Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'artiglio del leone

Di

Editore: Corbaccio

3.5
(20)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 320 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8863803285 | Isbn-13: 9788863803280 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Valeria Galassi

Genere: Fiction & Literature

Ti piace L'artiglio del leone?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Estate 1553: la monarchia inglese è in pericolo. Sul trono siede il figlio adolescente di Enrico VIII, Edoardo VI, malato e succube del potente Lord Dudley, primo duca di Northumberland, che lo spinge a cambiare testamento escludendo dalla successione le sue due sorellastre: Maria, figlia di Caterina d'Aragona, ed Elisabetta, figlia di Anna Bolena. Brendan Prescott, un giovane orfano allevato dalla famiglia dei duchi di Northumberland, viene inviato a Londra per servire il figlio di Lord Dudley. Brendan non ha scelta e inoltre spera di approfittare dell'occasione per far luce sulle proprie origini che sono avvolte nel mistero: questa, almeno, è la promessa che gli ha fatto William Cecil, Segretario di Stato, segretamente avverso a Lord Dudley, chiedendogli in cambio di riferire le mosse dei Northumberland a corte. Contemporaneamente al servizio dei personaggi più influenti e pericolosi del momento, Brendan si trova così coinvolto in una ragnatela di spionaggio, azioni spietate, omicidi efferati e tentati omicidi che mettono a repentaglio tanto il sovrano quanto lui stesso, nonché la donna di cui nel frattempo si è innamorato...

Ordina per
  • 4

    C.W Gortner diventa scrittore per caso dopo una carriera nella moda e nella sanità. Ha all'ttivo diversi romanzi ma questo è il primo che mi capita fra le mani.
    Ambientato nell'epoca Tudor, l' "Artiglio del Leone" ha come protagonista il giovane trovatello Brendan Prescott che allevato in u ...continua

    C.W Gortner diventa scrittore per caso dopo una carriera nella moda e nella sanità. Ha all'ttivo diversi romanzi ma questo è il primo che mi capita fra le mani.
    Ambientato nell'epoca Tudor, l' "Artiglio del Leone" ha come protagonista il giovane trovatello Brendan Prescott che allevato in una famiglia nobile diviene paggio di Lord Dudley. Giunto a Londra viene sua malgrado ingaggiato come spia da Lord Cecil e coinvolto nelle turbinose lotte per la successione al trono inglese. Diviene devoto alla principessa Elisabetta Tudor , la futura Regina Elisabetta I. Della storia fanno parte la Principessa Maria Tudor,"Maria la Sanguinaria" alla quale Elisabetta succedette nel 1558.
    La trauma non è molto convincente e il romanzo è un po' debole. Interessante per chi ama i romanzi storici per le notizie storiche reali riportate ma niente più.

    ha scritto il 

  • 1

    Romanzo storico fin troppo veloce. In un'epoca dove gli spostamenti e i cambiamenti avvenivano con lentezza (rispetto ai giorni nostri), gli avvenimenti capitati al giovane protagonista si susseguono ad n ritmo incalzante da film televisivo. Improbabile poi la facilità con il quale il protagonist ...continua

    Romanzo storico fin troppo veloce. In un'epoca dove gli spostamenti e i cambiamenti avvenivano con lentezza (rispetto ai giorni nostri), gli avvenimenti capitati al giovane protagonista si susseguono ad n ritmo incalzante da film televisivo. Improbabile poi la facilità con il quale il protagonista si destreggia nelle varie situazioni, padrone sia della persuasione che della fortuna.

    ha scritto il 

  • 3

    Gortner racconta uno dei periodi più oscuri dell'Inghilterra tudoriana, quel limbo in cui visse la monarchia inglese dalla morte di Edoardo VI alla salita al trono di Maria. Intrighi, lotte di potere e di volontà tra alcune delle casate più influenti del tempo, prima tra tutte quella dei Dudley, ...continua

    Gortner racconta uno dei periodi più oscuri dell'Inghilterra tudoriana, quel limbo in cui visse la monarchia inglese dalla morte di Edoardo VI alla salita al trono di Maria. Intrighi, lotte di potere e di volontà tra alcune delle casate più influenti del tempo, prima tra tutte quella dei Dudley, duchi di Northumberland.
    A tutto questo si aggiunge il segreto che un orfano porta con sé a corte dalla campagna, e in breve tempo, con un ritmo serratissimo, le sue vicende si legano inestricabilmente a quelle dei Tudor e dei Dudley.
    Non so, questo terzo libro di Gortner mi ha lasciata un pò interdetta; è ben scritto e l'ambientazione è credibile ma a mio parere poteva dare maggior risalto alle vicende storiche di quanto in realtà non abbia fatto. Il suo primo romanzo, L'ultima regina, è stato davvero tutt'altra cosa.

    ha scritto il 

  • 5

    Un libro veramente bello e ben scritto.
    Lo consiglio per chi vuole immergersi negli intrighi dell'Inghilterra ai tempi dei Tudor.
    Sono contenta di aver "scoperto" questo autore, sicuramente leggerò i suoi precedendi e futuri libri.

