Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'arte di correre

Di

Editore: Einaudi (Numeri primi)

3.9
(4377)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 157 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Giapponese , Inglese , Tedesco , Chi tradizionale , Chi semplificata , Galego , Francese , Olandese , Spagnolo , Catalano , Portoghese , Svedese , Ceco , Polacco

Isbn-10: 8866213101 | Isbn-13: 9788866213109 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Antonietta Pastore

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri

Genere: Biography , Health, Mind & Body , Sports, Outdoors & Adventure

Ti piace L'arte di correre?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Lo straordinario autoritratto di uno scrittore-maratoneta

Quando, nel 1981, Murakami chiuse Peter Cat, il jazz bar che aveva gestito nei precedenti sette anni, per dedicarsi solo alla scrittura, ritenne che fosse anche giunto il momento di cambiare radicalmente abitudini di vita: decise di smettere di fumare sessanta sigarette al giorno, e - poiché scrivere è notoriamente un lavoro sedentario e Murakami per natura tenderebbe verso una certa pinguedine - di mettersi a correre. Da allora, di solito scrive quattro ore al mattino, poi il pomeriggio corre dieci o più chilometri. Qualche anno più tardi si recò in Grecia dove per la prima volta percorse tutto il tragitto classico della maratona. L'esperienza lo convinse: da allora ha partecipato a ventiquattro di queste competizioni, ma anche a una ultramaratona e a diverse gare di triathlon. Scritto nell'arco di tre anni, "L'arte di correre" è una riflessione sulle motivazioni che ancora oggi spingono l'ormai sessantenne Murakami a sottoporsi a questa intensa attività fisica che assume il valore di una vera e propria strategia di sopravvivenza. Perché scrivere - sostiene Murakami - è un'attività pericolosa, una perenne lotta con i lati oscuri del proprio essere ed è indispensabile eliminare le tossine che, nell'atto creativo, si determinano nell'animo di uno scrittore. Al tempo stesso, questo insolito libro propone però anche illuminanti squarci sulla corsa in sé, sulle fatiche che essa comporta, sui momenti di debolezza e di esaltazione che chiunque abbia partecipato a una maratona avrà indubbiamente provato.

Ordina per
  • 3

    Memorie di un maratoneta

    Un libro di memorie, così lo definisce l'autore. Memorie di fatiche per superare se stesso ed i limiti che un ragazzino, ancora sedicenne, ha iniziato a scorgere sul proprio corpo.
    La corsa di un soli ...continua

    Un libro di memorie, così lo definisce l'autore. Memorie di fatiche per superare se stesso ed i limiti che un ragazzino, ancora sedicenne, ha iniziato a scorgere sul proprio corpo.
    La corsa di un solitario Murakami si svolge sullo sfondo di paesaggi greci, americani, giapponesi, hawaiani. Si alterna e compenetra ad altri sport, praticati con una costanza e determinazione tali da scandire, per decenni, gli anni che passano.
    E' una competizione con se stesso, piuttosto che una gara con altri. Il testo affronta con freddezza la passione, la dedizione, la fatica, il metodo posti verso una attività sportiva che lo scrittore ama talmente tanto da volere che sia citata nel proprio epitaffio. La razionalità dell'atleta sommerge il lettore sino alla postfazione quando, ultimata la fatica dello scrivere di se stesso, della disciplina autoimposta, del dolore che non si può evitare, della sofferenza che e' una opzione, delle solitudini del maratoneta, del runner's blues che lo avvolge, dei parallelismi tra sport e musica e vita, si scorge finalmente una piccola crepa, si incontrano persone e ricordi in modo più "umano", si fa spazio, con un tocco più sentimentale, meno freddo, al confronto con altri.

    ha scritto il 

  • 2

    Che fosse proprio Murakami, uno dei miei scrittori preferiti, a scrivere un libro sulla corsa era una predestinazione: inevitabile che dopo i miei primi 5 mesi di corsa fosse il momento di leggerlo. C ...continua

    Che fosse proprio Murakami, uno dei miei scrittori preferiti, a scrivere un libro sulla corsa era una predestinazione: inevitabile che dopo i miei primi 5 mesi di corsa fosse il momento di leggerlo. Cominciato bene, con qualche riflessione interessante su corsa, stile di vita e motivazioni intrinseche, si perde in sbrodolamenti più o meno narcisistici su di sè e le sue caratteristiche umane. Libercolo di memerie senza infamia e senza lode

    ha scritto il 

  • 0

    Il dolore è inevitabile, la sofferenza è un optional

    "Pain is inevitable. Suffering is optional."
    In qualche modo la corsa è una metafora della vita.
    E la sofferenza, cioè l'atteggiamento verso quello che ci succede, anche verso il brutto, la fatica, il ...continua

    "Pain is inevitable. Suffering is optional."
    In qualche modo la corsa è una metafora della vita.
    E la sofferenza, cioè l'atteggiamento verso quello che ci succede, anche verso il brutto, la fatica, il dolore, è un optional, cioè una nostra scelta.
    Sta a noi imparare un atteggiamento verso quello che ci accade che permetta agli avvenimenti di non travolgerci.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    我是因為自己有跑步並且參加馬拉松,才讀的。也是因為在訓練跑步吸收相關知識時,才知道,原來諾貝爾文學獎呼聲很高的日本文學作家村上春樹也在跑步,畢竟,就如村上自己也在書中寫說,一般來說,像作家藝術家給人的印象似乎與健康、運動扯不上關係。

    村上這本以跑步為主題的散文集,道出了他在跑步、參加馬拉松、鐵人三項的歷程,我覺得最奇妙的是,從仔細觀察自己跑步的種種,而得到的各種體悟,漸漸了解自己是個什麼樣的人,我 ...continua

    我是因為自己有跑步並且參加馬拉松,才讀的。也是因為在訓練跑步吸收相關知識時,才知道,原來諾貝爾文學獎呼聲很高的日本文學作家村上春樹也在跑步,畢竟,就如村上自己也在書中寫說,一般來說,像作家藝術家給人的印象似乎與健康、運動扯不上關係。

    村上這本以跑步為主題的散文集,道出了他在跑步、參加馬拉松、鐵人三項的歷程,我覺得最奇妙的是,從仔細觀察自己跑步的種種,而得到的各種體悟,漸漸了解自己是個什麼樣的人,我想,這也是我自己在跑步時所獲得的吧!

    這些散文中,我覺得最有趣的地方在於,村上會在有些句子後面加上「大叔的呢喃」,而這些內心OS每每都與我有心靈相通的感覺,真的非常奇妙,或許這是喜歡跑步的人才會有的共通想法吧!(我是這麼覺得啦~)

    【摘錄】
    人這種東西,生來似乎就是喜歡的事情自然可以持續下去,不喜歡的事情就無法持續。其中可能和意志之類的,稍微有一點關係。不過不管意志多堅強的人、多好勝的人,不喜歡的事情終究沒辦法長久持續。還有就算做到了,對身體應該反而有害。(第56頁)

    這樣的人生,從旁邊來看─或者從更高的地方俯瞰─或許是沒什麼意義的,空虛無益、或效率非常差的事情。要這樣想我也沒辦法。就算那本身只不過像往一個有小破洞的舊鍋子注水,那種徒勞無益的作業,但至少留下努力的事實。不管帥氣或難看,結果,對我們最重要的東西,往往是,眼睛看不見(但心可以感覺到)的東西。而且真正有價值的東西,往往是只能透過效率差的行為才能獲得。以真切的感覺和經驗法則來說,就算是徒勞無益,但應該都不是愚蠢的行為。我這樣認為。(抱歉,我忘了這在第幾頁)

    ha scritto il 

  • 4

    Ero andata in biblioteca (iscrivermi alla Berio è stata una delle prime cose che ho fatto, dopo essermi trasferita a Genova) a restituire alcuni libri, e naturalmente a prenderne altri, ma non avevo t ...continua

    Ero andata in biblioteca (iscrivermi alla Berio è stata una delle prime cose che ho fatto, dopo essermi trasferita a Genova) a restituire alcuni libri, e naturalmente a prenderne altri, ma non avevo tanto tempo da perdere tra gli scaffali, così mi sono fermata all'espositore delle proposte della settimana, e in un attimo ho scelto i primi tre titoli che mi ispiravano tra quelli in mostra.
    Tra questi, questo Murakami di cui conoscevo l'esistenza, ma che probabilmente in altre occasioni non avrei considerato. Una delle cose più belle delle biblioteche, invece, è proprio questo poter seguire l'impulso del momento, senza che considerazioni di prezzo, di reale interesse e di spazio a casa intervengano a limitare la curiosità.
    Perché questo saggio mi incuriosiva, e da qualche parte una volta ne avevo già letto l'incipit (notevole, peraltro), ma dato che di Murakami devo aver letto qualcosa solo molti anni fa, e non ne ho serbato quasi nessun ricordo, nonostante molte recensioni positive qui su aNobii nicchiavo, e rimandavo sempre l'approccio con qualche altra sua opera. Questo non è un romanzo, naturalmente, ma vediamo se mi riconcilia con l'autore, e se mi fa venire voglia di continuare a leggerlo.
    Intanto spero che mi faccia venire voglia di continuare a correre, che è un'attività che mi piace, ma nella quale, come in tante altre cose peraltro, sono poco costante!
    Molto riflessivo, ma anche divertente, interessante la personalità che emerge di questo scrittore maratoneta, del suo rapporto con il suo lavoro e con la corsa. E consigliato anche per farsi coraggio e non smettere di correre!

    ha scritto il 

  • 4

    原來我之前不太喜歡這本書嗎?
    多年後第二次讀, 我也開始跑步了. 雖然比不上村上大叔那樣每年馬拉松似的跑, 但多少還能有每月10K以上的記錄(這也好拿出來說嘴?)

