Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'evoluzione di Jane

Di

Editore: Mondadori

2.8
(351)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 191 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000036343 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature

Ti piace L'evoluzione di Jane?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    L'amicizia secondo Darwin

    Il libro ha una scrittura piacevole e brillante,alcune frasi intelligenti, ironiche trafiggono l'attenzione del lettore. Lo stile della Schine pesa più della storia. C'è un segreto da scoprire, ci sono dei retroscena da svelare ma sembrano più espedienti per indagare dall'originale punto di vista ...continua

    Il libro ha una scrittura piacevole e brillante,alcune frasi intelligenti, ironiche trafiggono l'attenzione del lettore. Lo stile della Schine pesa più della storia. C'è un segreto da scoprire, ci sono dei retroscena da svelare ma sembrano più espedienti per indagare dall'originale punto di vista della teoria evoluzionistica di Darwin, cose come la vita e l'amicizia. I personaggi sono tutti simpatici, alcuni quasi caricaturali. Indimenticabile l'ecosciattona, Gloria, con le sue collanine di cacca di uccello e con i suoi vestiti particolari.Gloria ha una visione delle cose di un'intelligenza folgorante. La storia non è poi granchè, ma i personaggi sono così piacevoli che la lettura è consigliatissima a chi ha voglia di rilassarsi con una lettura gradevole ma non stupida.

    ha scritto il 

  • 2

    Tema interessante (fine di un'amicizia d'infanzia) ma sviluppato dall'autrice in maniera autoironica e spesso forzatamente umoristica, che ne sminuisce il valore.
    Azzeccata la grande verità che spesso un'amicizia appassisce senza alcuna motivazione; si prendono solo strade diverse....

    ha scritto il 

  • 3

    Evoluzione e sentimenti.
    Darwin e la filosofia dell'amore.
    Libro dal ritmo lento e forse leggermente ripetitivo che affronta diversi "momenti" della vita di una giovane donna.
    Si passa dall'infanzia, e quindi l'amicizia profonda con "la cugina" all'età adulta, dove l'amicizia se ...continua

    Evoluzione e sentimenti.
    Darwin e la filosofia dell'amore.
    Libro dal ritmo lento e forse leggermente ripetitivo che affronta diversi "momenti" della vita di una giovane donna.
    Si passa dall'infanzia, e quindi l'amicizia profonda con "la cugina" all'età adulta, dove l'amicizia sembra cancellata, dimenticata.
    Unico pregio di un romanzo, breve, ma forse troppo ripetitivo, è la capacità della Schine di fondere la natura e la scienza con l'animo umano e i sentimenti.
    Consigliato a chi vuole un libro leggero da leggere prima di andare a dormire.

    ha scritto il 

  • 2

    Ciò che a suo tempo mi ha spinto a comprare questo libro sono state le prime frasi che vi ho letto: " Avete mai perso un'amica? E' una delle esperienze più tristi e sconcertanti che vi possano capitare. Nessuno vi mostra comprensione, a meno che la vostra amica non sia morta. Ma questo non era il ...continua

    Ciò che a suo tempo mi ha spinto a comprare questo libro sono state le prime frasi che vi ho letto: " Avete mai perso un'amica? E' una delle esperienze più tristi e sconcertanti che vi possano capitare. Nessuno vi mostra comprensione, a meno che la vostra amica non sia morta. Ma questo non era il mio caso ".
    Pensavo dunque si trattasse della storia di un'amicizia finita, perduta, di qualcosa di delicato, o complicato, o commovente, ad ogni modo, interessante.
    Ed invece mi sono ritrovata con un libro piuttosto noioso, una protagonista egocentrica e irritante, una storia familiare che non riesce a coinvolgere il lettore.
    Unica nota positiva, le descrizioni delle Galàpagos.
    Ma se avessi voluto un libro di viaggio avrei letto dell'altro.

    http://iltesorodicarta.blogspot.it/

    ha scritto il 

  • 4

    Kathleen Schine finora non mi ha mai deluso!

    Una lettura piacevole, rapida e fluida...
    Potrebbe risultare un po' tediosa la disamina naturalistica sulla natura e l'evoluzione, Darwin e tutto il resto (come ho letto in alcuni commenti) però per me non è stato così... forse perché ho recentemente letto libri sull'argomento e ritrovarli ...continua

    Una lettura piacevole, rapida e fluida...
    Potrebbe risultare un po' tediosa la disamina naturalistica sulla natura e l'evoluzione, Darwin e tutto il resto (come ho letto in alcuni commenti) però per me non è stato così... forse perché ho recentemente letto libri sull'argomento e ritrovarli in un contesto diverso da quello manualistico mi ha fatto più piacere che altro.
    Anche se questo titolo non è di certo all'altezza de "La lettera d'amore" si merita comunque quattro stelline, se non altro per lo stile e la scrittura!

    ha scritto il 

  • 3

    Simpatica ma ripetitiva. Racconto in forma di saga famigliare, con la solita molteplicita´ di personaggi che entrano ed escono come in una vivace commedia degli equivoci, ognuno con una sua caratteristica ed una battuta folgorante. La cornice "darwiniana" conferisce un´aura filosofica e offre sp ...continua

    Simpatica ma ripetitiva. Racconto in forma di saga famigliare, con la solita molteplicita´ di personaggi che entrano ed escono come in una vivace commedia degli equivoci, ognuno con una sua caratteristica ed una battuta folgorante. La cornice "darwiniana" conferisce un´aura filosofica e offre spunti interessanti, ma il tessuto narrativo e´ gracile.

    ha scritto il 

  • 0

    Eva con(tro) Eva

    Ho riletto questo libro da poco.


    Amicizie al femminile.


    A me non piacciono le accezioni di genere, ancor meno se si parla di amicizia, ‘ché già diffido di questa parola così puttana e ruffiana, figuriamoci poi se devo anche declinarla…”amicizie femminili”. .. (e comunque anche Darw ...continua

    Ho riletto questo libro da poco.

    Amicizie al femminile.

    A me non piacciono le accezioni di genere, ancor meno se si parla di amicizia, ‘ché già diffido di questa parola così puttana e ruffiana, figuriamoci poi se devo anche declinarla…”amicizie femminili”. .. (e comunque anche Darwin rifletteva sulle possibili ragioni dell’esistenza dei sessi. Vale a dire: a cosa servono? Sarebbe molto pù utile se non esistessero…Nulla probabilmente esiste per una sola causa…)

    Se devo caratterizzare le amicizie le distinguo tra silenti e quelle ciù ciù ciù… quelle cioè fatte di fiumi di parole, dirsi, raccontarsi…Anche se a dire il vero ho sempre diffidato delle amicizie ciù ciù ciù …maschili o femminili che siano state e la mia storia personale mi ha sempre dato ragione.

    Quando lessi il libro per la prima volta, Cristina si era appena eclissata senza una parola, dopo mesi di lettere, confidenze, dissidi. La sua frustrazione d’avvocato al seguito di un Illuminato Professore che, come è d’uso in questi casi, la sfruttava senza vergogna, la sua separazione coniugale, le sue premure… (chissà perché tutti hanno premura quando sono sull’orlo del collasso…) .

    L’ho riletto in questi giorni. Volutamente. Visto che accade di nuovo che qualcuno si eclissi. Ma è anche vero che ciò che io chiamo eclissi, in realtà è evoluzione e per rimanere in tema con il libro, dice che proprio il ciù ciù ciù sia stato fondamentale per i fringuelli, studiati da Darwin, per la loro sopravvivenza ed evoluzione … ed io sono felice quando le cose evolvono e non rimangono statiche…soprattutto se statiche ha a che fare con il dolore.

    Quanto a me, tanto per restare in tema, mi sento come un organismo residuo…di quelli cioè le cui caratteristiche, un tempo utili ad una specie, si vanno via via dissolvendo a causa del ridotto utilizzo o cambiano funzione o addirittura scompaiono..

    Non mi sconvolge più di tanto quando tutto questo accade, ho il mio “cappotto lacero” di céliniana memoria e scorza abbastanza dura per riconoscere l’egoismo e l’utilitarismo come matrici essenziali ai sentimenti, anche i più nobili…ma dico, almeno una cartolina quando tornate a sorridere…potete mandarla no ?!?

    p.s.
    Questo libro lo avevo già letto nel 1998. E così, quando decisi di mettere la mia libreria su anobii, non l'ho commentato. Troppo in là nel tempo il ricordo. L'ho riletto, poi, in questi giorni. Parla di amicizie al femminile, una storia che si perde tra le Galàpagos, i fringuelli di Darwin e strane teorie.

    ha scritto il