L'estate alla fine del secolo

Voto medio di 346
| 100 contributi totali di cui 78 recensioni , 21 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Ha scritto il 17/09/17
Ho una predilezione per i romanzi di formazione, specie quelli in cui la formazione è a tutto tondo. Qui non è solo il nonno a trasmettere un messaggio al nipote attraverso l'intensità dei suoi silenzi e le sue misurate parole, non è solo la ...Continua
Ha scritto il 05/08/17
Una storia per ragazzi ma anche per genitori ed educatori
L’Assenza. Essenzialmente si parla di questo nel racconto di Geda. Il momento in cui nel tentativo di estrema protezione giocata dai genitori l’unica soluzione che trovano è creare distanza, mettere tra loro e i figli uno spazio vuoto, un ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 13/05/17
Ingredienti: un dodicenne siciliano appassionato di fumetti, un sessantenne ligure solitario e laconico, l’estate del ’99 a farli conoscere e convivere, due infanzie in parallelo a 40 anni di distanza.Consigliato: a chi ha seminato il raccolto ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 05/11/16
Molto banalmente, l'ho letto perché la vicenda principale si svolge nella vallata di casa mia.L'ambientazione è abbastanza aderente e la storia è comunque godibile per tutti, anche se la premessa del nonno che sta dodici anni senza vedere il ...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 10/10/16
Bello

Ha scritto il Sep 17, 2017, 12:08
Ai saluti glicemici preferisco lo strappo
Pag. 269
Ha scritto il Sep 17, 2017, 12:07
Perché la vita mi frana accanto? Non addosso. Accanto.
Pag. 259
Ha scritto il Sep 17, 2017, 12:07
Perché non sei mai dove devi essere? Stai sempre lì a dire che tu fai quello che devi fare e bla bla bla, ma non è vero, ti parlo e non mi ascolti, ti chiedo aiuto e ti perdi. Perdi come un tubo bucato, hai l’attenzione che ti scorre via e non ...Continua
Pag. 254
Ha scritto il Sep 17, 2017, 12:06
Il treno è un luogo che mi si addice. Posso perdermi nello scorrere dell’esistente: case, luci, campi. Posso seguire con il dito le striature della pioggia contro il vetro, posso leggere un libro. Su un treno non sei da nessuna parte: sei energia ...Continua
Pag. 207
Ha scritto il Sep 17, 2017, 12:06
«Come fai a pensare che ogni volta che vedi una persona potrebbe essere l’ultima?»
Pag. 180

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Apr 22, 2016, 10:08
853.92 GED 16488 Letteratura italiana

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi