Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'arte di tacere

Di

Editore: Sellerio editore Palermo

3.3
(38)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 102 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000123670 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Genere: Philosophy

Ti piace L'arte di tacere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Quando Padre Lamy dell'Oratorio offrì in dono al cardinale Camus la sua opera dal titolo L'arte di parlare, quest'ultimo disse: "Senza dubbio questa è un'arte eccellente, ma chi ci insegnerà l'arte di tacere?". Sarebbe un grande servizio reso all'uomo fornirgli i principi di quest'arte e convincerlo che il saperli mettere in pratica è nel suo interesse. Quanti uomini si sono condannati con la lingua o con la penna! Ignoriamo, forse, quanti sono stati esiliati e proscritti per avere pronunciato una parola imprudente, o scritto cose empie e profane, e che molti tra loro non hanno saputo trarre insegnamento dalla loro sventura?L'"Art de se taire" fu pubblicato a Parigi nel 1771.
Ordina per
  • 4

    Dinouart tratta del silenzio e lo fa parlando. Siamo nella retorica classica, nei manuali delle buone conversazioni, dove scopro che il silenzio occupa spazi importanti nei trattati sul linguaggio del ...continua

    Dinouart tratta del silenzio e lo fa parlando. Siamo nella retorica classica, nei manuali delle buone conversazioni, dove scopro che il silenzio occupa spazi importanti nei trattati sul linguaggio del corpo, accanto a quello delle parole. Prima meraviglia: nel 1700 già si trattava della comunicazione verbale, non verbale e paraverbale! Sono diversi i significati e le motivazioni che sottendono il silenzio, ma ciò che mi colpisce come un concetto scagliato con una fionda che cattura in volo la mia attenzione è la frase che il silenzio denota “la qualità dell’uomo piscologico”. La qualità, capite!? Il silenzio che denota la qualità di un uomo! La qualità del gentiluomo, come la qualità del saggio. “La fisiognomica – scrivono nella loro Introduzione Jean-Jacques Courtine e Claudine Haroche – non si limita più a scrutare il viso, deve ormai ascoltarlo”. Fantastico! Il viso, nel silenzio delle sue espressioni, va ascoltato. Questa è calibrazione!
    ( recensione tratta da mariocatarozzo.it )

    ha scritto il 

  • 5

    Ho amato questo libello tantissimo. Pur essendo stato scritto secoli fa , contiene massime ed insegnamenti che possono benissimo essere usati anche nel 2012.
    Scritto con un stile asciutto e diretto , ...continua

    Ho amato questo libello tantissimo. Pur essendo stato scritto secoli fa , contiene massime ed insegnamenti che possono benissimo essere usati anche nel 2012.
    Scritto con un stile asciutto e diretto , lo consiglio !

    ha scritto il 

  • 2

    Mi fu regalato, ironicamente, dai miei amici di un tempo, affinché apprezzassi anche i momenti del non detto e del non dire (non sono una donna di poche parole, io!); mi è sembrato, in realtà, un libr ...continua

    Mi fu regalato, ironicamente, dai miei amici di un tempo, affinché apprezzassi anche i momenti del non detto e del non dire (non sono una donna di poche parole, io!); mi è sembrato, in realtà, un libretto scritto da un conservatore che invitava alla rinuncia e all'accettazione del potere, anche quando questo mortifica l'uomo. Ma potrei non averlo letto con la dovuta attenzione: chi vuol mettermi a tacere, casca male con me!

    ha scritto il 

  • 2

    Convinta, da sempre, che chi tace è uno che non ha niente da dire, trovo forse meglio espresso il concetto a pag. 47 di questo inutile librino tardo settecentesco pieno di consigli di prudenza:

    Il sil ...continua

    Convinta, da sempre, che chi tace è uno che non ha niente da dire, trovo forse meglio espresso il concetto a pag. 47 di questo inutile librino tardo settecentesco pieno di consigli di prudenza:

    Il silenzio può talvolta far le veci della saggezza per il povero di spirito, e della sapienza per l’ignorante

    ha scritto il