L'elefante scomparso

e altri racconti

Di

Editore: Einaudi

3.6
(1614)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 311 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Giapponese , Tedesco , Olandese , Francese , Svedese , Portoghese

Isbn-10: 8806191357 | Isbn-13: 9788806191351 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Antonietta Pastore

Disponibile anche come: Tascabile economico , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace L'elefante scomparso?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In un giorno d'estate soffocante, un avvocato si mette alla ricerca del suo gatto e in un giardino abbandonato dietro casa incontra una strana ragazza. Una giovane coppia decide di fare uno spuntino notturno e assalta un McDonald's per avere trenta Big Mac, realizzando così un segreto desiderio adolescenziale del marito. Nel racconto che da il titolo al libro, un uomo è ossessionato dalla incredibile, misteriosa scomparsa di un elefante dallo zoo del paese. E poi ancora una curiosa digressione sui canguri, un uomo che incendia granai per il gusto di vederli bruciare e le introspezioni di una giovane madre afflitta da insonnia.
Ordina per
  • 3

    Ho letto questo libro di racconti di Murakami perché mi era piaciuto moltissimo "La fine del Mondo e il Paese delle Meraviglie" e il titolo "L'Elefante Scomparso" mi ha subito attirata. Però alcuni ra ...continua

    Ho letto questo libro di racconti di Murakami perché mi era piaciuto moltissimo "La fine del Mondo e il Paese delle Meraviglie" e il titolo "L'Elefante Scomparso" mi ha subito attirata. Però alcuni racconti mi hanno lasciata un pò perplessa. Se per alcuni ho provato forti emozioni, altri li ho trovati piatti, senza suscitare in me alcuna reazione. Non capisco. Certo Murakami è un visionario, ma davvero alcuni non li ho capiti. Quelli che mi sono piaciuti di piu: "Il Nano Ballerino" (*****), "L'Elefante Scomparso" (****), "Il Secondo Assalto ad una Panetteria" (*****), "Il Mostriciattolo Verde" (****) - la protagonista l'ho odiata con tutta me stessa- e "Silenzio" (*****). Ho trovato che con "Sonno" l abbia tirata un pò per le lunghe. Non getterò la spugna con Murakami. Leggerò comunque altri suoi libri.

    ha scritto il 

  • 2

    Sempre più convinto che Murakami scriva per trollare il lettore.
    Il problema è che non sempre gli riesce bene, anzi...

    - Una lenta nave per la Cina: ★½
    - Granai incendiati: ★★
    - Il nano ballerino: ★★★ ...continua

    Sempre più convinto che Murakami scriva per trollare il lettore.
    Il problema è che non sempre gli riesce bene, anzi...

    - Una lenta nave per la Cina: ★½
    - Granai incendiati: ★★
    - Il nano ballerino: ★★★
    - Il messaggio del canguro: ★½
    - Vedendo una ragazza perfetta al 100% in una bella mattina di aprile: ★★
    - Le piace Burt Bacharach?: ★★
    - L'ultimo prato del pomeriggio: ★★
    - Lederhosen: ★★½
    - L'elefante scomparso: ★★
    - Il secondo assalto a una panetteria: ★★★
    - Il mondo del vento scatenato: ★★
    - Affare di famiglia: ★★½
    - L'uccello gira-viti e le donne del martedì ★★★
    - Sonno ★★½
    - Gli uomini tv ★★½
    - Il mostriciattolo verde ★★★
    - Silenzio ★★½

    ha scritto il 

  • 3

    Una serie di racconti semplici, senza troppe pretese o colpi di scena... momenti di vita, a volte più surreali, altre volte più comuni a tutti noi. Piacevole nella lettura.

    ha scritto il 

  • 3

    -The Wind-up Bird and Tuesday's Women *****

    - The Second Bakery Attack *****

    - The kangaroo communiqué ****

    -On seeing the 100% perfect girl one beautiful April morning *************** :)

    - Sleep ** ...continua

    -The Wind-up Bird and Tuesday's Women *****

    - The Second Bakery Attack *****

    - The kangaroo communiqué ****

    -On seeing the 100% perfect girl one beautiful April morning *************** :)

    - Sleep **

    ha scritto il 

  • 2

    racconti al limite dell'assurdo, personaggi totalmente fuori di testa. Nessun punto di incontro, nessun filo logico. E' stata la mia prima lettura di Murakami e mi ha lasciato un po' di amaro in bocca ...continua

    racconti al limite dell'assurdo, personaggi totalmente fuori di testa. Nessun punto di incontro, nessun filo logico. E' stata la mia prima lettura di Murakami e mi ha lasciato un po' di amaro in bocca

    ha scritto il 

  • 4

    Una lenta nave per la Cina: *** 1/2
    Granai incendiati: ****
    Il nano ballerino: ****
    Il messaggio del canguro: ***
    Vedendo una ragazza perfetta al 100% in una bella mattina di aprile: ***
    Le piace Burt ...continua

    Una lenta nave per la Cina: *** 1/2
    Granai incendiati: ****
    Il nano ballerino: ****
    Il messaggio del canguro: ***
    Vedendo una ragazza perfetta al 100% in una bella mattina di aprile: ***
    Le piace Burt Bacharach: ****
    L'ultimo prato del pomeriggio: ****
    Lederhosen: ***
    L'elefante scomparso: ****
    Il secondo assalto ad una panetteria: ***
    Il mondo del vento scatenato: ** 1/2
    Affare di famiglia: ***
    L'uccello-giraviti e le donne del martedì: *** 1/2
    Sonno: ***
    Gli uomini tv: ***
    Il mostriciattolo verde: ***
    Silenzio: ****

    ha scritto il 

  • 2

    Mah!

    Sono tutti dei racconti, un pò tutti particolari, che a volte lasciano intravedere dei punti di contatto (che io speravo, che poi avessero magari un pò di senso legati) ma invece muoiono li, come molt ...continua

    Sono tutti dei racconti, un pò tutti particolari, che a volte lasciano intravedere dei punti di contatto (che io speravo, che poi avessero magari un pò di senso legati) ma invece muoiono li, come molti di essi, alcuni più decenti ci sono, ma poca roba... mi ha deluso molto.

    ha scritto il 

  • 3

    Murakami è uno scrittore che ha su di me un effetto particolare. Mi calma, mi distende, le sue storie mi scivolano addosso come una calda coperta in inverno. Stranamente non mi importa molto del conte ...continua

    Murakami è uno scrittore che ha su di me un effetto particolare. Mi calma, mi distende, le sue storie mi scivolano addosso come una calda coperta in inverno. Stranamente non mi importa molto del contenuto delle sue storie basta che che continui a regalarmi questa sensazione di piacevole torpore. La raccolta, come già evidenziato da molti altri lettori, non mantiene sempre lo stesso livello: alcuni racconti non brillano pur intrattenendo piacevolmente ma disseminate qui e là troviamo vere perle come "Sonno" e soprattutto "Silenzio".

    ha scritto il 

Ordina per