Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'eleganza del riccio

Di

Editore: Mondolibri

3.9
(24728)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 321 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Spagnolo , Catalano , Inglese , Chi tradizionale , Tedesco , Portoghese , Svedese , Galego , Slovacco , Russo , Olandese , Finlandese , Sloveno , Ceco

Isbn-10: A000120467 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Emanuelle Caillat , Cinzia Poli

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , CD audio , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Philosophy

Ti piace L'eleganza del riccio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Parigi, rue de Grenelle numero 7. Un elegante palazzo abitato da famiglie dell'alta borghesia. Ci vivono ministri, burocrati, maitres à penser della cultura culinaria. Dalla sua guardiola assiste allo scorrere di questa vita di lussuosa vacuità la portinaia Renée, che appare in tutto e per tutto conforme all'idea stessa della portinaia: grassa, sciatta, scorbutica e teledipendente. Niente di strano, dunque. Tranne il fatto che, all'insaputa di tutti, Renée è una coltissima autodidatta che adora l'arte, la filosofia, la musica, la cultura giapponese. Cita Marx, Proust, Kant... dal punto di vista intellettuale è in grado di farsi beffe dei suoi ricchi e boriosi padroni. Ma tutti nel palazzo ignorano le sue raffinate conoscenze, che lei si cura di tenere rigorosamente nascoste, dissimulandole con umorismo sornione. Poi c'è Paloma, la figlia di un ministro ottuso; dodicenne geniale, brillante e fin troppo lucida che, stanca di vivere, ha deciso di farla finita (il 16 giugno, giorno del suo tredicesimo compleanno). Fino ad allora continuerà a fingere di essere una ragazzina mediocre e imbevuta di sottocultura adolescenziale come tutte le altre, segretamente osservando con sguardo critico e severo l'ambiente che la circonda. Due personaggi in incognito, quindi, diversi eppure accomunati dallo sguardo ironicamente disincantato, che ignari l'uno dell'impostura dell'altro, si incontreranno solo grazie all'arrivo di monsieur Ozu, un ricco giapponese, il solo che saprà smascherare Renée.
Ordina per
  • 2

    Pfua....

    Vox populi, vox dei...mai pensato.L'ennesima riprova ne è la mia sorpresa nel constatare che sia stato un grandissimo successo di pubblico un libro noiosissimo: L'eleganza del riccio...Lessico affetta ...continua

    Vox populi, vox dei...mai pensato.L'ennesima riprova ne è la mia sorpresa nel constatare che sia stato un grandissimo successo di pubblico un libro noiosissimo: L'eleganza del riccio...Lessico affettato, protagoniste irritanti ed impossibilitate, col loro comportamento fuori di testa, a suscitare umana empatia, storia soporifera...Finirò a fatica le ultime pagine solo per non dartela vinta...ma ti detesto, ti detesto profondamente Muriel dei miei stivali!!!

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro donde realmente la acción es nula, apenas pasa nada en todo el relato. Pedante y muy muy snob por momentos, lo compensa siendo corto y entretenido.
    En definitiva, no pasará a los anales de la ...continua

    Un libro donde realmente la acción es nula, apenas pasa nada en todo el relato. Pedante y muy muy snob por momentos, lo compensa siendo corto y entretenido.
    En definitiva, no pasará a los anales de la literatura ni mucho menos pero se deja leer.

    ha scritto il 

  • 3

    Ancora oggi non riesco a dare un parere sicuro su questo romanzo. In alcune parti sono stata travolta ed emozionata da quelle parole così belle e ben scritte. Se invece penso al romanzo nella sua tota ...continua

    Ancora oggi non riesco a dare un parere sicuro su questo romanzo. In alcune parti sono stata travolta ed emozionata da quelle parole così belle e ben scritte. Se invece penso al romanzo nella sua totalità non sono rimasta estremamente soddisfatta. Credo di dovergli dare un'altra possibilità.
    "In realtà temiamo il domani solo perché non sappiamo costruire il presente e quando non sappiamo costruire il presente ci illudiamo che saremo capaci di farlo domani, e rimaniamo fregati perché domani finisce sempre per diventare oggi."

    ha scritto il 

  • 1

    ?

    Ho abbandonato la lettura dopo essere giunto con grande fatica a pagina 108; da quel punto, saltellando di pagina in pagina (a decine), ho cercato nel libro se ci fosse il punto in cui la narrazione m ...continua

    Ho abbandonato la lettura dopo essere giunto con grande fatica a pagina 108; da quel punto, saltellando di pagina in pagina (a decine), ho cercato nel libro se ci fosse il punto in cui la narrazione mi avrebbe potuto dare il via, dove fosse stato più fluido, dove il filosofeggiare della portinaia fosse meno insistente, ma nulla: non m'è piaciuto, per me è un libro noioso e pesante.
    Ma perchè l'ho acquistato anni fa?

    ha scritto il 

  • 4

    Oh!...

    300 pagine di buone intenzioni alla film-di-produzione-hollywoodiana-protagonista-Julia Roberts, condite da sporadici e sorprendenti momenti di rivelazione e risposte a misteriosi perché [tra i quali ...continua

    300 pagine di buone intenzioni alla film-di-produzione-hollywoodiana-protagonista-Julia Roberts, condite da sporadici e sorprendenti momenti di rivelazione e risposte a misteriosi perché [tra i quali il perché della filosofia che ormai mi esaspera].
    Poi arriva il finale. Lì mi è esploso il libro tra le mani e ho pianto come chi ama le buone intenzioni piange davanti a un film con Julia Roberts. Ma erano lacrime che venivano da più sotto. Una spanna più in profondità.

    ha scritto il 

  • 4

    Una storia proprio carina che merita la fama che ha. Qualche digressione filosofica specie all'inizio potrebbe far calare l'attenzione ma vale la pena superare l'ostacolo per avere in cambio tutto il ...continua

    Una storia proprio carina che merita la fama che ha. Qualche digressione filosofica specie all'inizio potrebbe far calare l'attenzione ma vale la pena superare l'ostacolo per avere in cambio tutto il meritevole resto. Inevitabile amare e immedesimarsi nella cara Renée, erudita lettrice nascosta sotto mentite spoglie di portinaia.

    ha scritto il 

  • 4

    L'eleganza del riccio non ha un vero e proprio intreccio, è per gran parte una successione di pensieri delle due protagoniste nella loro ricerca di un senso da dare all'esistenza: è un libello di filo ...continua

    L'eleganza del riccio non ha un vero e proprio intreccio, è per gran parte una successione di pensieri delle due protagoniste nella loro ricerca di un senso da dare all'esistenza: è un libello di filosofia travestito da racconto, dietro le cui argomentazioni, condotte in modo sciolto e immediato sebbene richiamino il pensiero di secoli e secoli di storia del pensiero umano, si coglie l'evoluzione delle vicende di Renée e Paloma, che iniziano a delineare una storia degna di tale definizione solo con l'arrivo di Kakuro, che ha quasi il ruolo di una chiave che mette in moto la nuova vita delle due anime gemelle.
    http://athenaenoctua2013.blogspot.it/2015/07/leleganza-del-riccio-barbery.html

    ha scritto il 

  • 0

    Non mi è piaciuto molto... ho stretto i denti e ho continuato fino alla fine... dopo più della metà comincia a diventare più interessante, ed alla fine ti commuove pure. Però non è un libro che ti pre ...continua

    Non mi è piaciuto molto... ho stretto i denti e ho continuato fino alla fine... dopo più della metà comincia a diventare più interessante, ed alla fine ti commuove pure. Però non è un libro che ti prende a mio avviso...

    ha scritto il 

Ordina per