Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'assassinio di Roger Ackroyd

I grandi gialli di Agatha Christie

Di

Editore: Hachette

4.2
(2687)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 223 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Spagnolo , Tedesco , Francese , Ceco , Sloveno , Portoghese , Catalano , Olandese

Isbn-10: A000016635 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Giuseppe Motta

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Tascabile economico , CD audio , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace L'assassinio di Roger Ackroyd?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    "Ognuno di voi ha qualche cosa da nascondere"

    E'il primo romanzo della Christie in cui mi imbatto, in particolare il primo giallo che leggo in assoluto, Beh, nonostante sia più appassionato dei gialli-thriller (che oltre a farti seguire una storia ti immergono in tante realtà mentali con cui confrontarti) devo ammettere che un romanzo del ge ...continua

    E'il primo romanzo della Christie in cui mi imbatto, in particolare il primo giallo che leggo in assoluto, Beh, nonostante sia più appassionato dei gialli-thriller (che oltre a farti seguire una storia ti immergono in tante realtà mentali con cui confrontarti) devo ammettere che un romanzo del genere ti fa stare incollato alle pagine per sapere come va a finire.....

    UN CONSIGLIO: SE VOLETE SPERARE DI INDOVINARE CHI SIA L'ASSASSINO, LEGGETELO MOLTO...MA MOLTO LENTAMENTE................

    ha scritto il 

  • 5

    Nel momento in cui dovevo dare le stelline, mi ricordo di aver esitato un attimo nel metterne 5. C'era qualcosa che non andava, come un piccolo intoppo che me lo impediva. Poi ho identificato quel qualcosa: era la sensione di rodere, anzi "rosicare" (non so se si tratta di regionalismo o meno). P ...continua

    Nel momento in cui dovevo dare le stelline, mi ricordo di aver esitato un attimo nel metterne 5. C'era qualcosa che non andava, come un piccolo intoppo che me lo impediva. Poi ho identificato quel qualcosa: era la sensione di rodere, anzi "rosicare" (non so se si tratta di regionalismo o meno). Perché mi sono fatta prendere in giro dalla Christie per la terza volta, e ancora di più perché continuerò a farlo! Allora se è tutto qui....5!

    ha scritto il 

  • 4

    Ancora una volta Agatha Christie torna a colpire con un geniale romanzo giallo. "L'assassinio di Roger Ackroid", intitolato anche in alcune edizioni italiane "Dalle nove alle dieci", è stato giudicato da moltissimi l'opera di più alto livello è meglio studiata della giallista più famosa al mondo, ...continua

    Ancora una volta Agatha Christie torna a colpire con un geniale romanzo giallo. "L'assassinio di Roger Ackroid", intitolato anche in alcune edizioni italiane "Dalle nove alle dieci", è stato giudicato da moltissimi l'opera di più alto livello è meglio studiata della giallista più famosa al mondo, nonostante non sia tra le più famose. Troviamo di nuovo il mitico investigatore belga Hercule Poirot a capo delle minuziose indagini che ci sveleranno l'identità inaspettata dell'assassino.
    Un mistero complicato con dichiarazioni false che non quadrano è l'impressione che ci dà la Christie, ma nella testa di Poirot ogni cosa si incastra perfettamente con l'altra, proprio come in un puzzle. Assolutamente un giallo da non perdersi!

    ha scritto il 

  • 4

    Ottima come al solito l'autrice, ha uno stile di scrittura notevole e molto accattivamente, anche se in questo caso per quanto cerchi in tutti i modi di traviare il lettore dal reale assassino, questi è facilmente identificabile già dalle prime pagine del libro.

    ha scritto il 

  • 5

    Capolavoro

    Sono da sempre un'appassionata del genere e una lettrice assidua dei gialli di Agatha Christie, ma non avevo mai letto questo libro prima.
    Grazie a una delle sfide di anobii ho scoperto un'altra opera di genialità della Christie e tanta è stata la soddisfazione di aver scoperto l'assassino ...continua

