Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'assassinio di Roger Ackroyd

I grandi gialli di Agatha Christie

Di

Editore: Hachette

4.2
(2713)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 223 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Spagnolo , Tedesco , Francese , Ceco , Sloveno , Portoghese , Catalano , Olandese

Isbn-10: A000016635 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Giuseppe Motta

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Tascabile economico , CD audio , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace L'assassinio di Roger Ackroyd?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Chi sarà questa volta l'assassino a cui dà la caccia un Hercule Poirot ormai in 'pensione'? La scoperta del colpevole questa volta distrugge il lettore sul piano della costruzione narrativa. Finito qu ...continua

    Chi sarà questa volta l'assassino a cui dà la caccia un Hercule Poirot ormai in 'pensione'? La scoperta del colpevole questa volta distrugge il lettore sul piano della costruzione narrativa. Finito questo libro sarà impossibile per molto tempo fidarsi di un narratore.

    ha scritto il 

  • 5

    ✰✰✰✰✰ eccellente

    Nel 1963 io e il mio ragazzo fummo presi da incantamento: ci fissammo con i gialli di Agatha Christie e di S.S.Van Dine.
    Si trovavano solo sulle bancarelle dell’usato: uno perché i romanzi erano uscit ...continua

    Nel 1963 io e il mio ragazzo fummo presi da incantamento: ci fissammo con i gialli di Agatha Christie e di S.S.Van Dine.
    Si trovavano solo sulle bancarelle dell’usato: uno perché i romanzi erano usciti solo nel Gialli Mondadori, due perché bisognava tener conto dell’esiguità delle disponibilità economiche.
    Mezz’ore passate a scartabellare centinaia di gialli e quando vedevamo il nome, un tonfo nel cervello: un altro piccolo gioiello trovato!
    Più erano vecchi e più c’intrippavano.

    Per Van Dine andò abbastanza bene, visto che i titoli erano pochi, ma la Christie ci diede filo da torcere. Due titoli soprattutto sembravano scomparsi dalle cantine dei venditori: L’assassinio di Roger Ackroyd e E poi non rimase nessuno.
    Dovetti aspettare fino al 1969 e al 1974 per averli, nuovi. Nell’intervallo di tempo intercorso la relazione amorosa finì, ma non la passione per Agatha.

    Ad un certo momento ricorsi anche agli Omnibus, ma certo il piacere di leggere i vecchi gialli su due colonne …..

    Lo so, dovrei farmi curare: queste sono proprio fissazioni, ma ormai è tardi.
    Ci penseranno gli eredi a buttarli nella spazzatura perché, come dice Mari, mai per nessun altro avranno il medesimo significato.

    Il narratore stavolta è il medico di un piccolo villaggio. Piccolo ma non esente da peccato.
    Un delitto, se ci fu, commesso un anno prima dell’inizio della storia, uno fresco di giornata ed uno che si compirà a breve.
    La presenza di Poirot è del tutto casuale e una nemesi per il colpevole.
    Raccontare qualcosa sarebbe oltremodo scorretto e sbirciare la fine sarebbe barare, anche se nessuno vede.

    05.04.2015

    ha scritto il 

  • 5

    Sfrontatezza

    In questo libro Agatha Christie è più sfrontata che mai, tessendo una trama ingegnosa, senza nulla lasciato al caso, sorprendendo anche il più attento lettore. Uno dei capolavori assoluti dell'autrice ...continua

    In questo libro Agatha Christie è più sfrontata che mai, tessendo una trama ingegnosa, senza nulla lasciato al caso, sorprendendo anche il più attento lettore. Uno dei capolavori assoluti dell'autrice, nonchè uno dei più grandi gialli mai scritti.

    ha scritto il 

  • 5

    Sfido io...

    ...a trovare un lettore che non sia stato fregato dall'autrice nel finale di questo libro, davvero sorprendente. C'è poco da dire, dopo aver letto questo libro, a cui ho dato chiaramente cinque stelle ...continua

    ...a trovare un lettore che non sia stato fregato dall'autrice nel finale di questo libro, davvero sorprendente. C'è poco da dire, dopo aver letto questo libro, a cui ho dato chiaramente cinque stelle, mi pento di averne date altrettante ad altri libri di ben minor spessore, in futuro starò più attento.

    Se non lo avete ancora letto, fatelo, non ve ne pentirete!

    ha scritto il 

  • 4

    "Ognuno di voi ha qualche cosa da nascondere"

    E'il primo romanzo della Christie in cui mi imbatto, in particolare il primo giallo che leggo in assoluto, Beh, nonostante sia più appassionato dei gialli-thriller (che oltre a farti seguire una stori ...continua

    E'il primo romanzo della Christie in cui mi imbatto, in particolare il primo giallo che leggo in assoluto, Beh, nonostante sia più appassionato dei gialli-thriller (che oltre a farti seguire una storia ti immergono in tante realtà mentali con cui confrontarti) devo ammettere che un romanzo del genere ti fa stare incollato alle pagine per sapere come va a finire.....

    UN CONSIGLIO: SE VOLETE SPERARE DI INDOVINARE CHI SIA L'ASSASSINO, LEGGETELO MOLTO...MA MOLTO LENTAMENTE................

    ha scritto il 

  • 5

    Nel momento in cui dovevo dare le stelline, mi ricordo di aver esitato un attimo nel metterne 5. C'era qualcosa che non andava, come un piccolo intoppo che me lo impediva. Poi ho identificato quel qua ...continua

    Nel momento in cui dovevo dare le stelline, mi ricordo di aver esitato un attimo nel metterne 5. C'era qualcosa che non andava, come un piccolo intoppo che me lo impediva. Poi ho identificato quel qualcosa: era la sensione di rodere, anzi "rosicare" (non so se si tratta di regionalismo o meno). Perché mi sono fatta prendere in giro dalla Christie per la terza volta, e ancora di più perché continuerò a farlo! Allora se è tutto qui....5!

    ha scritto il 

  • 4

    Ancora una volta Agatha Christie torna a colpire con un geniale romanzo giallo. "L'assassinio di Roger Ackroid", intitolato anche in alcune edizioni italiane "Dalle nove alle dieci", è stato giudicato ...continua

    Ancora una volta Agatha Christie torna a colpire con un geniale romanzo giallo. "L'assassinio di Roger Ackroid", intitolato anche in alcune edizioni italiane "Dalle nove alle dieci", è stato giudicato da moltissimi l'opera di più alto livello è meglio studiata della giallista più famosa al mondo, nonostante non sia tra le più famose. Troviamo di nuovo il mitico investigatore belga Hercule Poirot a capo delle minuziose indagini che ci sveleranno l'identità inaspettata dell'assassino.
    Un mistero complicato con dichiarazioni false che non quadrano è l'impressione che ci dà la Christie, ma nella testa di Poirot ogni cosa si incastra perfettamente con l'altra, proprio come in un puzzle. Assolutamente un giallo da non perdersi!

    ha scritto il 

  • 4

    Ottima come al solito l'autrice, ha uno stile di scrittura notevole e molto accattivamente, anche se in questo caso per quanto cerchi in tutti i modi di traviare il lettore dal reale assassino, questi ...continua

    Ottima come al solito l'autrice, ha uno stile di scrittura notevole e molto accattivamente, anche se in questo caso per quanto cerchi in tutti i modi di traviare il lettore dal reale assassino, questi è facilmente identificabile già dalle prime pagine del libro.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per