the stories of other characters, like the man who helped the immigrant, his family while they remain in their homeland, etc.

    ha scritto il 

  • 5

    Meraviglioso.

    Pur essendo senza parole mi ha commosso. Sono rimasta anche io a corto di cose da dire, dal momento che le immagini sono di una forza così incisiva da non esserci bisogno di dire altro.

    ha scritto il 

  • 5

    Un giorno trovai un immagine in un social. In questa immagine era raffigurata una città, case molto alte, tutte uguali, bianche e unite tra loro. Sovrastate da un mostro gigante, tutto nero e pieno di ...continua

    Un giorno trovai un immagine in un social. In questa immagine era raffigurata una città, case molto alte, tutte uguali, bianche e unite tra loro. Sovrastate da un mostro gigante, tutto nero e pieno di spine. In fondo una coppia con un bambino. Pensai che stessero scappando. Che stessero fuggendo da quella città e da quella situazione. Provai angoscia e dispiacere. E alla fine mi ritrovai a cercare altre immagini, altre tavole di Shaun Tan. A farle vedere ad una amica. A cercare se c'erano volumi disponibili. A comprarlo a scatola chiusa. Ad aspettare che arrivasse a casa. A leggerlo(?) tutto d'un fiato. A tenerlo li in bella vista, come uno quadro, come qualcosa che ti emoziona ogni volta che gli passi accanto.

    ha scritto il