    關於這本書, 這次重新閱讀看到一段還蠻有感觸的. 關於村上大叔說自己其實是易胖體質的人, 如果不大量運動的話很快就會胖起來, 所以他必須要持續不停的運動. 而這種體質, 對多數人來說或許是麻煩的體質, 但從長遠的角度來看, 如果妳原本是 ...continua

    原來我之前不太喜歡這本書嗎?
    多年後第二次讀, 我也開始跑步了. 雖然比不上村上大叔那樣每年馬拉松似的跑, 但多少還能有每月10K以上的記錄(這也好拿出來說嘴?)

    關於這本書, 這次重新閱讀看到一段還蠻有感觸的. 關於村上大叔說自己其實是易胖體質的人, 如果不大量運動的話很快就會胖起來, 所以他必須要持續不停的運動. 而這種體質, 對多數人來說或許是麻煩的體質, 但從長遠的角度來看, 如果妳原本是瘦子,吃再多也不會胖的那種, 你很可能就因此而鬆懈下來不運動, 但是這樣真的好嗎? 當你老了之後因為年輕時沒有累積健康的資本, 所以很可能會面臨各式各樣的病痛吧. 相較之下, 不做甚麼就胖的人, 如果有因此警惕而多加運動的話, 老了的時候或許不會遇到這一類的問題...

    看得我心有戚戚焉啊, 自從我運動也胖之後, 我都會跟自己說, 現在運動, 不過是為了儲存日後的健康資本而已, 胖瘦不重要了! (因為會胖的事實無法改變, 所以在我心中變胖這件事也無法重要啊哈哈哈)

    這本書還蠻好看的, 除了最後一段落的鐵人三項, 感覺得出村上本人也還在摸索所以比較無味之外, 其他關於跑步的部分, 真的好好看啊, 我最喜歡的是村上去跑超級馬拉松那段, 跑到最後產生了跑步的諦觀那一部分, 真有趣耶, 當作家腦袋裡想的事情跟我們果然不一樣. 哈.

    ha scritto il 

  • 2

    Running is a personal experience, that's why it is difficult to write about it hoping to be understood. I have been running for 23 years but I recognized my feelings for running only in a few pages. R ...continua

    Running is a personal experience, that's why it is difficult to write about it hoping to be understood. I have been running for 23 years but I recognized my feelings for running only in a few pages. Running was a completely different experience to me. And it evolved through the time. Running, in my experience, was a challenge only at the beginning, than it became a drug, an addiction. He never used the world "addiction" in this book, he just wrote down the story of his life. He described the pain, the fatigue, but never the spiritual aspect of running which is the most important to me.

    ha scritto il 

  • 4

    Questo libro ha trovato me, così come la corsa mi ha ri-trovata ultimamente. Certe cose non si scelgono, si sentono dentro. Ed è così che Murakami la pensa. Ed è questo che scrive in questo breve diar ...continua

    Questo libro ha trovato me, così come la corsa mi ha ri-trovata ultimamente. Certe cose non si scelgono, si sentono dentro. Ed è così che Murakami la pensa. Ed è questo che scrive in questo breve diario di un periodo della sua vita. Apprezzo molto di più il titolo originale del libro, "Di cosa parlo quando parlo di amore", preso dalla raccolta di racconti di Carver, e che rende molto più l'idea di ciò che contengono queste pagine. Non è un libro solo per maratoneti: è un libro per tutti quelli che vivono la vita profondamente e cercano, giorno dopo giorno, di superare i propri limiti o almeno allontanare il confine fra il possibile e l'impossibile. Scritto scorrevolmente, si fa leggere ed entra dentro. Lasciando una profonda voglia di respirare a pieni polmoni.

    ha scritto il 

  • 0

    Cosa mi ha lasciato?

    I miei sport sono la bici da corsa e il correre a piedi...ho letto entusiastiche recensioni su questo libro dove addirittura numerosi profani si sono innamorati ed hanno infilato le scarpe...personalm ...continua

    I miei sport sono la bici da corsa e il correre a piedi...ho letto entusiastiche recensioni su questo libro dove addirittura numerosi profani si sono innamorati ed hanno infilato le scarpe...personalmente se fossi uno che non corre non partirei dopo la lettura di questo libro non viene vista come vita sembra quasi solo un obbligo di tenersi in forma e di trovare nuove sfide...
    Mi ha invece colpito la metodicita' il dirsi lo faccio...il tutto in modo silenzioso e non plateale...un libro che scorre leggero

    ha scritto il 

Ordina per