Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'arte della guerra

Di

Editore: Feltrinelli (Universale Economica I classici)

3.9
(3923)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 94 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Cinese , Francese , Chi tradizionale , Tedesco , Portoghese , Olandese , Catalano , Indiano (Hindi)

Isbn-10: 8807822377 | Isbn-13: 9788807822377 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Mauro Conti ; Curatore: Mauro Conti

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina morbida e spillati , Copertina rigida , eBook

Genere: History , Philosophy , Textbook

Ti piace L'arte della guerra?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il modo migliore per essere certi di vincere una guerra è assicurarsi la vittoria ancora prima di iniziare a combattere: questo è il principio fondante dell'Arte della guerra, con ogni probabilità il più antico manuale strategico della storia (VI secolo a.C.). Un obiettivo raggiungibile studiando i punti di forza e di debolezza dell'avversario, mantenendo la consapevolezza dei propri limiti ma anche la fiducia nelle proprie potenzialità, sorprendendo continuamente il nemico. E, prima di ogni altra cosa, controllando le informazioni, perché grazie alla conoscenza il destino della battaglia può davvero essere scritto prima che lo scontro cominci. L'essenzialità del messaggio e l'efficacia del magistero di Sun Tzu hanno fatto dell'Arte della guerra un testo di culto per chiunque voglia raggiungere un obiettivo nella vita o nel lavoro, dal manager al generale, dallo sportivo all'artista.
Ordina per
  • 2

    Da un classico così noto e citato mi aspettavo di più, abbastanza scontato nella descrizione delle tecniche di guerra, conserva tuttavia un valore storico e la possibilità di interpretazione in ambiti ...continua

    Da un classico così noto e citato mi aspettavo di più, abbastanza scontato nella descrizione delle tecniche di guerra, conserva tuttavia un valore storico e la possibilità di interpretazione in ambiti diversi da quello per il quale era stato pensato in origine.

    ha scritto il 

  • 0

    Vista la sua popolarità si potrebbe pensare che si tratti di una raccolta di pillole di saggezza, applicate all'arte militare, ma estendibili a molti contesti della vita umana. Per un certo senso sì, ...continua

    Vista la sua popolarità si potrebbe pensare che si tratti di una raccolta di pillole di saggezza, applicate all'arte militare, ma estendibili a molti contesti della vita umana. Per un certo senso sì, forse. Con un po' di fantasia si possono estrapolare modelli da applicare nella vita di tutti i giorni (vedi i numerosi manuali "L'arte della guerra nella vita quotidiana", etc.) ma quel che resta in effetti sono molte massime, pragmatiche e epigrafiche, ottime per scrivere sceneggiature di film di guerra e perfette per una partita di Risiko.

    ha scritto il 

  • 2

    Dopo tanto tempo sono riuscito a leggere questo famosissimo manuale citato un po' ovunque e... boh: forse avevo delle aspettative troppo alte; non metto in dubbio che sia molto interessante, ma non ho ...continua

    Dopo tanto tempo sono riuscito a leggere questo famosissimo manuale citato un po' ovunque e... boh: forse avevo delle aspettative troppo alte; non metto in dubbio che sia molto interessante, ma non ho trovato fra le sue pagine quelle "strategie della vita" che in molti dicono di aver trovato. Sarà colpa mia...
    In ogni caso è molto interessante anche se, dal mio punto di vista, lo chiamerei "Manuale del buon senso"

    ha scritto il 

  • 5

    Non volevo votarlo, all'inizio. E' uno di quei libri che non possono essere chiusi in un pungo di stelline. Vuoi per il suo valore storico, vuoi per il fatto che proviene da una cultura che noi occide ...continua

    Non volevo votarlo, all'inizio. E' uno di quei libri che non possono essere chiusi in un pungo di stelline. Vuoi per il suo valore storico, vuoi per il fatto che proviene da una cultura che noi occidentali potremo sempre solo 'annusare', mai apprendere in pieno.
    Non l'ho trovato 'tecnico'. Si, lo è, ma in modo non occidentale. E' poetico, ogni strategia di guerra non è che la punta di un iceberg di spiritualità taoista in cui la battaglia perde il suo aspetto di infinita violenza e diviene quasi una danza, o una partita a scacchi, in cui riecheggiano le scene belliche di Paolo Uccello e gli scontri di un film di Kurosawa.

