Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'era dell'accesso

La rivoluzione della new economy

Di

Editore: Mondadori (Saggi. Frontiera)

3.9
(304)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 405 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8804478039 | Isbn-13: 9788804478034 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Paolo Canton

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico

Genere: Business & Economics , Computer & Technology , Social Science

Ti piace L'era dell'accesso?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In questo libro Rifkin analizza le strutture organizzative dell'economia dellereti e i meccanismi dell'informazione caratteristici dell'era che si apre,evidenziando i rischi e le opportunità che si prospettano per lo sviluppodella società e l'emancipazione dell'uomo nel ventunesimo secolo. Da un latoil potere dei "nuovi tiranni" del progresso, i più grandi e importantiprovider internazionali, destinati a gestire l'eccesso a ogni attività e acontrollare la vita di ciascuno di noi in una società dove si accresce ildivario tra chi è "connesso" e chi non lo è; dall'altro la possibilità di unamaggiore diffusione della conoscenza, della democrazia e del benessere, el'affrancamento dalla "schiavitù" del lavoro.
Ordina per
  • 5

    "In un mondo in cui tutti sono coinvolti in reti commerciali di qualche genere e sono in costante rapporto attraverso canoni di leasing, partnership, abbonamenti, tariffe, il tempo diventa ...continua

    "In un mondo in cui tutti sono coinvolti in reti commerciali di qualche genere e sono in costante rapporto attraverso canoni di leasing, partnership, abbonamenti, tariffe, il tempo diventa integralmente tempo commerciale. Quando l'intera vita è un'esperienza a pagamento, la cultura si atrofizza e muore, lasciando i soli legami economici a tenere insieme la civiltà. Questa è la crisi della postmodernità." "La vita culturale, essendo un'esperienza condivisa fra individui, ha sempre posto la questione dell'accesso e dell'inclusione. O si è membri di una comunità e di una cultura, e perciò si ha accesso alla sua rete di conoscenze e relazioni condivise, o se ne è esclusi. Nell'economia delle reti, quanto più la cultura condivisa si frammenterà in esperienze a pagamento, tanto più i diritti di accesso usciranno dal dominio della sfera sociale per diventare di pertinenza della sfera economica. L'accesso non sarà più basato su criteri intrinsechi - tradizione, diritti di passaggio, relazioni familiari e di comunità, etnia, religione o genere - ma sul potere di acquisto."

    ha scritto il 

  • 5

    Nel 2000 - anno in cui è stato pubblicato - non l' avrei capito. Ora è esperienza quotidiana quel che allora era stato previsto.D'altronde nel 1980 ero andato un paio di mesi negli Usa e tornai con ...continua

    Nel 2000 - anno in cui è stato pubblicato - non l' avrei capito. Ora è esperienza quotidiana quel che allora era stato previsto.D'altronde nel 1980 ero andato un paio di mesi negli Usa e tornai con la convinzione che tre cose americane non avrebbero mai avuto successo in Italia: McDonald (abbiamo le pizzerie!) i centri commerciali (abbiamo i negozietti tipici della porta accanto!) e la Nike.

    ha scritto il 

  • 4

    Quali rischi e quali opportunità si prospettano per lo sviluppo della società e l'emancipazione dell'uomo nel ventunesimo secolo? Da un lato il potere dei "nuovi tiranni" del progresso, destinati a ...continua

    Quali rischi e quali opportunità si prospettano per lo sviluppo della società e l'emancipazione dell'uomo nel ventunesimo secolo? Da un lato il potere dei "nuovi tiranni" del progresso, destinati a gestire l'accesso a ogni attività e a controllare la vita di ciascuno di noi in una società dove si accresce il divario tra chi è "connesso" e chi non lo è; dall'altro la possibilità di una maggiore diffusione della conoscenza, della democrazia e del benessere, e l'affrancamento dalla "schiavitù" del lavoro: la lucida analisi di Rifkin tenta di dare un quadro e azzardare delle risposte. Consigliato da Fabiana!

    Lo trovi a BiblioScup! Lun-ven h.17.00-21.00

    ha scritto il 

  • 5

    Un libro profetico.

    Questo libro, scritto nel 2000, è riuscito a precorrere i tempi con uno straordinario margine di adesione a quello che è il mercato attuale. E' uno dei pochi libri a risultare SICURAMENTE molto ...continua

    Questo libro, scritto nel 2000, è riuscito a precorrere i tempi con uno straordinario margine di adesione a quello che è il mercato attuale. E' uno dei pochi libri a risultare SICURAMENTE molto più attuale nel 2012 rispetto all'anno di pubblicazione. Consigliatissimo a tutti coloro che vogliono riuscire a capire la direzione che sta continuando a percorrere il mercato mondiale!

    ha scritto il 

  • 3

    con 200 pagine in meno sarebbe un buon libro. Tante ripetizioni per dire che in futuro, forse già ora, lo status delle persone non sarà determinato dal numero di beni posseduto, ma dalla capacità ...continua

    con 200 pagine in meno sarebbe un buon libro. Tante ripetizioni per dire che in futuro, forse già ora, lo status delle persone non sarà determinato dal numero di beni posseduto, ma dalla capacità di queste ad accedere ai beni di lusso.

    ha scritto il