    Sono da sempre un'appassionata del genere e una lettrice assidua dei gialli di Agatha Christie, ma non avevo mai letto questo libro prima.
    Grazie a una delle sfide di anobii ho scoperto un'altra opera di genialità della Christie e tanta è stata la soddisfazione di aver scoperto l'assassino proprio sulla base del percorso logico che la scrittrice delinea e fa seguire a Poirot.
    Assolutamente eccezionale e da leggere!

    ha scritto il 

  • 5

    Colpo di scena finale

    Ritengo che - insieme a Assassinio sull'Orient Express e Poirot sul NIlo - sia uno dei capolavori della Christie dedicati al piccolo investigatore belga.
    Imperdibile il colpo di scena finale (che, ovviamente, non svelo), ancora più "colpo di scena" del solito: si potrebbe definire "colpissi ...continua

    Ritengo che - insieme a Assassinio sull'Orient Express e Poirot sul NIlo - sia uno dei capolavori della Christie dedicati al piccolo investigatore belga.
    Imperdibile il colpo di scena finale (che, ovviamente, non svelo), ancora più "colpo di scena" del solito: si potrebbe definire "colpissimo di scena".

    ha scritto il 

  • 5

    Blog Stories Review: http://storiesbooksandmovies.blogspot.it/2014/10/l-di-r…

    Finalmente l'ho letto. Finalmente ho capito chi è questo fantomatico signor Roger Ackroyd, il cui nome occupa buona parte del titolo. Mi capita spesso di essere incuriosita da un l ...continua

    Blog Stories Review: http://storiesbooksandmovies.blogspot.it/2014/10/l-di-roger-ackroyd-agatha-christie.html

    Finalmente l'ho letto. Finalmente ho capito chi è questo fantomatico signor Roger Ackroyd, il cui nome occupa buona parte del titolo. Mi capita spesso di essere incuriosita da un libro che nel titolo include il nome di un ipotetico personaggio: è come se si alzasse un velo di mistero intorno al libro. In questo caso, l'atmosfera è più che adatta: è semplicemente perfetta! Insomma, insieme alle numerose 'libresche' ricevute in passato, tutto ciò mi ha convinto ad avventurarmi tra le pagine di questa nuova avventura del baffuto Poirot, firmata ovviamente Agatha Christie.

    Ma perchè questo libro è entrato nella storia del giallo? Mistero! No, credo di aver trovato una risposta a questo difficile quesito che spesso si dà per scontato. In questo celebre volume delle avventure del detective belga più famoso di sempre la prospettiva è ingannevole. Poirot compare solamente nella seconda parte, dopo una lunga ed accurata descrizione dei fatti. In una piccola cittadina della provincia inglese, la monotona quotidianità viene scossa da una morte inspiegabile, quella del rispettato signor Roger Ackroyd. Il fatto avviene una sera in cui molti familiari ed amici del defunto erano presenti nella sua dimora. Tutti sono possibili assassini ma soprattutto su un assente ricadono i sospetti: Ralph Paton, il figliastro di Roger dal carattere burrascoso.

    L'intera vicenda viene narrata con gli occhi del dottor Sheppard, personaggio di riferimento per tutti gli abitanti della piccola cittadina. Con il suo lavoro raccoglie confidenze e timori di tutti i suoi pazienti. Anche la frizzante sorella conosce ogni piccolo dettaglio della vita della ristretta comunità. Insomma, il medico sembra essere il perfetto aiutante di Poirot, chiamato a risolvere questo strano crimine. Hercule inizierà così a portare alla luce ogni minimo segreto sepolto nel passato di ogni sospettato.

    Una lettura che non può mancare nel repertorio di un appassionato del genere. E' quasi impossibile parlare di questo libro senza fare troppe rivelazione. Tuttavia, ho fatto il possibile per non parlare troppo. Sottolineo che questo romanzo è stato scritto in modo magistrale: la Christie descrive perfettamente le dinamiche delle piccole comunità in cui chiunque si improvvisa detective per risolvere un mistero, un evento tanto triste quanto straordinario, che si cerca di spiegare anche con l'aiuto di vecchi pettegolezzi.

    ha scritto il 

Ordina per