L'estate e altri saggi solari

Voto medio di 67
| 34 contributi totali di cui 11 recensioni , 23 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Albert Camus è per i lettori soprattutto l’autore de Lo straniero e de La peste. Ed è anche uno dei due protagonisti di quella che è stata definita “la più famosa polemica personale di tutto il dopoguerra”, quella con Sartre. All’origine ...Continua
Ha scritto il 01/08/17
“Sì, c’è la bellezza e ci sono gli umiliati. Per difficile che sia l’impresa, vorrei non essere mai infedele all’una né agli altri.” (p. 99) “Deliziosa angoscia di essere, prossimità squisita di un pericolo di cui non conosciamo il ...Continua
  • 4 mi piace
Ha scritto il 12/08/15
Imparavo finalmente, nel cuore dell’inverno, che c’era in me un’invincibile estate.
Una visione della vita, la sua, che trova una parvenza di consolazione nella accettazione di sé stessa. L'uomo infatti per Camus riacquista la sua dignità per mezzo della coraggiosa assunzione della propria condizione di uomo. Senza ...Continua
  • 4 mi piace
  • 4 commenti
Ha scritto il 03/06/15
Un sole invincibile in un'invincibile estate
Sentire è quasi capire. Per vivere ci vuole una grazia, l'oblio di sé o una patria. Certe mattine, all'angolo d'una strada, cade sul cuore una deliziosa rugiada, poi evapora. Ma quel fresco rimane, e il cuore lo esige sempre
  • 4 mi piace
Ha scritto il 30/10/14
Nihil sub sole novum - Mitizzazioni fascistissime.
La vita, la giovinezza, il corpo, la mancanza di tenerezza e di pietà, essere dei della carne, molestare giovani fanciulle in spiaggia: non c'è spazio per gli intellettualismi altrimenti non sei uomo e la faccenda è chiusa.In altre parole? La ...Continua
  • 7 mi piace
Ha scritto il 09/01/14
Che bello questo Camus fatto di carne e ossa, di sensazioni, ricordi e speranze. In questo libro non c'è nessun straniero.
  • 1 commento

Ha scritto il Aug 29, 2017, 13:56
Auguro questo libro al giovane lettore che assomigli a colui che io ero.
Pag. 158
Ha scritto il Sep 26, 2014, 10:03
Dopo pochi passi, gli assenzi ci prendono alla gola. La loro lanugine grigia copre le rovine a perdita d’occhio. La loro essenza fermenta sotto il caldo, e dalla terra al sole si leva su tutta la distesa del mondo un alcool generoso che fa ...Continua
Ha scritto il Sep 26, 2014, 10:02
Non è evidente che tutto ciò che distrugge l'arte vale a rafforzare le ideologie che fanno l'infelicità degli uomini? Gli artisti sono stati i soli a non aver fatto male al mondo.
Ha scritto il May 29, 2012, 12:31
Perché il saggio esprime poco, come l'idiota. Ed è una reciprocità che mi manda in estasi.Ma debbo questo insegnamento all'Italia o me lo sono estratto dal cuore? Certo è là che mi è apparso. Perché l'Italia, come altri luoghi privilegiati, ...Continua
Pag. 38
Ha scritto il Mar 21, 2012, 16:00
Soli anche con l'orizzonte. Le onde vengono pazientemente a una a una dall'invisibile est; giungono fino a noi e pazientemente ripartono verso l'ignoto ovest, una a una. Lungo cammino, mai iniziato, mai compiuto... Il rivo e il fiume passano, il ...Continua
Pag. 105

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi