L'assassinio di Roger Ackroid

Di

Editore: Mondadori

4.2
(2828)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 256 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Spagnolo , Tedesco , Francese , Svedese , Ceco , Sloveno , Portoghese , Catalano , Olandese , Basco , Polacco , Ungherese

Isbn-10: A000096847 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , CD audio , eBook

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace L'assassinio di Roger Ackroid?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Ho letto questo giallo appena dopo " Dieci piccoli indiani " ,non l'ho trovato all'altezza del suddetto ,forse è perchè al contrario di tanti lettori non sopporto Poirot. Non nego che non sia un buon ...continua

    Ho letto questo giallo appena dopo " Dieci piccoli indiani " ,non l'ho trovato all'altezza del suddetto ,forse è perchè al contrario di tanti lettori non sopporto Poirot. Non nego che non sia un buon giallo ,ma non l'ho trovato eccezionale come mi era stato descritto e immaginavo.Dico sempre che la lettura e il giudizio su un libro è una cosa molto soggettiva,quello che per me è un giallo come tanti per un altro lettore è un giallo geniale e penso che debba essere così!!A ognuno la propria opinione .

    ha scritto il 

  • 5

    In una piccola comunità del Regno Unito, dove tutti si conoscono e sanno tutto di tutti, la morte di una donna mette in moto il passatempo preferito dei membri della comunità: il pettegolezzo.

    In part ...continua

    In una piccola comunità del Regno Unito, dove tutti si conoscono e sanno tutto di tutti, la morte di una donna mette in moto il passatempo preferito dei membri della comunità: il pettegolezzo.

    In particolar modo ciò avviene nella casa del dottore del piccolo paesino, il dottor Sheppard. Egli infatti, coabita con la sorella Caroline, la quale conosce tutto, pur non uscendo mai di casa. Come dice il dottor Sheppard, è il pettegolezzo che va a cercare Caroline.

    Caroline è convinta che la signora abbia ucciso prima il marito e che adesso si sia suicidata per il senso di colpa. Scopriremo presto che Caroline non è poi così lontana dalla verità…

    Intanto la situazione si complica e anche Roger Ackroyd, che, a detta di tutti, aveva intrapreso una relazione sentimentale proprio con la donna appena morta, viene pugnalato nel suo studio, in un arco brevissimo di tempo e con la casa piena di gente.

    Chi sarà il crudele assassino? Il compito di rispondere a questa domanda verrà affidato al misterioso vicino di casa degli Sheppard, che altri non è, se non il celeberrimo investigatore Hercule Poirot.

    Tutti i membri della comunità, ognuno dei quali nasconde qualcosa, proverà, comunque, a risolvere l’enigma. Ma nessuno di essi, nemmeno l’ispettore della polizia, ufficialmente incaricato dell’indagine, sarà in grado di trovare l’assassino. Solo Poirot è attentissimo ai minimi dettagli.

    Intrigante, affascinante, delizioso, magistrale giallo.

    Non avevo mai letto Agatha Christie e devo ammettere che è riuscita a farmi strabuzzare gli occhi dall’incredulità.

    ha scritto il 

  • 5

    Poirot, dopo la partenza dell'amico e socio Hastings per il Sud America e la conseguente chiusura della loro "agenzia" di investigazioni private (delle cui indagini trattano i numerosi racconti scritt ...continua

    Poirot, dopo la partenza dell'amico e socio Hastings per il Sud America e la conseguente chiusura della loro "agenzia" di investigazioni private (delle cui indagini trattano i numerosi racconti scritti dalla Christie negli anni '20), si è trasferito in campagna, a King's Abbot, a coltivare zucche. Ma proprio nel suo nuovo villaggio viene compiuto un delitto e Poirot accetta di aiutare la polizia a risolvere il caso (va detto che non ne poteva già più del giardinaggio).
    Non aggiungo altro sulla trama, anche perché è un romanzo famosissimo.
    Se, tra tutti i gialli di Agatha Christie, dovessi sceglierne uno in cui oltre alla bravura si vede in pieno il genio della scrittrice inglese, be', sarebbe questo.
    Bello, bello, bello. Riletto dopo tanti anni e sempre una delizia.
    5 stelline piene.

    PS: ovviamente si tratta de "L'assassinio di Roger Ackroyd", che però per diversi anni è stato edito da Mondadori con questo titolo, "Dalle nove alle dieci", che non sarebbe brutto in sé, ma non vedo perché si sia sentito il bisogno di allontanarsi dalla semplice e sacrosanta traduzione letterale di "The Murder of Roger Ackroyd". Per fortuna a un certo punto chi di dovere ha messo fine a questa cosa e il lettore delle nuove edizioni vede il nome di Ackroyd in copertina. Evviva.

    ha scritto il 

  • 5

    La Christie rimane sempre la giallista migliore

    Dopo anni e anni dall'ultima volta che avevo letto un suo libro, una piacevole riscoperta, un bel giallo, ben costruito, non così' prevedibile e scritto bene, con minuzia ma mai noioso

    ha scritto il 

  • 4

    Ne ho combinata una delle mie con questo giallo di Agatha Christie: arrivo a casa col libro fresco di biblioteca, faccio scorrere le pagine e l'occhio mi cade... orrore!!!... sul nome dell'assassino!
    ...continua

    Ne ho combinata una delle mie con questo giallo di Agatha Christie: arrivo a casa col libro fresco di biblioteca, faccio scorrere le pagine e l'occhio mi cade... orrore!!!... sul nome dell'assassino!
    E così l'ho letto tutto sapendo già chi fosse il colpevole (non vi preoccupate, non ve lo dirò :-P) e nonostante ciò, arrivata alla fine non avevo colto gli indizi che vengono addotti a motivazione del colpevole (anche se un certo discorsetto di Poirot ad un certo punto, se guardato con gli occhi giusti, poteva indicare chiaramente chi fosse l'assassino).
    A parte questa "svista", l'ho trovato un libro davvero gradevole e con una bella idea narrativa.

    ha scritto il 

  • 5

    Poirot & le celluline grigie

    Le parole, se usate bene, a volte nascondono lo squallore dei fatti

    C'è solo una parola che mi viene in mente ed è GENIALE! assolutamente! Le 5* sono proprio per questo. E non aggiungo altro, solo L ...continua

    Le parole, se usate bene, a volte nascondono lo squallore dei fatti

    C'è solo una parola che mi viene in mente ed è GENIALE! assolutamente! Le 5* sono proprio per questo. E non aggiungo altro, solo LEGGETELO se come me ancora non lo avete fatto.
    Il ricco Roger Ackroyd viene trovato morto nella sua villa. Il paese è piccolo, la gente mormora, tutti sanno tutto di tutti e intorno a questa morte si sviluppa una ragnatela di indizi che incrimina tutti o nessuno. Bellissimo.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per