Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'aria della sera e altri racconti

Di

Editore: Bompiani

4.0
(29)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Altri

Isbn-10: 8845252205 | Isbn-13: 9788845252204 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Genere: Fiction & Literature

Ti piace L'aria della sera e altri racconti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Questa antologia, che presenta in ordine cronologico i racconti di Silvio D'Arzo, ripercorre le diverse fasi di un lavoro letterario che continua a imporsi come enigma irrisolvibile e mostra il fascino dell'opera darziana oscillante tra ambiguità e angoscia visionaria.
Ordina per
  • 4

    Racconti di datazione diversa -dal 1935 al 1947, oltre ad alcuni pubblicati postumi- per fornire un quadro abbastanza completo dell'intera opera dell'autore e del percorso da lui compiuto.
    Un percorso che si snoda nelle ambientazioni che più gli sono congeniali -le osterie, le aie, i piccoli ...continua

    Racconti di datazione diversa -dal 1935 al 1947, oltre ad alcuni pubblicati postumi- per fornire un quadro abbastanza completo dell'intera opera dell'autore e del percorso da lui compiuto.
    Un percorso che si snoda nelle ambientazioni che più gli sono congeniali -le osterie, le aie, i piccoli paesi, le campagne- e in un mondo visto soprattutto attraverso alcuni elementi cari a D'Arzo: il cielo -albe color di neve sporca, tramonti d'incendio viola e quella sua luna che è la luna più bella della letteratura italiana del Novecento-, l'acqua - di fiume, di canale, di fosso.. e, talora, le nebbie.
    Un percorso che nei suoi racconti vede protagonista la gente comune (Non a caso il primo racconto ha come titolo Piccolo mondo degli umili), quella più povera o debole, che vive quasi all'ombra della vita...
    Perchè D'Arzo racconta proprio la normalità, con quel suo occhio attento ai piccoli dettagli e quel suo stile che ha un ritmo particolare, un uso tutto suo della punteggiatura, un rimarcare certe parole o espressioni.. Parole che hanno un loro colore e un loro sapore. Parole ed espressioni che non risultano mai "astemie".
    Molti racconti li avevo già letti in edizione diversa, ma è interessante confrontare alcuni interventi di editing che -come nel caso di Una fasciatura troppo stretta- risultano dissimili.

    ha scritto il 

Ordina per