    ha scritto il 

  • 3

    Un giallo-avventura nell'Inghilterra cinquecentesca di un Edoardo VI morente e manovrato.
    La trama in sè è semplicistica e piuttosto infantile, ma belle e realistiche sono le descrizioni dell'ambiente di corte e popolano della Londra del tempo. Traspare bene che l'autore è uno storico prest ...continua

    Un giallo-avventura nell'Inghilterra cinquecentesca di un Edoardo VI morente e manovrato.
    La trama in sè è semplicistica e piuttosto infantile, ma belle e realistiche sono le descrizioni dell'ambiente di corte e popolano della Londra del tempo. Traspare bene che l'autore è uno storico prestato alla narrativa, ed i dettagli del periodo minuziosi ed attenti fanno da sfondo ad un banale intreccio da neofita in un miscuglio strano e dal risultato altalentante. Personalmente l'ho apprezzato per la parte storica e leggerò qualcos'altro dell'autore.

    ha scritto il 

  • 5

    Per me, l'incontro con Elisabetta Tudor fu uno di quei momenti.

    Ecco un libro assolutamente da leggere, secondo me, un'autore che riesce a rendere vero quello che non c'è e che con poche parole ci fa assaporare il tempo passato in modo realistico e concreto. Le sue descrizioni non sono mai superflue o allungate da inutili particolari, sono coincise, eleganti ...continua

    Ecco un libro assolutamente da leggere, secondo me, un'autore che riesce a rendere vero quello che non c'è e che con poche parole ci fa assaporare il tempo passato in modo realistico e concreto. Le sue descrizioni non sono mai superflue o allungate da inutili particolari, sono coincise, eleganti e ti lasciano spaziare con l'immaginazione anche se, chi conosce la storia dei Tudor, ora mai, avrà scolpita nella mente la vecchia inghilterra e tutti i luoghi in cui Enrico VIII si è divorziato e spostato per ben sei volte.
    Un romanzo che mette in campo avvenimenti realmente accaduti intrecciati alla fantasia dell'autore che non fa percepire neanche per un secondo chi in realtà è un personaggio immaginario e chi no. Lo studio dietro a questo romanzo si percepisce sopratutto dai personaggi nati dalla sua mente che rispecchiano tutto lo stile dell'epoca.
    La storia è ambientata durante la morte di Re Edordo unico figlio di sesso maschile, riconosciuto come erede di Enrico VIII, i fatti raccontati dall'autore in merito alla morte del giovane re e alla sua successione sono veritieri poiché realmente alla corte Inglese c'era stato un complotto per far salire al trono Lady Jane Gray al posto della papista Maria I, prima figlia di Enrico con la moglie Caterina D'Aragona. Non tutti erano felici di rivedere l'Inghilterra governata da una sostenitrice del Papa dopo che, in seguito allo scisma religioso Enrico VIII aveva decretato la separazione dalla Chiesa cattolica di Roma, ed è per questo motivo che in molti complottavano alle spalle dei regnanti in modo che questo non accadesse. Il romanzo non si spinge oltre all'ormai conosciuta macchinazione da parte della famiglia Dudley e della relazione di Robert Dudley con Elisabetta I, ma ci fa immergere nell'epoca fra gli intrighi e le macchinazioni in modo penetrante per lasciarci gustare la storia del vero protagonista del racconto e cioe Brendan Prescott, giovane trovatello con una strana voglia sulla pelle e un passato misterioso.
    Non c'è solo mistero e storia nel racconto di Gortener perché fra le pagine di questo romanzo potrete "assaporare" anche un'appassionante storia d'amore che non cade mai nel banale e senza mai diventare sdolcinata cresce, è un'amore profondo che si sviluppa in modo vero e passionale.
    Continua: http://fine-nelsogno.blogspot.de/2012/04/pensiero-e-sorpresa-lartiglio-del-leone.html

    ha scritto il 

  • 4

    Qui la recensione completa : http://bookland89.blogspot.it/2012/04/recensione-lartig…

    L'artiglio del leone, grazie ad una organizzazione meticolosa e allo stile dell'autore, è un ottimo esempio di romanzo storico ben strutturato e coinvolgente.......
    ....Parlan ...continua

    Qui la recensione completa : http://bookland89.blogspot.it/2012/04/recensione-lartiglio-del-leone-di-cw.html

    L'artiglio del leone, grazie ad una organizzazione meticolosa e allo stile dell'autore, è un ottimo esempio di romanzo storico ben strutturato e coinvolgente.......
    ....Parlando in generale, il libro mi è piaciuto: è scritto bene, la trama è coinvolgente, i personaggi sono ben delineati e le ambientazioni e gli avvenimenti storici dell'epoca sono ben descritti.
    Durante a lettura mi ha molto colpito il modo in cui l'autore descrive il carisma e la forte presenza di Elisabetta e cioè colei che diventerà una delle più grandi regine d'Inghilterra. In apparenza sembra una ragazza fragile e sottomessa, anche se imprevedibile, in realtà è una donna indipendente e volitiva che sa come raggiungere il suo scopo finale. I suoi modi di fare, i suoi atteggiamente quasi incoerenti, stregano a tal punto Brendan e coloro che la circondano, da far sì di essere sempre aiutata e sostenuta.
    Insomma il mio parere è decisamente positivo anche se come al solito non sono completamente soddisfatta e voglio parlarvi di alcune cose che non mi sono piaciute in toto......

    ha scritto il