Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'evoluzione della fisica

Sviluppo delle idee dai concetti iniziali alla relatività e ai quanti

Di ,

Editore: Bollati Boringhieri

4.1
(228)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 310 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Isbn-10: 8833900258 | Isbn-13: 9788833900254 | Data di pubblicazione:  | Edizione 10

Traduttore: A. Graziadei

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Non-fiction , Philosophy , Science & Nature

Ti piace L'evoluzione della fisica?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Della nascita di questo libro così racconta Infeld: "Presi il mio coraggio adue mani e cominciai un discorso complicato, spiegando la mia idea con unsacco di ripetizioni. Conclusi dicendo: "I più grandi scienziati hanno scrittoopere divulgative, considerate anche oggi classiche". Einstein mi guardavatranquillamente accarezzandosi i baffi. Infine disse tra sé: "Non è un'ideastupida". E poi a me: "Lo faremo!" Si appassionò al progetto in modoindescrivibile. Spesso ripeteva: "E' stata un'idea formidabile". SecondoEinstein, nella fisica esistono solo alcune idee fondamentali, e tali idee sipossono esprimere con parole. Il nostro scopo doveva essere quello dipresentare le idee fondamentali.
Ordina per
  • 0

    Altamente consigliato per gli studenti, e non solo

    Einstein ha detto che si può dire di aver capito un concetto solo quando si è in grado di spiegarlo alla nonna.
    Infatti, quando si comprende una teoria a ogni livello, anche intuitivo, si coglie l’idea che c’è dietro. A quel punto non hai più bisogno necessariamente di termini specifici o comple ...continua

    Einstein ha detto che si può dire di aver capito un concetto solo quando si è in grado di spiegarlo alla nonna. Infatti, quando si comprende una teoria a ogni livello, anche intuitivo, si coglie l’idea che c’è dietro. A quel punto non hai più bisogno necessariamente di termini specifici o complessi, o del formalismo matematico, per spiegarlo/spiegartelo: puoi afferrare lo sviluppo delle idee con parole semplici. E’ in questo modo che è scritto il libro. Lo scopo è far capire le idee e seguire il loro sviluppo nella storia della fisica. Si riparte dagli albori, da un carrello che viene spinto su una strada piana, e si immaginano le idee che se ne possono ricavare. Su questo primo mattoncino, esperimento dopo esperimento, esempio concreto dopo esempio concreto, si ricostruisce tutto il complesso di idee della fisica classica; dopodiché si mostra come dal sommovimento delle idee sia nata la fisica moderna. Il libro è fonte di nutrimento preziosa per ogni persona che ami la cultura, in senso ampio come dovrebbe essere, cioè come interesse per tutte le idee sviluppate dall’uomo su se stesso e sulla realtà; interesse per ogni ricerca, in quanto viaggio, esplorazione, esperienza ricca per gli uomini. “Abbiamo inteso disegnare a larghi tratti i tentativi dell’intelletto umano volti a scoprire un nesso tra il mondo delle idee e il mondo dei fenomeni. Abbiamo cercato di mostrare quali siano le forze agenti che inducono la scienza a concepire idee rispondenti alla realtà del mondo in cui viviamo”. Ogni tanto serve qualcuno che, dalle scoperte delle varie specializzazioni, dai formalismi tecnici, dai concetti provenienti da campi anche lontani, riesca a estrarre una sintesi chiara che ci riporti direttamente alle idee, affinché il patrimonio di ricerche possa tradursi in cultura per tutti, in uno sguardo più ampio e in una visione che ci permetta di spiegare la realtà nella sua ricchezza da molteplici punti di vista: è così che si può costruire un nuovo punto di partenza per nuove idee.

    ha scritto il 

  • 5

    Semplicemente BELLO

    Ricco di analogie intuitive e di spunti interessanti. Dovrebbe essere letto in classe alle medie/superiori per avvicinare i ragazzi alla fisica, invece di farli scappare a forza di formulacce !

    ha scritto il 

  • 4

    Farsi raccontare l'evoluzione della fisica da Albert Einstein è già di per sé affascinante, ma se inoltre l'esposizione viene snocciolata in modo chiaro e semplice anche per i non addetti ai lavori allora il libro diventa un'ottima lettura per ogni persona naturalmente curiosa. Del resto spiegare ...continua

    Farsi raccontare l'evoluzione della fisica da Albert Einstein è già di per sé affascinante, ma se inoltre l'esposizione viene snocciolata in modo chiaro e semplice anche per i non addetti ai lavori allora il libro diventa un'ottima lettura per ogni persona naturalmente curiosa. Del resto spiegare la fisica ai non fisici è proprio l'obiettivo dichiarato degli autori e viene centrato pienamente. E una volta girata l'ultima pagina non si può evitare di rimanere colpiti dalla precarietà di una scienza come la fisica, considerata nell'immaginario comune come un insieme di nozioni solide e ben delineate. Si tratta piuttosto di un mondo in movimento, fatto di zone nebulose e tragiche rivoluzioni.

