Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'arte di Jiro Taniguchi

I Classici del fumetto di Repubblica n. 43

Di

Editore: Gruppo Editoriale L'Espresso

4.1
(220)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 237 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000016625 | Data di pubblicazione: 

Genere: Comics & Graphic Novels , Fiction & Literature

Ti piace L'arte di Jiro Taniguchi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un uomo che cammina e che ci invita ad ammirare insieme tutto quello che incontra con gli occhi durante il percorso: lo sguardo di altre persone, un albero che sta fiorendo, la neve che cade. La storia di un uomo che, passeggiando, nutre il suo animo di amore per la vita. Un fumetto unico e straordinario, intimistico e intenso, di un artista giapponese che ha conquistato il mondo con le sue narrazioni leggere ed emozionanti, con il suo tratto realistico e rasserenante. Insieme a L’uomo che cammina in questa racconta anche Gourmet, una sorta di viaggio nei piaceri della cucina giapponese, raccontati attraverso un personaggio che di ogni piatto sa descrivere minuziosamente gli ingredienti, riuscendo quasi a farci sentire i piaceri.
Ordina per
  • 4

    Leggere questo volume è estramamente rilassante, bello di una bellezza universale.


    "L'uomo che cammina" è la quotidianità di un uomo capace di dare spazio alle proprie emozioni, capace di sdraiarsi sotto un albero o gioire della pioggia. Semplice. Piacevole.


    "Gourmet" sono i piatti ...continua

    Leggere questo volume è estramamente rilassante, bello di una bellezza universale.

    "L'uomo che cammina" è la quotidianità di un uomo capace di dare spazio alle proprie emozioni, capace di sdraiarsi sotto un albero o gioire della pioggia. Semplice. Piacevole.

    "Gourmet" sono i piatti e i ristoranti di un uomo in carriera costretto per lavoro a provare spesso nuovi locali. L'ho trovato decisamente più interessante, perchè meno universale e più simile a quello che si potrebbe definire "una storia".

    ha scritto il 

  • 4

    Bellissimo tratto

    La prima storia non mi ha entusiasmato molto: troppo "giapponese" nell'impostazione. L'idea di un uomo che cammina per le strade della sua città, senza che nulla accadesse non mi entusiasmava molto. Però la seconda merita le quattro stelle. Gourmet è un invito ad assaporare la cucina giapponese. ...continua

    La prima storia non mi ha entusiasmato molto: troppo "giapponese" nell'impostazione. L'idea di un uomo che cammina per le strade della sua città, senza che nulla accadesse non mi entusiasmava molto. Però la seconda merita le quattro stelle. Gourmet è un invito ad assaporare la cucina giapponese. I disegni sono bellissimi, la caratterizzazione del personaggio fantastica. Se ne consiglia la lettura anche a chi non va matto per i fumetti.

    ha scritto il 

  • 5

    meditazione a fumetti

    mi piace moltissimo il disegno di Tanigughi, e la poesia delle sue storie. queste due serie di racconti brevi ("l'uomo che cammina" e "gourmet") però sono speciali, poesie senza quasi parole... una piccola pausa di serenità. Insegnano a guardare con lentezza e attenzione... non sono esperta di me ...continua

    mi piace moltissimo il disegno di Tanigughi, e la poesia delle sue storie. queste due serie di racconti brevi ("l'uomo che cammina" e "gourmet") però sono speciali, poesie senza quasi parole... una piccola pausa di serenità. Insegnano a guardare con lentezza e attenzione... non sono esperta di meditazione ma me la immagino così! Unico difetto, la qualità non eccezionale della stampa... ne esiste una edizione migliore?

    ha scritto il 

  • 2

    Ho avuto la conferma: Taniguchi non mi piace, non lo sopporto e non leggerò altro. Troppo "giapponese"? Troppo "delicato"? Non lo so, a me è sembrato soprattutto troppo inutile!
    (ovviamente questo non vuole essere un giudizio generale: è "inutile per me", non in quanto opera in sé!)

    ha scritto il