Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

L'homme qui voulait être heureux

By

3.5
(155)

Language:Français | Number of pages: | Format: Others | En langues différentes: (langues différentes) Italian , Spanish , Catalan

Isbn-10: 2266186671 | Isbn-13: 9782266186674 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Mass Market Paperback

Category: Fiction & Literature , Philosophy , Religion & Spirituality

Aimez-vous L'homme qui voulait être heureux ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Imaginez... Vous êtes en vacances à Bali et peu de temps avant votre retour, vous consultez un vieux guérisseur. Sans raison particulière, juste parce que sa grande réputation vous a donné envie de le rencontrer, au cas où...
Son diagnostic est formel : vous êtes en bonne santé, mais vous n'êtes pas ... heureux.
Porteur d'une sagesse infinie, ce vieil homme semble vous connaître mieux que vous-même. L'éclairage très particulier qu'il apporte à votre vécu va vous entraîner dans l'aventure la plus captivante qui soit : celle de la découverte de soi. Les expériences dans lesquelles il vous conduit vont bouleverser votre vie, en vous donnant les clés d'une existence à la hauteur de vos rêves.
Sorting by
  • 3

    Condensato della saggezza orientale in forma dialogica

    L’atmosfera un po’ troppo alla Touring Club, stavolta in versione Bali, indispone un po’. Ma per quanto il narratore risulti di una superficialità intollerabile, soprattutto se messo in correlazione c ...continuer

    L’atmosfera un po’ troppo alla Touring Club, stavolta in versione Bali, indispone un po’. Ma per quanto il narratore risulti di una superficialità intollerabile, soprattutto se messo in correlazione con quelle che dovrebbero essere le ragioni della sua ricerca – capire chi vuole essere e come diventarlo – alla fine i dialoghi con il maestro di sapienza orientale sono abbastanza interessanti. Samtyang è un personaggio che dice cose su cui riflettere, anche perché colpiscono chiunque direttamente. Da annotare molte delle sue considerazioni, non perché siano originalissime, ma perché – come si dice – bis repetita juvant. In ogni caso.

    dit le 

  • 4

    Se lei non rinuncia a niente, evita di scegliere. E quando ci si astiene dallo scegliere, ci si astiene dal vivere la vita che si vorrebbe

    Ti mette in pace con il mondo...

    dit le 

  • 4

    Gli altri ci vedono come noi ci vediamo

    "Gli esseri umani sono molto attaccati a tutto ciò in cui credono. Non cercano la verità, vogliono solo una certa forma di equilibrio, e riescono a costruirsi un mondo più o meno coerente sulla base d ...continuer

    "Gli esseri umani sono molto attaccati a tutto ciò in cui credono. Non cercano la verità, vogliono solo una certa forma di equilibrio, e riescono a costruirsi un mondo più o meno coerente sulla base delle loro convinzioni. Ciò li rassicura, e inconsciamente vi si aggrappano"

    L'intero libro, senza pretese letterarie, fa da corollario a questa frase. Un testo semplice come semplici sono i nodi che incatenano le nostre vite. Siamo troppo impegnati a tenere in piedi la nostra impalcatura per vedere la soluzione, tuttavia poche parole ben assestate possono aprirci una via.
    L'importanza di poter scegliere, di saper chiedere aiuto agli altri, di scalare le montagne che portano al nostro sogno. Chi è interessato a questi temi legga questo libro. Voto al messaggio.

    dit le 

  • 3

    Trovar se stessi a Bali.

    Potrebbe essere "solo" un saggio, ma la geografia del luogo, soprattutto all'inizio, rende incantevole questo libro.
    «É normale. Gli esseri umani sono molto attaccati a tutto ciò in cui credono, NON C ...continuer

    Potrebbe essere "solo" un saggio, ma la geografia del luogo, soprattutto all'inizio, rende incantevole questo libro.
    «É normale. Gli esseri umani sono molto attaccati a tutto ciò in cui credono, NON CERCANO LA VERITA' vogliono solo una certa forma di equilibrio, e riescono a costruirsi un mondo più o meno coerente sulla base delle loro convinzioni. Ciò li rassicura, e inconsciamente vi si aggrappano.»

    dit le 

  • 5

    Come trovare la felicità? Ecco qua!

    Un libro che ti fa ripensare tante cose, scritto molto bene, quasi sembra una favola. Più che un libro lo si potrebbe definire un'insegnamento sulla ricerca della felicità, con il vecchio saggio come ...continuer

    Un libro che ti fa ripensare tante cose, scritto molto bene, quasi sembra una favola. Più che un libro lo si potrebbe definire un'insegnamento sulla ricerca della felicità, con il vecchio saggio come insegnante ed i problemi del protagonista (che sono un po' i problemi che abbiamo tutti) mostrano la strada di come cercare la felicità in modo amabile con esempi facili e ambientato a Bali.

    dit le 

  • 4

    Utilissimo. I ragionamenti e tutti i discorsi con il Guru mi hanno proprio aperto gli occhi su diverse cose.
    L'ho prestato a non so più quante amiche. Lo consiglio!

    dit le 

  • 2

    Quasi duecento pagine stirate all'estremo solo per passare il messaggio che ci facciamo tutti condizionare dalle credenze con le quali cresciamo. Nè saggio né romanzo; sono arrivata alla fine solo pe ...continuer

    Quasi duecento pagine stirate all'estremo solo per passare il messaggio che ci facciamo tutti condizionare dalle credenze con le quali cresciamo. Nè saggio né romanzo; sono arrivata alla fine solo per vedere dove andava a parare, dunque forse la cosa migliore è una delle frasi finali:
    "Non lasciare mai che nessuno ti dica cosa non sei capace di fare. Sta a te la scelta di vivere la tua vita."

    dit le 

  • 0

    Alla fine la finzione stufa un po', l'autore, al posto di raccontarci le sue riflessioni, le fa dire a un guru balinese, perfettamente a conoscenza dell'occidente e della tecnologia e imbastisce un di ...continuer

    Alla fine la finzione stufa un po', l'autore, al posto di raccontarci le sue riflessioni, le fa dire a un guru balinese, perfettamente a conoscenza dell'occidente e della tecnologia e imbastisce un dialogo che all'inizio sembra un po finto, poi artificioso e poi paradossale. Peccato, perche' molte cose e' piacevole leggerle.

    dit le 

  • 4

    Comme dirait l'auteur, vous avez le choix !!.... Alors que faites-vous ?

    J'ai pris beaucoup de plaisir à le lire. Pas de difficulté particulière a priori ! J'ai cependant trouvé à certains moments vraiment un manque de naturel venant des deux personnages : j'ai eu l'impres ...continuer

    J'ai pris beaucoup de plaisir à le lire. Pas de difficulté particulière a priori ! J'ai cependant trouvé à certains moments vraiment un manque de naturel venant des deux personnages : j'ai eu l'impression que l'auteur voulait absolument nous faire passer des messages mais cela me paraissait quelquefois invraisemblable et maladroit dans la bouche des personnages...
    Cependant, c'est vrai que pris au premier degré, le livre fait un peu "simple" dans les idées mais là n'est pas son but. Même si l'on n'attend rien de l'histoire ( je dois avouer) , les messages restent tous essentiels, applicables à tous (on y adhère ou pas !). Et il faut prendre le temps de les digérer... Et ce livre ne peut faire que du bien alors pas de risque !
    Alors oui, je le conseille quand même. Mais voilà,

    dit le 

Sorting by