    ha scritto il 

  • 2

    Una lettura veloce, velocissima. E' impressionante che queste massime e questi consigli si siano conservati fino al giorno d'oggi da un'epoca e un luogo lontanissimi. Ma non mi ha scaldato, non mi ha ...continua

    Una lettura veloce, velocissima. E' impressionante che queste massime e questi consigli si siano conservati fino al giorno d'oggi da un'epoca e un luogo lontanissimi. Ma non mi ha scaldato, non mi ha emozionato: parlano della guerra, argomento che aborrisco, e non sono applicabili al gioco degli scacchi (di cui sono un appassionato) e nemmeno alla vita (con qualche eccezione).
    Da notare che forse era meglio che in ogni capitoli si iniziasse con il testo originale di Sun-tzu per poi seguire i commenti di Leonardo Vittorio Arena. Ma nel libro è l'inverso, facendomi perdere il piacere di leggere il testo originale perché avevo già letto i commenti, per cui nei capitoli seguenti ho invertito l'ordine.

    ha scritto il 

  • 3

    Interessante per cultura personale e per accostarsi alla filosofia orientale e cinese, ma "it's not my cup of tea".
    Non riesco a sentire vicina a me questa filosofia della mente e del ragionamento che ...continua

    Interessante per cultura personale e per accostarsi alla filosofia orientale e cinese, ma "it's not my cup of tea".
    Non riesco a sentire vicina a me questa filosofia della mente e del ragionamento che attribuisce zero importanza ai sentimenti, alle emozioni, al sentire di ciascuno e all'identità personale, quasi fossero ostacoli che impediscono di "avere una visione completa del mondo"; "non avere forma" per adattarsi alle situazioni esterne non significa anche un po' perdere se stessi, la propria unicità e il proprio modo peculiare di vedere le cose?

    Mi fanno ridere poi i commenti e i saggi che magnificano la virtù del "conquistare intero e intatto il nemico" elogiandola come un trionfo sull'aggressività, da applicare anche e soprattutto nella vita quotidiana. Perché quali sono poi le soluzioni proposte per risolvere i conflitti? Ingannare, confondere, isolare, tagliare le alleanze del nemico, fargli terra bruciata intorno, portarlo a pensare e ad agire come vogliamo noi, celare, mascherare, spiare, sviare. A me qui sembra che l'aggressività abbia solo cambiato nome.
    Non è più puro e onesto un bel pugno sul naso?

    ha scritto il 

  • 3

    ok devo confessare che mi aspettavo leggermente di più. dice delle ovvietà che persino un'idiota patentato, arriverebbe alle stesse conclusioni. se ti serve cibo per l'esercito razzialo al nemico, cer ...continua

    ok devo confessare che mi aspettavo leggermente di più. dice delle ovvietà che persino un'idiota patentato, arriverebbe alle stesse conclusioni. se ti serve cibo per l'esercito razzialo al nemico, cerca di essere in superiorità numerica... andiamo sono ovvietà. mi domando solo, se Alessandro Magno avesse seguito alla lettera ciò che dice Sun Tzu, l'età ellenistica sarebbe mai nata? perchè a gaugamela Alessandro era in stragrande inferiorità numerica eppure ha vinto... diciamo che la terza stella la dò solo perchè è la prima volta che leggo un trattato orientale

    ha scritto il 

  • 2

    Filosofico

    Libro che si legge in mezza giornata, me lo aspettavo ricco di elementi di tattica e strategia militare, invece alla fine l'ho trovato molto filosofico, utilizzando la metafora militare per descrivere ...continua

    Libro che si legge in mezza giornata, me lo aspettavo ricco di elementi di tattica e strategia militare, invece alla fine l'ho trovato molto filosofico, utilizzando la metafora militare per descrivere aspetti del leader e viceversa. Credo si possa tranquillamente utilizzare anche come spunto sulle organizzazioni aziendali e manageriali.

    ha scritto il 

Ordina per