I colleghi della questura di Bologna lo chiamano lo Zoppo, ma attenti a non farsi sentire, per non essere colpiti dal suo immancabile bastone. L'incidente gli ha massacrato la gamba destra, ma non l'ha persuaso al pensionamento anticipato: d'altronde ...Continua
AK-47
Ha scritto il 10/01/18
Una carogna caparbia e misantropa, ma mi sta simpatico
Bologna, primi anni '80. Sul tavolo di Poli Ugo, vice-ispettore della Questura relegato suo malgrado all'ufficio protocollo e archivio a causa di una menomazione fisica, finiscono due pratiche apparentemente prive di collegamento e che i colleghi ha...Continua
Mildan
Ha scritto il 23/02/17
Il “nuovo” personaggio che viene proposto da Loriano Macchiavelli al posto del “solito” Sarti Antonio, ma ancora di più per rivivere e comprendere il momento di transizione di una Bologna colta a inizio anni Ottanta, poco dopo quella esplosione in st...Continua
Maria
Ha scritto il 29/01/17

Un romanzo che potrebbe anche essere piacevole se non per la confusione dei personaggi, tra cui il narratore..

Cesare Gallotti
Ha scritto il 17/01/17

Del 1981.
Interessante per lo stile. La trama gialla è ridicola e la bestialità di Ugo Poli è troppo sottolineata e oggi certi attacchi non sono più così veementi.

Naco
Ha scritto il 17/11/16
Insomma... l'idea non l'ho trovata malvagia, anzi, da archivista, mi è proprio piaciuta: Ugo Poli, il cui compito è archiviare pratiche, si rende conto che alcuni di questi casi, in realtà, sono tutt'altro che risolti e che sono addirittura legati tr...Continua

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una citazione!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi