L'arte della magia

Di

Editore: TEA (Teadue)

3.9
(1301)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 216 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Portoghese , Ceco

Isbn-10: 8850217781 | Isbn-13: 9788850217786 | Data di pubblicazione:  | Edizione 4

Traduttore: Natalia Callori

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Umorismo , Fantascienza & Fantasy

Ti piace L'arte della magia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Sul bizzarro Mondo Disco, regolato dalle leggi della magia e della fantasia, non sono finite le avventure... Ora è il turno della piccola Esk, ottava figlia di un ottavo figlio, e quindi destinata a diventare mago se non fosse che, essendo femmina, potrebbe al massimo diventare strega. Ma Esk è decisa: vuole diventare mago e, rincorsa dall'apprensiva nonnina, parte alla volta della leggendaria Università Invisibile dei Maghi dove è sicura che le sarà insegnata l'arte della magia.
Ordina per
  • 3

    Este tercer libro de Mundodisco me ha parecido un poco flojo comparado con los dos anteriores. Aparecen unos personajes bastante buenos como Yaya Ceravieja, pero me faltó el toque de humor de los ante ...continua

    Este tercer libro de Mundodisco me ha parecido un poco flojo comparado con los dos anteriores. Aparecen unos personajes bastante buenos como Yaya Ceravieja, pero me faltó el toque de humor de los anteriores

    ha scritto il 

  • 3

    Sigh

    Un'idea molto simpatica da cui trarre infiniti spunti, i soliti colpi di genio pratchettiani, ma uno svolgimento piuttosto scostante e sicuramente penalizzato da una traduzione scarna e troppe volte t ...continua

    Un'idea molto simpatica da cui trarre infiniti spunti, i soliti colpi di genio pratchettiani, ma uno svolgimento piuttosto scostante e sicuramente penalizzato da una traduzione scarna e troppe volte testuale (aka: se non si capisce una frase, è molto probabilmente un gioco di parole tradotto alla lettera)

    ha scritto il 

  • 3

    Complessità a scapito della comicità

    ...In questo romanzo Terry Pratchett ancora una volta si rivela molto abile nel creare un universo complesso ma di coerenza chirurgica...tutti i suoi scritti si incastrano perfettamente e la caratteri ...continua

    ...In questo romanzo Terry Pratchett ancora una volta si rivela molto abile nel creare un universo complesso ma di coerenza chirurgica...tutti i suoi scritti si incastrano perfettamente e la caratterizzazione dei personaggi (anche riproposti tra le varie letture) mantiene il profilo psicologico che ci si aspetta, seppur più o meno approfondito.
    Detto questo questo racconto è tra i meno "acuti" in termini di comicità Pratchettiana (che delle sue opere è la cosa che apprezzo di più).
    L'uso delle parole è meno intenso della media dei suoi scritti.
    Nel complesso una lettura piacevole...ma non tra le sue migliori composizioni

    ha scritto il 

  • 5

    È il primo romanzo che leggo di Pratchett e già adoro questo scrittore e tutti i suoi personaggi in particolare Nonnina Wheterwaux che spero di trovare nei successivi libri della Saga delle Streghe! ...continua

    È il primo romanzo che leggo di Pratchett e già adoro questo scrittore e tutti i suoi personaggi in particolare Nonnina Wheterwaux che spero di trovare nei successivi libri della Saga delle Streghe!

    http://lunadicarta.altervista.org/recensione-larte-della-magia-di-terry-pratchett/

    ha scritto il 

  • 2

    La traduzione in italiano è fatta malissimo,lo svolgimento è abbastanza caotico,ma le idee sono tante,fantasiose e,alcune,anche ironiche.
    Pratchett va preso nella sua genialità di aver stravolto,o arr ...continua

    La traduzione in italiano è fatta malissimo,lo svolgimento è abbastanza caotico,ma le idee sono tante,fantasiose e,alcune,anche ironiche.
    Pratchett va preso nella sua genialità di aver stravolto,o arrichito,il mondo fantasy,riuscendo a far dire ai personaggi dei suoi libri vere e proprie perle di saggezza,in un contesto che risulta a tratti anche ironico.
    Questo è il primo libro del ciclo delle streghe,dove veniamo a conoscenza di Esk,figlia di un ottavo figlio,destinata ad essere un mago,solo che,essendo femmina,può essere solo una strega.
    Però lei è attratta dalla magia e va alla ricerca dell'Università Invisibile dove,anche grazie alla Nonnina,una strega potente che l'ha cresciuta,conoscerà l'operato dei maghi e conoscerà anche le Ombre (il paragone con i Dissennatori viene automatico,mentre si legge),solo che viene assunta come domestica.
    Libro autoconclusivo,storia godibile.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi vuoi diludendo?!

    Non è sicuramente il miglior romanzo di Terry Pratchett e purtroppo la traduzione italiana non fa altro che peggiorare il tutto.

    Basta vedere il titolo: capisco non sia facile da rendere il gioco di p ...continua

    Non è sicuramente il miglior romanzo di Terry Pratchett e purtroppo la traduzione italiana non fa altro che peggiorare il tutto.

    Basta vedere il titolo: capisco non sia facile da rendere il gioco di parole tra "Equal rites" e "Equal rights", ma "L'Arte della Magia" noooo! Si poteva fare un tentativo con "Di riti uguali" o "Uguali, di riti". Per il resto, aspettatevi parole a caso e frasi sconclusionate.

    Superata la questione della traduzione, rimane un romanzo che inizia bene, con un'idea simpatica: un Mago, sul punto di morire, lascia il proprio bastone magico e con esso i propri poteri all'ottavo nascituro di un un ottavo nascituro, se non fosse che non si accorge che si tratta di una ragazza, Eskarina Smith. Ma nel Mondo Disco le donne diventano Streghe e gli uomini Maghi.
    Cresciuta dalla Nonnina Weatherwax, impara ad essere una Strega, ma la magia cresce in lei e la Nonnina capisce di non poterle tarpare le ali e, seppur inizialmente controvoglia, acconsente di farle frequentare l'Università Invisibile di Ankh-Morpork. Tuttavia riesce ad entrarvi solamente come inserviente.
    Il problema è che quando si arriva a questo punto i più attenti noteranno che il libro sta per finire come pagine fisiche (o virtuali, se avete un e-reader) ed infatti, da qui in poi, non succede sostanzialmente nulla di chiaro o comprensibile e il finale è assolutamente sbrigativo ed insipido!

    Mi ha alquanto deluso, nonostante alcuni passaggi siano davvero comici.

    ( http://www.jhack.it/blog/2015/01/17/larte-della-magia/ )

    ha scritto il 

  • 4

    L'impressione - da quello che ho letto, condivisa da molti - è che la traduzione in italiano penalizzi decisamente questo romanzo.
    Certo, è caotico e spesso un po' confusionario, ma credo che questa s ...continua

    L'impressione - da quello che ho letto, condivisa da molti - è che la traduzione in italiano penalizzi decisamente questo romanzo.
    Certo, è caotico e spesso un po' confusionario, ma credo che questa sia proprio l'essenza del Mondo Disco e dei suoi personaggi.

    ha scritto il 

  • 2

    Ammetto che il voto negativo sia probabilmente una mia male interpretazione del romanzo, ma ciò non toglie che non mi sia affatto piaciuto.
    Mi sono avvicinato a questo libro di Pratchett dopo aver let ...continua

    Ammetto che il voto negativo sia probabilmente una mia male interpretazione del romanzo, ma ciò non toglie che non mi sia affatto piaciuto.
    Mi sono avvicinato a questo libro di Pratchett dopo aver letto Maledette Piramidi, Morty l'Apprendista e Il Tristo Mietitore, tutti libri che mi sono piaciuti moltissimo e carichi dello humor per cui Pratchett è rinomato in tutto il mondo. Purtroppo L'Arte della Magia non fa parte di quel filone e ne risulta un libro serio e in certi punti quasi triste.
    La trama sarebbe anche interessante, ma non era il tipo di libro che mi aspettavo.
    Abbandonato.

    ha scritto il 

  • 3

    Serie del Mondo Disco - Ciclo delle streghe vol. 1

    Primo libro che leggo di Pratchett. Non posso dire di esserne rimasta delusa ma neanche proprio entusiasta. La storia presenta sicuramente molti pregi, tra cui un'ambientazione bellissima e fantasiosa ...continua

    Primo libro che leggo di Pratchett. Non posso dire di esserne rimasta delusa ma neanche proprio entusiasta. La storia presenta sicuramente molti pregi, tra cui un'ambientazione bellissima e fantasiosa, dei personaggi insoliti quanto interessanti e che rimangono impressi, uno stile di scrittura ironico e in alcuni punti davvero simpatico e una trama dal grandissimo potenziale, perché vede protagonista una bambina che eredita per sbaglio i poteri di mago, in un pianeta dove non esistono maghi femmina, e l'insolito fatto darà luogo a incresciose quanto esilaranti vicissitudini. Raccontato così il libro poteva benissimo meritare un voto più alto, ma purtroppo vi sono anche dei difetti che non mi hanno aiutata ad apprezzarlo come avrei voluto. Innanzitutto il narrare dei fatti è un po' caotico (e la completa assenza della suddivisione in capitoli non aiuta di certo a comprendere al meglio i cambiamenti di scenario), vi sono paragrafi che mi sono piaciuti moltissimo, mentre altri dove lo svolgersi delle vicende avviene in modo confuso e a causa di ciò la mia attenzione è stata altalenante. In particolare il finale del libro (le ultime 40 pagine circa) è stato quello che più di tutti mi ha creato varie perplessità e ammetto che questo ha fatto scendere una stella il mio voto, che fino ad allora si aggirava sulle 4 stelline. Ma un finale che non convince e che anzi confonde rischia purtroppo di compromettere l'intero libro! Un altro fattore che non mi ha permesso di apprezzare il libro come si sarebbe meritato credo debba imputarsi alla traduzione. Ovviamente non posso sapere com'era la scrittura in originale, ma si avvertono chiaramente frasi che hanno poco senso e non credo che Pratchett le abbia scritte così.
    La mia conoscenza di questo autore non si fermerà qui, ma ho intenzione di leggere altri suoi libri per capire meglio cosa ne penso, dato che questo mi ha lasciato dei dubbi. Magari in futuro sceglierò edizioni più recenti dove abbiano riveduto le traduzioni.

    ha scritto il 

Ordina per