    Esso potrà apparire noioso o interessante, monotono o stimolante, ma il nostro intento sarà raggiunto, se queste pagine indurranno il lettore a meditare sull'eterna lotta impegnata dall'inventivo umano, per giungere a una migliore comprensione delle leggi che governano i fenomeni fisici.

    ha scritto il 

  • 4

    Delizioso manualetto divulgativo che si pone come obiettivo principale la riduzione degli innumerevoli fenomeni fisici ai soli concetti fondamentali, tramite l'individuazione delle leggi universali che ne determinano il comportamento.
    Chiaro, lineare, accessibile a chiunque, vanta il supporto di ...continua

    Delizioso manualetto divulgativo che si pone come obiettivo principale la riduzione degli innumerevoli fenomeni fisici ai soli concetti fondamentali, tramite l'individuazione delle leggi universali che ne determinano il comportamento. Chiaro, lineare, accessibile a chiunque, vanta il supporto di qualche grafico essenziale ed immediato, completamente depurato da elementi algebrici e matematici in genere. Gli autori stessi (Albert Einstein e Leopold Infeld, scusate se è poco...) nella loro prefazione immaginano il presunto lettore come dotato di molte qualità atte a compensare una totale manzanza di cognizioni concrete in fatto di fisica e matematica. [...] pieno d'interesse per le idee. Da qui la stesura di una dissertazione quasi esclusivamente filosofica che non tralascia di ripercorrere le tappe cruciali della storia della fisica da Galileo a Planck.

    Egli potrà anche credere all'esistenza di un limite ideale della conoscenza, a cui l'intelletto umano può avvicinarsi indefinitamente, e potrà chiamare verità obiettiva tale limite.

    Rilasciato da .•.•´*`•.•. LaFigliaDelPittore .•.•´*`•.•. con licenza CC Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia. http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/it/

    ha scritto il 

  • 4

    Beh, Einstein è sempre Einstein ed è il mio scienziato preferito :D
    Purtroppo questo libro conferma la mia idea che finché si parla della fisica prima del 1900, è abbastanza facile esporre le varie teorie senza ricorrere alla matematica e renderle comprensibili a tutti quanti: le prime due parti ...continua

    Beh, Einstein è sempre Einstein ed è il mio scienziato preferito :D Purtroppo questo libro conferma la mia idea che finché si parla della fisica prima del 1900, è abbastanza facile esporre le varie teorie senza ricorrere alla matematica e renderle comprensibili a tutti quanti: le prime due parti e mezzo del libro (fino a subito prima della relatività speciale) sono spiegate magistralmente e in modo piuttosto semplice, (addirittura illuminante in alcuni punti!) e interessanti anche per chi le conosce già. L'ultima parte e mezza, dalla relatività speciale alle prime formulazioni della teoria dei quanti, dimostrano, secondo me, che, pur con tutti gli sforzi che un grande scienziato come Einstein fa, è veramente difficile rendere semplici e intuitive le idee della fisica moderna, soprattutto senza l'aiuto del linguaggio matematico.

    ha scritto il 

  • 5

    La dimostrazione di come non sia necessario utilizzare un linguaggio complesso e autoreferenziale per esporre argomenti complessi, e di come basti poco per far comprendere a chiunque concetti fisici alla base della Scienza moderna.
    Fondamentale per chiunque sia interessato all'argomento, adatto s ...continua

    La dimostrazione di come non sia necessario utilizzare un linguaggio complesso e autoreferenziale per esporre argomenti complessi, e di come basti poco per far comprendere a chiunque concetti fisici alla base della Scienza moderna. Fondamentale per chiunque sia interessato all'argomento, adatto sia ai profani che agli addetti ai lavori.

    Un'ottima lettura consigliatami da un altrettanto ottimo insegnante di Fisica del quale conservo uno splendido ricordo. Ce ne fossero di più di docenti universitari così...!

    ha scritto il 

  • 3

    Il tentativo di spiegare la fisica a parole non raggiunge il suo obiettivo, ma il libro è interessante perché rivela la forma mentis di un genio, Einstein, e del suo approccio all'evoluzione della scienza che lo ha preceduto. Racconta alcune delle ultime scoperte (la relatività) in cui la teoria ...continua

    Il tentativo di spiegare la fisica a parole non raggiunge il suo obiettivo, ma il libro è interessante perché rivela la forma mentis di un genio, Einstein, e del suo approccio all'evoluzione della scienza che lo ha preceduto. Racconta alcune delle ultime scoperte (la relatività) in cui la teoria è stata ancora influenzata dalla percezione materiale del mondo, e nell'Era delle Stringhe è una doccia di realismo. Peccato per la traduzione, certo datata, spesso comica ("matemathics" diventa "le matematiche", per dirne una): a un certo punto ho temuto che il momento di inerzia diventasse "un attimo di abbandono".

    ha scritto il 

  • 4

    Il libro ripercorre i momenti cruciali della storia della fisica, partendo dalla nascita dell’interpretazione meccanicistica e arrivando alla relatività e all’introduzione dei quanti. E’ un’ottima opera per i curiosi e i principianti, la narrazione è scorrevole e mai appesantita dalla matematica; ...continua

    Il libro ripercorre i momenti cruciali della storia della fisica, partendo dalla nascita dell’interpretazione meccanicistica e arrivando alla relatività e all’introduzione dei quanti. E’ un’ottima opera per i curiosi e i principianti, la narrazione è scorrevole e mai appesantita dalla matematica; rimane tuttavia interessante anche per chi già conosce gli argomenti trattati, in quanto confrontarsi con due scienziati che hanno cambiato il novecento è estremamente affascinante.

    ha scritto il